Legge di Bilancio 2017: detrazioni in ambito edilizio


Confermati i bonus per la ristrutturazione edilizia e per la riqualificazione energetica. Novità importamti per i condomini
Legge di Bilancio 2017: detrazioni in ambito edilizio

La Legge di Bilancio 2017 non è ancora legge dato che deve essere ancora approvata e ufficializzata con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Eppure, si conoscono già le 122 norme contenute nella bozza di Legge di Bilancio. Tra queste norme ce ne sono alcune che riguardano gli incentivi e i bonus edilizi.

Innanzitutto, dovrebbe essere riconfermati i bonus per la ristrutturazione edilizia pari al 50% e quello per le opere di riqualificazione energetica pari al 65%.
Riconfermato anche il bonus del l’acquisto di mobili e dei grandi elettrodomestici pari al 50%.Non si sa ancora se sarà riconfermato o meno anche il Bonus mobili per le Giovani coppie, che prevede una detrazione massima di 16 mila euro da ripartire in 10 rate uguali per chi sostiene le spese per l’acquisto dell’arredamento dell’immobile da destinare ad abitazione principale.

Ma la novità più importante riguarda i bonus destinati agli interventi ecologici e antisismici sulle parti comuni dei condomini, spesso non effettuati.

Per quanto riguarda i bonus per la ristrutturazione edilizia, la detrazione fiscale è pari al 50% delle spese sostenute e documentate fino a un limite di spesa massimo di 96 mila euro. Gli interventi devono essere finalizzati al recupero del patrimonio edilizio, compresi i lavori di manutenzione straordinaria e ristrutturazione edilizia.

Per quanto riguarda i bonus per la riqualificazione energetica, la detrazione fiscale è pari al 65% delle spese sostenute e documentate fino a un limite di spesa massimo di 96 mila euro. Gli interventi devono essere finalizzati al miglioramento energetico degli edifici. Stessa detrazione pari al 65% per le opere edilizie finalizzate a introdurre misure antisismiche.

Il bonus mobili, invece, è dato dalla detrazione del 50% sull’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici di categoria A+ (A per i forni) legati alla ristrutturazione dell’immobile. In questo caso, il limite massimo di spesa detraibile è di 10 mila euro per unità immobiliare, da detrarre in 10 rate uguali.

Ma tornando alle novità per i condomini, potrebbero essere previste detrazioni per i lavori sulle parti comuni finalizzati al risparmio energetico, con una percentuale di detrazione del 75%, se non addirittura dell’80%, e alle opere antisismiche, con una percentuale di detrazione pari all’85%. Per fare in modo che in assemblea condominiale, i condomini si mettano d’accordo, il bonus è previsto per cinque anni, fino al 2021.

Per ottenere le detrazioni, oltre a documentare tutte le spese sostenute, è necessario avere l’asseverazione di un tecnico abilitato. Cercalo nel nostro sito. La prima consulenza è gratuita!

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Geometri