Fattura elettronica e regime forfettario: quali novità?


Dal 1° luglio fattura elettronica obbligatoria per i forfettari che hanno guadagnato più di 25 mila euro. Dal 2024 anche tutti gli altri
Fattura elettronica e regime forfettario: quali novità?

Scatta dal prossimo 1° luglio l’obbligo della fatturazione elettronica anche per altri soggetti finora esclusi.

La decisione è stata approvata nel Consiglio dei ministri dello scorso 13 aprile ed è stata introdotta con il Decreto-legge n.36/2022 recante “Ulteriori misure urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)” (la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale c’è stata il 30 aprile scorso).

Vediamo allora cosa prevedono le nuove regole sulla fatturazione elettronica.

 

Chi è interessato dalle nuove regole?

Sono coinvolti dal cambiamento i soggetti che finora hanno operato in “regime di vantaggio”.

A stabilirlo è l’art. 18, commi 2 e 3 del D.L. n. 36/2022.

Il comma 2 abroga parte dell’articolo 1, comma 3, del decreto legislativo del 5 agosto 2015, n. 127 che così novellato, amplia la platea dei soggetti obbligati alla fatturazione elettronica.

Il comma 3, invece, entra più nello specifico dell’obbligo e recita:
 “La disposizione di cui al comma 2 si applica a partire dal 1° luglio 2022 per i soggetti che nell'anno   precedente abbiano conseguito ricavi ovvero percepito compensi, ragguagliati ad anno, superiori a euro 25.000, e a partire dal 1° gennaio 2024 per i restanti soggetti (…)”

Da quanto scritto, il nuovo obbligo riguarda:
•    I titolari di partita Iva che godono del regime dei minimi
•    I titolari di partita Iva che godono del regime forfettario
•    Le associazioni che hanno optato per l’applicazione del regime speciale ai fini Iva

Unici esclusi dall’obbligo sono i titolari di partita Iva che svolgono la loro attività nel settore sanitario. La scelta dell’esonero è stata dettata da ragioni di privacy che impediscono l’emissione di fattura elettronica per prestazioni professionali che contengono dati da trasmettere al Sistema tessera sanitaria.

Ugualmente esclusi sono i piccoli lavoratori agricoli, che sono esclusione in generale dalla fatturazione.

 

La tempistica di adeguamento alla nuova fatturazione elettronica

Fermo restando l’obbligo per tutti i soggetti sopra individuati di passare dalla fattura cartacea a quella elettronica, il Governo ha stabilito un passaggio graduale che prevede le seguenti scadenze:
1.    Dal 1° luglio 2022 l’obbligo della fattura elettronica scatta per coloro i quali hanno registrato incassi superiori a 25 mila euro annui
2.    Dal 1° gennaio 2024 per tutti gli altri (ovvero anche per chi ha avuto redditi inferiori ai 25 mila euro)

Per chi ha la scadenza alle porte, comunque, è stato previsto un periodo di transizione, in base al quale da luglio fino a settembre 2022 si potranno emettere fatture anche entro il mese successivo a quello in cui c’è stata l’operazione contabile.

 

Le sanzioni per chi non emette la fattura elettronica

Sempre il comma 3 dell’art. 18 del D.L. n. 36/2022 recita:
“Per il terzo trimestre del periodo d'imposta 2022, le sanzioni (…) non si applicano  ai  soggetti  ai  quali l'obbligo di fatturazione elettronica è esteso a  decorrere  dal  1° luglio 2022, se la  fattura  elettronica  è  emessa entro il mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione”

Dunque, prevede il periodo transitorio accennato nel paragrafo precedente.

Quindi, dal 1° luglio al 30 settembre le sanzioni non scattano, in modo da dare il tempo ai professionisti e autonomi, oltre che agli altri soggetti a partita Iva coinvolti, di adeguarsi alla nuova normativa.

Per avere maggiori informazioni in merito è bene consultare un commercialista esperto. Cercalo nel nostro sito. Il primo contatto in studio è gratuito!

Articolo del: