Consulente del lavoro: figura chiave per le imprese


Conoscitore del mercato del lavoro, è colui che può assistere il datore di lavoro nella gestione del personale
Consulente del lavoro: figura chiave per le imprese

Competenze, assunzioni, licenziamenti, contratti e buste paghe. La gestione del personale è di certo una delle principali criticità dell’azienda, la cui realizzazione dei profitti dipende in larga parte dal fattore lavoro.Economisti, studiosi e imprenditori si sono sempre interrogati sulla concezione del lavoro all’interno della struttura organizzativa, così come sulla suddivisione dei ruoli o sulla gestione dei sistemi incentivanti.

Indipendentemente dalla dimensione aziendale (piccola, media o grande impresa), dalla struttura organizzativa (funzionale, divisionale, a matrice...) e dallo stile manageriale (autoritario, delegativo), ciò che accomuna tutte le aziende è la necessità della gestione e inquadramento del personale in base a quanto dettato dal legislatore e dalle regole del mercato del lavoro. Il consulente del lavoro è una figura chiave e strategica nel triplice rapporto che lega il datore di lavoro, i dipendenti e gli enti statali e previdenziali.

E’ colui che, nello specifico, conosce a 360 gradi il mondo del lavoro e può consigliare il datore di lavoro nelle scelte più opportune e strategiche da prendere in ambito lavorativo e contrattuale. Non solo, fornisce assistenza nei rapporti con gli enti di categoria.

L’elenco delle competenze del consulente del lavoro è di certo lungo, ma ecco alcune delle sue principali funzioni:
- assistenza e consulenza sulle modalità di selezione del personale
- assistenza e consulenza contrattualistica per le assunzioni
- assistenza e consulenza nei licenziamenti
- assistenza e consulenza in caso di pratiche per malattia, maternità, infortunio del personale
- calcolo e predisposizione delle buste paga
- assistenza e consulenza in caso di controversie del lavoro
- assistenza e intermediazione con gli istituti previdenziali, assicurativi e di ispezione
- assistenza e intermediazione con i sindacati di categoria e i dipendenti

Il consulente del lavoro è tanto più indispensabile nei periodi in cui il legislatore emana nuove regole in tema di lavoro. Come questo. E’ recente, infatti, l’introduzione dei decreti attuativi del Jobs Act che hanno comportato una rivisitazione delle tipologie contrattuali (introduzione del il nuovo contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti e, ad esempio, la graduale estinzione di altre forme come i co.co.pro.) e novità sul fronte dei licenziamenti dei dipendenti.

La normativa del mercato del lavoro è complessa e molti sono i diritti/doveri che il datore di lavoro deve rispettare. Un’assistenza puntuale e competente in ambito lavorativo è senz’altro un punto di forza nel più ampio ambito gestionale che consente al vertice aziendale di compiere scelte strategiche di successo.

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza del lavoro