Fondo di garanzia per la prima casa


Ad esserne maggiormente agevolati saranno le coppie giovani, i genitori unici con figli minori e gli under 35 con un contratto atipico di lavoro
Fondo di garanzia per la prima casa

A breve sarà pienamente operativo il Fondo di garanzia per la prima casa. E’ in sostanza un fondo finanziario con cui lo Stato offre una garanzia di pagamento alle banche che erogano i finanziamenti destinati come mutui per l’acquisto della prima casa o per le ristrutturazioni abitative finalizzate al miglioramento dell’efficienza energetica.
E’ solo questione di ore e poi il decreto interministeriale che ha istituito il Fondo di Garanzia per la prima casa, firmato a fine agosto dal Ministro delle Infrastrutture e Trasporti Maurizio Lupi, sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale ed entrerà in vigore a pieno titolo. Successivamente, Abi (l’Associazione bancaria italiana) e Mef (il Ministero dell’Economia e delle finanze) dovranno siglare un protocollo d’intesa con cui regolamentare dettagliatamente le modalità e i requisiti per l’erogazione dei mutui e dei finanziamenti garantiti dal Fondo.

Lo scopo del Fondo di Garanzia per la prima casa ha l’obiettivo di facilitare l’erogazione dei finanziamenti da parte delle banche, favorendo contemporaneamente l’accesso ai mutui ai privati (molti dei quali, a causa della precarietà lavorativa, si sono visti negare i finanziamenti) e ridando un po’ di ossigeno al settore edilizio.

In pratica, con la Legge di Stabilità per il 2014 sono stati stanziati complessivamente 600 milioni di euro da destinare al Fondo di garanzia per il triennio 2014-2016. Ciò significa che, per ciascuno dei tre anni, saranno disponibili 200 milioni di euro a titolo di garanzia statale contro l’insolvenza dei privati. Il Fondo di Garanzia, infatti, dovrebbe garantire il 50% della quota capitale dei finanziamenti concessi dagli istituti bancari. Tale stanziamento, poi, sarebbe sufficiente per riuscire a movimentare un totale di investimenti bancari di circa 12-15 miliardi di euro.

Il Fondo di Garanzia per la prima casa si aggiunge, inoltre, alle agevolazioni legate al "Plafond Casa", uno stanziamento di circa 2 miliardi di euro gestito dalla Cassa Depositi e Prestiti e predisposto per favorire l’accesso al mutuo per l’acquisto di immobili prioritariamente di classe energetica A, B e C, e per interventi di riqualificazione energetica.

Si è già detto che il regolamento sulle modalità di funzionamento del Fondo di Garanzia per la prima casa deve essere ancora firmato dall’Abi e dal Mef. Però, è già noto che la priorità nell’acceso ai finanziamenti sarà riservata alle giovani coppie, ai genitori single, o comunque unici, con un figlio minore a carico e agli under 35 titolari di un contratto atipico di lavoro.

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza finanziaria e patrimoniale