Garanzia giovani, incentivi ai datori di lavoro che assumono


Previste agevolazioni per chi assume giovani di età compresa tra i 16 e i 29 anni che siano disoccupati o che non stiano studiando
Garanzia giovani, incentivi ai datori di lavoro che assumono

Con la circolare n. 40 del 28 febbraio 2017 (che attua il decreto direttoriale n. 394 del 2 dicembre 2016, rettificato dal decreto direttoriale n. 454 del 19 dicembre 2016), l’Inps ha fornito indicazioni e istruzioni operative ben precise sulla cosiddetta Garanzia giovani, ovvero sugli incentivi rivolti alle imprese che assumono giovani dai 16 ai 29 anni che non siano inseriti in un percorso di studio o formazione (i cosiddetti NEET - Not engaged in Education, Employment or Training). A tal proposito sono stati stanziati 200 milioni di euro.

Gli incentivi sono rivolti a tutti i datori di lavoro dell’intero territorio nazionale ad esclusione di quelli residenti nella Provincia Autonoma di Bolzano. E gli incentivi si possono ottenere se si assumono giovani iscritti al "Programma Operativo Nazionale Iniziativa Occupazione Giovani" che, come si è detto, abbiano un’età compresa tra i 16 e i 29 anni e che non siano inseriti in un percorso di studi o che siano senza un’occupazione.

Le tipologie contrattuali che devono essere stipulate per poter ottenere gli incentivi sono:
- Assunzioni a tempo indeterminato, anche a scopo di somministrazione
- Assunzioni a tempo determinato o a scopo di somministrazione di durata pari o superiore a sei mesi
- Contratti di apprendistato professionalizzante.

Viceversa, non godono dell’incentivo i datori di lavoro che stipulano:contratti di apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiorecontratto di apprendistato di alta formazione e di ricercacontratto di lavoro domesticocontratto di lavoro intermittenteprestazioni di lavoro accessorio.

L’incentivo è usufruibile in 12 quote mensili a far data dall’assunzione del lavoratore e ammontano:
- al 50% dei contributi previdenziali a carico dei datori di lavoro nella misura massima di 4.030 euro annuali per ogni lavoratore assunto con contratto a tempo determinato (comprese le proroghe)
- alla contribuzione previdenziale a carico dei datori di lavoro nella misura massima di 8.060 euro annuali per ogni lavoratore assunto con contratto a tempo indeterminato.

La domanda per poter usufruire degli incentivi deve essere inoltrata all’INPS compilando il modulo di istanza on-line "OCC.GIOV.", disponibile all’interno del sito dell’Istituto nazionale della previdenza sociale.

Per ricevere ulteriori informazioni sugli incentivi e per avere assistenza nella compilazione della domanda, è consigliabile affidarsi a un consulente del lavoro esperto. Cercalo nel nostro sito. Il primo contatto in studio è gratuito!

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza del lavoro