Internazionalizzazione, un bando per le MPMI di Milano, Monza Brianza Lodi


Fino al 31 dicembre 2019 è possibile ottenere fondi a fondo perduto per l’internazionalizzazione della propria azienda
Internazionalizzazione, un bando per le MPMI di Milano, Monza Brianza Lodi

La Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi ha promosso il bando “Bando a sostegno dei percorsi d’internazionalizzazione” per favorire e sostenere i processi di internazionalizzazione delle MPMI ubicate nel territorio lombardo di competenza attraverso azioni di formazione, supporto organizzativo e assistenza mirate, appunto, all’internazionalizzazione delle stese.

La gestione di del bando è della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, ma il soggetto attuatore dell’iniziativa è PROMOS ITALIA Scrl, società consortile partecipata dalla Camera di Commercio di Milano Monza Brianza Lodi, ovvero una struttura specializzata nel campo dell’internazionalizzazione e del marketing territoriale.

 

Soggetti beneficiari del bando

Possono partecipare al bando le imprese che, al momento della presentazione della domanda, possiedono i seguenti requisiti (come da bando):

 - essere micro, piccola o media impresa (con esclusione delle società semplici che non svolgono attività commerciale);

- avere sede legale e/o operativa iscritta nel Registro delle Imprese della Camera di Commercio di Milano Monza- Brianza e Lodi;

- essere attive e in regola con il pagamento del diritto camerale;

- essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali, assistenziali e assicurativi dei dipendenti;

- non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione (anche volontaria), di amministrazione controllata, di concordato preventivo o in qualsiasi altra situazione equivalente;

- avere legali rappresentanti, amministratori (con o senza poteri di rappresentanza), soci e/o altri soggetti tra quelli elencati nel Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia;

- non avere già beneficiato di altri aiuti pubblici a valere sulle medesime spese ammissibili sostenute nel rispetto della normativa comunitaria, statale e regionale in materia;

- non trovarsi in rapporto di collegamento, controllo e/o con assetti proprietari sostanzialmente coincidenti rispetto ad altre imprese partecipanti al bando per la medesima misura. In questi casi, sarà considerata ammissibile soltanto la prima domanda ricevuta in ordine cronologico.

 

Risorse stanziate

Le risorse stanziate per il bando ammontano a un importo complessivo di 500 mila euro, ma nel caso di mancato esaurimento delle risorse disponibili la Camera di commercio Milano Monza Brianza Lodi si riserva di riaprire i termini di scadenza.

Parimenti, nel caso in cui gli stanziamenti si esaurissero anticipatamente, si avrebbe una chiusura anticipata del bando oppure un eventuale rifinanziamento del bando con ulteriori stanziamenti tramite apposito provvedimento (o con la creazione di una lista d’attesa di imprese ammesse, ma non finanziabili a causa dell’esaurimento delle risorse disponibili). Ma, per evitare di veder sfumata un’importante opportunità, è consigliabile muoversi per tempo, con l’ausilio di un commercialista esperto per essere guidati nella presentazione del progetto e della domanda di partecipazione.

L’agevolazione consta in un contributo fisso a fondo perduto erogato sotto forma di deduzione dal pagamento della fattura rilasciata da Promos Italia (che è il soggetto auttuatore del bando) a fronte di una spesa minima a carico dell’impresa beneficiaria.

 

Spese ammissibili

Le spese ammissibili sono elencate dettagliatamente nel bando e devono rientrare nelle due seguenti tipologie di attività:

Misura 1 - Servizi personalizzati per l’internazionalizzazione
Misura 2 - Programmi di supporto per l’approccio ai mercati esteri

Per entrambe le misure, le spese sono considerate ammissibili (al netto dell’IVA) se sono dettagliate in fattura e sono “sostenute e interamente pagate nel periodo che decorre dalla data di sottoscrizione del contratto fino all’erogazione del servizio, al massimo entro 270 giorni solari e consecutivi da tale data (escluso il mese di agosto)”.
 

La presentazione delle domande

Le domande possono essere presentate, fino a esaurimento delle risorse ed esclusivamente in via telematica tramite il sito http://webtelemaco.infocamere.it, entro e non oltre il 31 dicembre 2019.

Per ottenere ulteriori informazioni in merito e per fasi assistere nella compilazione e presentazione della domanda è consigliabile affidarsi a un commercialista esperto. Cercatelo nel nostro sito. Il primo contatto in studio è gratuito!

 

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza e assistenza fiscale e tributaria agli espatriati