Sicurezza informatica, come ci proteggiamo?


Un buon antivirus, programmi specifici e qualche accortezza possono diminuire i rischi di virus e attacchi hacker
Sicurezza informatica, come ci proteggiamo?

L’uso di pc e dispositivi mobili è sempre più diffuso così come il loro utilizzo in vari ambiti e aspetti quotidiani. Si utilizzano computer e device per lavoro, ma anche per svago e divertimento. Cercare un negozio, prenotare una vacanza, inviare email, collegarsi ai social network o semplicemente scaricare un App di gioco sono azioni quotidiane.
Proprio per il continuo scambio di informazioni e dati è importante non sottovalutare l’aspetto della sicurezza informatica.

In un mondo sempre più globalizzato è necessario mettersi al riparo da virus, hacker, furto di dati e truffe informatiche.

Sono recenti i fatti di cronaca sul furto di dati, informazioni e account ai danni di istituzioni, aziende e privati. Ecco, allora, che se vogliamo navigare in sicurezza è consigliabile affidarsi a un consulente informatico che possa illustrarci i diversi accorgimenti e software utili contro virus e hacker.

Il primo passo, infatti, è quello di scegliere un ottimo antivirus. E’ la prima protezione che possiamo dare ai nostri pc. Non solo. Le minacce arrivano anche dagli allegati ai messaggi di posta elettronica oppure dai file che si scaricano da una chiavetta USB. Accanto agli antivirus, possono essere installati dei programmi che scansionano le chiavette USB, e in generale le memorie esterne, prima di essere aperte.

Accanto ai software antivirus e ai diversi programmi di protezione del pc e dei dispositivi mobili, è utile seguire alcuni accorgimenti, tra cui:
- non scaricare file da siti sconosciuti e che possono apparire a rischio
- fare molta attenzione prima di aprire gli allegati alle email ricevute, anche da parte di amici o conoscenti perché potrebbero non essere loro i veri mittenti dei messaggi di posta elettronica
- evitare di inserire dati personali e dati bancari per pagamenti in siti "sospetti"
- coprire la propria webcam quando non si sta effettuando una videochiamata
- evitare di connettersi a reti libere messe a disposizione, ad esempio, nei locali, dalle compagnie aeree o ferroviarie
- utilizzare sempre, dove è possibile, password e chiavi di sicurezza

Questi accorgimenti possono essere seguiti facilmente, ma ce ne sono altri "più tecnici" che possono essere indicati ad un consulente informatico esperto. Cercalo nel nostro sito. Il primo contattato è gratuito!

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza informatica