Credito di imposta per l’e-commerce agroalimentare


C’è tempo fino al 29 febbraio per presentare la domanda per ottenere l’agevolazione fiscale
Credito di imposta per l’e-commerce agroalimentare

C’è tempo solo fino al 29 febbraio prossimo per presentare la domanda per ottenere l’agevolazione fiscale dedicata alle imprese operanti nel settore agroalimentare che hanno investito nell’e-commerce. Lo rende noto sul suo sito ufficiale il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali tramite un comunicato stampa.

L’agevolazione può essere richiesta da tutte le imprese che producono prodotti agricoli, agroalimentari, della pesca e dell'acquacoltura e anche costituite in cooperative o riunite in consorzi. Il beneficio consiste in un credito di imposta pari al 40% delle spese agevolabili e sostenute nel 2015 fino a un tetto massimo di 50 mila euro.
Le spese sostenute, per le quali si richiede il credito, devono riguardare gli investimenti per avviare o sviluppare la vendita dei prodotti agroalimentari tramite il commercio elettronico.

A tal fine sono considerate spese agevolabili tutte quelle sostenute per "la realizzazione e l'ampliamento di infrastrutture informatiche finalizzate all'avvio e allo sviluppo del commercio elettronico. In particolare: dotazioni tecnologiche, software, progettazione e implementazione, sviluppo di database e sistemi di sicurezza".

Per ottenere il beneficio fiscale è necessario presentare il modulo apposito, direttamente scaricabile dal sito del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (www.politicheagricole.it) compilando tutti i campi richiesti, tra cui il codice dell'attività prevalente, il tipo di impresa, le spese totali sostenute, la specifica delle singole spese agevolabili e il credito di imposta di cui si avrebbe diritto.

"Sfruttare al meglio il potenziale del web - afferma il Ministro Maurizio Martina nel comunicato stampa - vuol dire essere sempre più competitivi e conquistare nuove importanti fette di mercato. Le nostre imprese lo sanno bene e cresce anche il numero dei giovani che decidono di investire in questo ambito. Come Governo, anche attraverso misure come questa, continuiamo a sostenere concretamente l'innovazione in un settore che si conferma strategico per l'economia del nostro Paese."

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza e assistenza fiscale e tributaria