Ecco le nuove semplificazioni fiscali


Sono entrate in vigore il 13 dicembre le nuove norme contenute nel D.Lgs. 175/2014. Novità anche in materia di appalti, APE ed Ecobonus
Ecco le nuove semplificazioni fiscali

Sono entrate in vigore il 13 dicembre scorso le nuove norme sulla semplificazione fiscale previste dal Decreto Legislativo 175/2014 che attua la Legge Delega 23/2014. Diverse le novità tra cui una nuova metodologia di controlli e sanzioni per irregolarità nella presentazione dell’Attestato di Prestazione Energetica (APE), l’abrogazione della responsabilità solidale negli appalti e l’eliminazione dell’obbligo della comunicazione all’Agenzia delle Entrate dei lavori di riqualificazione energetica a cavallo tra due anni. Ecco le novità in dettaglio.

Attestato di prestazione energetica (A.P.E.)
La redazione di tale certificazione da parte di un professionista abilitato è obbligatoria nei casi di contratti di compravendita immobiliare, di affitto o di pubblicazioni di annunci di affitto o di vendita di immobili. Precedentemente all’entrata in vigore del D.Lgs. 175/2014, le irregolarità erano scovate e sanzionate dall’Agenzia delle Entrate in collaborazione con la Guardia di Finanza. L’art. 34 del D.Lgs. 175/2014, modificando sostanzialmente il comma 3 dell’art.6 del D.Lgs. 192/2005, prevede che da ora in poi sarà il Ministero dello sviluppo economico a dover accertare e contestare le violazioni per mancata presentazione dei documenti in ambito energetico. Ovviamente, come in passato, le verifiche saranno avviate sulla base delle segnalazioni inviate dall’Agenzia delle Entrate. Per saperne di più, leggete l’articolo "A.P.E.: nuovo sistema di controlli perle violazioni".

Appalti: abrogata la responsabilità solidale
Il D.Lgs. 175/2014 abroga i commi dal 28 al 28ter dell’articolo 35 del DL 223/2006. In sostanza, in base a tali commi, appaltatore e subappaltatore erano responsabili in solido per il versamento delle ritenute fiscali sui redditi da lavoro dipendente del personale in forza del subappaltatore. Con l’abrogazione, si elimina la responsabilità solidale dell’appaltatore sui pagamenti delle ritenute fiscali, così come il Decreto del Fare (DL 69/2013) aveva fatto in materia IVA. Il rovescio della medaglia della semplificazione, voluto per evitare elusioni, è la previsione che, ai soli fini di fiscali di liquidazione, accertamento, contenzioso e riscossione dei tributi, l’estinzione della società subappaltante (così come le altre società) avrà effetto solo dopo cinque anni dalla richiesta di cancellazione dal Registro delle imprese.

Ecobonus: eliminato l’obbligo di comunicazione all’AdE
A differenza di quanto avveniva fino al 13 dicembre, il cittadino oggi non è più obbligato a comunicare all’Agenzia delle Entrate gli interventi di riqualificazione energetica, per i quali usufruisce della detrazione del 65%, che sono effettuati a cavallo tra due anni. In base alla precedente normativa, la comunicazione doveva essere inviata entro 90 giorni dal termine di ciascun periodo di imposta in cui erano state affrontate le spese per realizzare i lavori di ristrutturazione.

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Diritto amministrativo