Bando Isi Agricoltura 2020, entro domani la domanda


Scade il 24 settembre il termine per presentare la domanda per ottenere finanziamenti su investimenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro
Bando Isi Agricoltura 2020, entro domani la domanda

Scade domani, 24 settembre 2020, il termine di presentazione delle domande per aderire al Bando Isi Agricoltura 2020 promosso dall’Inail. L’avviso pubblico consente alle imprese del settore agricolo di ottenere finanziamenti per l’acquisto di macchinari e attrezzature che consentano di migliorare la produttività e, soprattutto, la sicurezza sui luoghi di lavoro.

Per il bando, l’Inail ha stanziato complessivamente 65 milioni di euro ripartiti in due distinti assi di finanziamento.

 

 

 

Finalità del bando Isi Agricoltura 2020

Lo scopo dell’avviso pubblico Isi Agricoltura è quello di sostenere le imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli che intendono investire in nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro che consentano:

•    Di abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti;

•    La riduzione del livello di rumorosità;

•    La riduzione del rischio infortunistico;

•    La riduzione del rischio dovuto allo svolgimento di operazioni manuali.

I macchinari e attrezzature da acquistare devono soddisfare alcuni obiettivi, ovvero:

•    Il miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali dell'azienda agricola;

•    La riduzione dei costi di produzione;

•    Il miglioramento e la riconversione della produzione;

•    Il miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.

Infine, la domanda può riguardare sia i progetti di acquisto di macchine e trattori agricoli o forestali, sia il noleggio con patto di acquisto.

 


Chi può partecipare al bando

Possono partecipare al bando le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli. Per "produzione agricola primaria", in base al punto 5 dell’art. 2 del Regolamento (UE) n. 702/2014 si intende “la produzione di prodotti del suolo e dell'allevamento (...), senza ulteriori interventi volti a modificare la natura di tali prodotti”.

Sempre in base al citato regolamento, si definiscono:

1.    Piccola impresa: un'impresa che occupa meno di 50 persone e realizza un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non superiori a 10 milioni di euro;

2.    Microimpresa: un'impresa che occupa meno di 10 persone e realizza un fatturato annuo e/o un totale di bilancio annuo non superiore a 2 milioni di euro.
Se si rispettano i requisiti dimensionali e se si opera nel settore della produzione di prodotti del suolo e dell'allevamento, è possibile inviare la domanda per partecipare all’avviso pubblico.

 

 

Gli assi di finanziamento

Come detto, l’Inail, per il bando Isi Agricoltura 2020, ha stanziato 65 milioni di euro in totale che intende distribuire attraverso due assi di finanziamento, uno dedicato alla pluralità delle imprese agricole e l’altro ai giovani agricoltori.

Le risorse, inoltre, saranno distribuite attraverso le regioni o province autonome.
Nello specifico, il fondo stanziato è suddiviso nel seguente modo tra i seguenti due assi di finanziamento:

53 milioni di euro destinati alla generalità delle imprese agricole;

12 milioni di euro riservati agli imprenditori giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria.

Come si legge nel sito dell’Inail, il finanziamento in conto capitale è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’IVA nella misura del:

• 40% per la generalità delle imprese agricole;
• 50% per gli imprenditori giovani agricoltori.

Infine, è possibile ottenere il finanziamento da un minimo di mille euro fino a un massimo di 60 mila euro.

 

 

Come presentare la domanda

Ciascuna impresa può presentare una sola domanda in una singola Regione o Provincia autonoma e soltanto per un unico asse di finanziamento descritto sopra.

La presentazione della domanda deve avvenire esclusivamente in modalità telematica attraverso il servizio online dedicato sul sito dell’Inail e le istanze saranno registrate in ordine cronologico.

 

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza e assistenza fiscale e tributaria