Il Codice del Turismo a difesa del viaggiatore


Anche quando si è in vacanza si hanno dei diritti…il Codice del Turismo è lo strumento per farli rispettare
Il Codice del Turismo a difesa del viaggiatore

Sole, caldo e scuole chiuse...tempo di vacanze!
Sono molti gli italiani che hanno già prenotato o si accingono a prenotare le mete di villeggiatura dove andare a trascorrere il meritato riposo dopo un anno di lavoro. C’è chi ha già goduto di un anticipo di relax e chi dovrà aspettare ancora qualche settimana prima di disattivare la sveglia mattutina o riporre nell’armadio la divisa da lavoro.

In ogni caso, prima di partire è bene ricordare che i diritti al contrario, non vanno mai in vacanza!

A tutelare il viaggiatore è il Codice del Turismo (decreto legislativo n. 79 del 23 maggio 2011) che, oltre a recepire la Direttiva europea n.2008/122/CE sui contratti di multiproprieta, quelli relativi ai prodotti per le vacanze di lungo termine e gli accordi di rivendita e di scambio, promuove e tutela il mercato del turismo e, soprattutto, il turista.

Sono molte le disavventure che possono capitare allo sfortunato viaggiatore. Ne sono alcuni esempi lo smarrimento del bagaglio o la sua consegna tardiva, i casi di overbooking, aumenti del costo dei pacchetti dell’ultimo momento, annullamenti improvvisi di voli, viaggi o gite organizzate, pernottamenti di qualità inferiore a quelli sottoscritti...

L’elenco è lungo purtroppo e, spesso, colti alla sprovvista, chi ne paga le conseguenze e i danni è soprattutto l’ignaro turista. Si hanno, invece, dei diritti ben precisi e specificati affinché chi è responsabile del disagio causato risarcisca il danno.

Nel Codice del Turista è specificatamente menzionato il c.d. danno da vacanza rovinata, che non necessariamente rappresenta un danno economico per il viaggiatore. Può anche rappresentare il danno subito per una sistemazione alberghiera qualitativamente inferiore a quella prospettata o promessa dall’agenzia di viaggio o dal tour operator. Ciò non toglie il fatto che per danno da vacanza rovinata si intenda, il più delle volte, la restituzione del prezzo pagato dal turista per l’inadempimento dell’operatore turistico.

Nel Codice del Turismo sono contenuti tutti diritti e le modalità per farli rispettare nel caso accadano le diverse disavventure legate alle vacanze. Quindi, prima di partire, munitevi di Codice del Turismo e, nel caso ce ne fosse bisogno per far rispettare i propri diritti, anche di un buon avvocato!

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Diritto dei consumatori