Il supporto direzionale


Per monitorare la gestione in maniera efficiente è necessario ricorrere alla pianificazione, alla programmazione e al controllo
Il supporto direzionale

Soprattutto in contesti economici come quelli attuali, caratterizzati da una forte competizione, dalla globalizzazione e da uno sviluppo tecnologico in costante evoluzione, una gestione aziendale "day by day" non sembra essere la più adatta. Le nuove sfide e opportunità del mercato potrebbero non essere colte e le nuove minacce ambientali potrebbero, al contrario, non essere intercettate per tempo comportando seri rischi alla sopravvivenza dell’impresa.

Per tale motivo, alla tradizionale gestione "giorno per giorno" se ne contrappone un’altra più lungimirante che tenta di anticipare e prevedere gli sviluppi ambientali economici con la finalità di ottenere un vantaggio competitivo. Tale gestione lungimirante è ottenuta attraverso l’introduzione di meccanismi di pianificazione, programmazione e controllo dell’attività gestionale.

Pianificare, programmare e verificare la gestione aziendale è tanto più necessario per il vertice dirigenziale all’aumentare delle dimensioni di impresa, dato che una gestione day by day non permettere di aver tutto sotto controllo. Senza un’organizzazione adeguata di compiti, contabilità, obiettivi e gestione, sarebbe praticamente quasi impossibile capire, ad esempio, quali siano i punti di forza e di debolezza dell’impresa, dove si formano i costi o interpretare correttamente gli andamenti delle vendite...

Per questo un valido sistema di controllo direzionale, inteso come meccanismo operativo che consente al vertice aziendale di ottenere quelle informazioni necessarie per raggiungere gli obiettivi, sarebbe di certo un ottimo punto di partenza per il successo dell’impresa. Il primo a strutturare il controllo fu Robert N. Anthony che, nel testo del 1965 "Planning and Control System", definisce il controllo direzionale come un processo attraverso il quale si cerca di assicurarsi che le risorse siano ottenute e utilizzate efficacemente ed efficientemente nel perseguimento degli obiettivi aziendali.

L’importanza del controllo direzionale è notevole: grazie a una gestione più organizzata e verificata è possibile comprendere le dinamiche che hanno condotto alla realizzazione del profitto o delle perdite e individuare i punti di forza e di debolezza dell’azienda; è possibile misurare e valutare il contributo offerto da ogni singolo manager o unità organizzativa alla realizzazione delle performance aziendali; e, soprattutto è possibile attuare un supporto alla direzione che potrà prendere in maniera più oculata le decisioni aziendali.

Chiaramente, strutturare un valido sistema di controllo direzionale che funga da supporto di gestione al vertice non è cosa semplice: per questo è necessario, soprattutto nella fase di introduzione, affidarsi a un consulente aziendale esperto di Pianificazione, Programmazione e Controllo. E ciò che potrebbe sembrare inutile o dispendioso, potrebbe invece risultare la garanzia della sopravvivenza aziendale in un ambiente competitivo.

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza aziendale