Lavoratori agricoli autonomi: compensazione dell’esonero under 40


L’inps diffonde un nuovo messaggio con i chiarimenti in merito al pagamento della prima rata a seguito del riconoscimento dell’esonero contributivo under 40
Lavoratori agricoli autonomi: compensazione dell’esonero under 40

Con il recente messaggio del 16 ottobre 2020 n. 3744, l’INPS fornisce chiarimenti ai lavoratori agricoli autonomi in merito al pagamento della prima rata dei contributi previdenziali e sull’emissione del nuovo “Dettaglio F24 Esercizio: 2020”, a seguito del riconoscimento dell’esonero contributivo under 40.

L’Inps, dunque, chiarisce quali siano le modalità di compensazione attraverso il Modello F24 e quando ciò è possibile riprendendo quanto già chiarito con il precedente messaggio n. 3115 del 17 agosto 2020 e tenuto conto che, a decorrere dal 1° luglio 2020, il controllo del massimale relativo agli aiuti de minimis e agli aiuti de minimis SIEG, già concessi, avviene esclusivamente attraverso il Registro nazionale aiuti di Stato.

Nel messaggio dei giorni scorsi, l’istituto di previdenza italiano ha specificato che “nel caso in cui il contribuente, in attesa della definizione delle istanze di esonero, abbia già versato l’importo dell’Esercizio 2020 elaborato prima della concessione dell’esonero, l’eccedenza tra l’importo versato e l’importo indicato nel prospetto rielaborato potrà essere compensata con l’importo da versare per le rate successive”.

Per usufruire della compensazione, il contribuente deve fare apposita richiesta da inviare in via telematica alla struttura territoriale competente.

La richiesta deve essere avanzata compilando la specifica istanza reperibile nella “Comunicazione bidirezionale” del Cassetto previdenziale autonomi in Agricoltura denominata “Compensazione versamento in eccesso rata Emissione 2020 a seguito riconoscimento esonero under 40”.

Se l’istanza viene accolta, il contribuente riceverà le indicazioni sulle modalità da seguire per effettuare il pagamento delle rate successive, che includono l’importo delle eventuali quote associative, ma sono al netto delle somme precedentemente compensate.

Per ottenere maggiori informazioni al riguardo è consigliabile affidarsi a un consulente del lavoro. Cercatelo nel nostro sito. Il primo contatto in studio è gratuito!

 

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza del lavoro