INPS: sospensione delle prestazioni di invalidità


L’Inps fa sapere che da ottobre sospenderà le prestazioni economiche di invalidità civile a chi non si è sottoposto a visita di revisione
INPS: sospensione delle prestazioni di invalidità

L’INPS, tramite un comunicato, fa sapere che con decorrenza dal mese di ottobre 2015 procederà con la sospensione delle prestazioni economiche di invalidità civile tutti coloro che non si sono presentati alla convocazione per la visita di revisione a partire dal mese di marzo 2015.
Chi non ha potuto effettuare il controllo per gravi motivi e che, per tali ragioni, non ha potuto comunicare la propria assenza, può richiedere un nuovo appuntamento.

Ecco il comunicato dell’INPS:
SOSPENSIONE DELLE PRESTAZIONI DI INVALIDITÀ CIVILE PER I SOGGETTI ASSENTI A VISITA DI REVISIONE L. 114\2014
A partire dal mese di ottobre 2015, l’Istituto procederà alla sospensione delle prestazioni economiche di invalidità i cui titolari sono stati convocati a visita di revisione dal mese di marzo 2015 e sono risultati assenti ingiustificati.
Le sospensioni riguarderanno unicamente le convocazioni regolarmente effettuate. In tutti gli altri casi nei quali la spedizione abbia fatto registrare anomalie nella consegna (indirizzi insufficienti, sconosciuti o errati), prima di procedere alla sospensione sarà effettuata presso le sedi territoriali una puntuale verifica della correttezza degli indirizzi comunicati dagli assistiti e registrati nelle banche dati dell’Istituto.

Nel caso in cui l’assenza a visita sia stata determinata da cause di particolare gravità che ne abbiano reso impossibile la tempestiva comunicazione alla competente Commissione medico-legale, i soggetti destinatari del provvedimento di sospensione potranno prendere contatti con la Commissione stessa per verificare la possibilità di concordare una nuova visita.


La circolare è il frutto della nuova prassi di verifica entrata in vigore con la Legge 114/2014 che ha attribuito all’INPS l’intero compito di accertare e revisionare tutti i casi in cui si richiedono i benefici per invalidità civile, cecità, sordità, handicap e disabilità.
Le modalità di accertamento e le istruzioni operative sono state illustrate dallo stesso Istituto di previdenza con la Circolare n. 10 del 23 gennaio 2015 e con i messaggi n. 2901 del 27/04/2015 e n. 2950 del 29/04/2015. Riassumendo l’iter, l’INPS predispone i calendari di visita e invia le convocazioni ai beneficiari delle prestazioni economiche di invalidità civile tramite raccomandata A/R. Tali convocazioni, che sono cominciate il marzo scorso, avvengono con largo anticipo, circa tre mesi prima, in modo da dare la possibilità a chi deve effettuare il controllo di ricevere la convocazione per tempo e di comunicare eventuali disdette o cambi data. In caso di assenze ingiustificate, l’INPS procede con la sospensione dell’erogazione delle prestazioni economiche di invalidità.

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza del lavoro