Sicurezza sul lavoro: al via il nuovo Bando ISI 2018 dell’Inail


Nuovo Bando ISI 2018 dell’Inail. Stanziati oltre 350 milioni per i progetti di miglioramento dei livelli di sicurezza sul lavoro.
Sicurezza sul lavoro: al via il nuovo Bando ISI 2018 dell’Inail

L’Inail ha pubblicato l’avviso pubblico “Bando ISI 2018” per erogare stanziamenti destinati ai progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

E per il nuovo bando, sono stati messi a disposizione oltre 350 milioni di euro suddivisi in 5 Assi di finanziamento, differenziati in base ai destinatari, come per il precedente bando.


Obiettivi del Bando ISI

Gli obiettivi perseguiti dall’Inail attraverso il Bando ISI sono:
•    incentivare le imprese a realizzare progetti per il miglioramento documentato delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori;
•    incentivare le microimprese e le piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli per l’acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro caratterizzati da soluzioni innovative per abbattere in misura significativa le emissioni inquinanti, ridurre il livello di rumorosità o del rischio infortunistico o di quello derivante dallo svolgimento di operazioni manuali, ciò al fine di soddisfare l’obiettivo del miglioramento del rendimento e della sostenibilità globali dell'azienda agricola mediante una riduzione dei costi di produzione o il miglioramento e la riconversione della produzione assicurando, al contempo, un miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza dei lavoratori.

 

I 5 assi di finanziamento del Bando ISI 2018

Gli assi di finanziamento, si è detto, sono 5. Nello specifico, sono finanziabili le tipologie di progetto ricomprese nei 5 Assi di finanziamento:
Asse di finanziamento 1 - Progetti di investimento e progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale
Asse di finanziamento 2 - Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC)
Asse di finanziamento 3 - Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto ()
Asse di finanziamento 4 - Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività ()
Asse di finanziamento 5 - Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli.


Fondi stanziati

I fondi stanziati quest’anno per finanziare il bando Isi 2018 sono 369.726.206 euro (di più di tutti i bandi precedenti) e, come detto, sono suddivisi nei 5 Assi di finanziamento in maniera differenziata.
Nello specifico:
•    Asse 1: stanziamento totale pari a 182.308.344 euro e ripartiti in:
o    180.308.344 euro per i progetti di investimento
o    2.000.000 euro per i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale;
•    Asse 2: stanziamento totale pari a 45.000.000 euro per i progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale di carichi (MMC);
•    Asse 3: stanziamento totale pari a 97.417.862 euro per i progetti di bonifica da materiali contenenti amianto;
•    Asse 4: stanziamento totale pari a 10.000.000 euro per i progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività;
•    Asse 5: stanziamento totale pari a 35.000.000 euro per i progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, così suddivisi:
o    30.000.000 euro per la generalità delle imprese agricole
o    5.000.000 euro riservato ai giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria.

 

Finanziamenti a fondo perduto

I finanziamenti sono a fondo perduto e vengono assegnati secondo l’ordine cronologico di ricezione delle domande e fino a esaurimento delle risorse stanziate per il bando. Per questo, è consigliabile affidarsi fin da subito a un commercialista esperto per farsi assistere nella compilazione della domanda.

Per quanto riguarda gli Assi 1, 2 e 3 l’agevolazione consiste in un finanziamento in conto capitale pari al 65% delle spese sostenute e giudicate ammissibili dal bando. Il finanziamento massimo erogabile è pari a 130.000 euro, mentre il finanziamento minimo ammissibile è pari a 5 mila euro.
Unica eccezione riguarda le imprese fino a 50 dipendenti e che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale: per tali aziende non è previsto il limite minimo di finanziamento.

Anche per quanto riguarda l’Asse 4 l’agevolazione consiste in un finanziamento in conto capitale pari al 65% delle spese sostenute e giudicate ammissibili dal bando. Ma il finanziamento massimo erogabile è pari a 50.000 euro, mentre il finanziamento minimo ammissibile è pari a 2 mila euro.
Unica eccezione riguarda le imprese fino a 50 dipendenti e che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale: per tali aziende non è previsto il limite minimo di finanziamento.

Infine, per quanto riguarda l’Asse 4 l’agevolazione consiste in un finanziamento in conto capitale pari:
- al 40% delle spese sostenute e giudicate ammissibili dal bando per la generalità delle imprese agricole
- al 50% delle spese sostenute e giudicate ammissibili dal bando per i giovani agricoltori
In entrambi i casi, però, il finanziamento massimo erogabile è pari a 60.000 euro, mentre il finanziamento minimo ammissibile è pari a mille euro.

 

Presentazione della domanda al Bando Isi 2018

Come per i bandi precedenti bandi, le domande devono essere presentate in modalità telematica, secondo le seguenti 3 fasi successive:
1.    Dal prossimo 11 aprile e fino alle ore 18 del 30 maggio 2019, le aziende potranno compilare e salvare la propria domanda nella sezione “Servizi online” del sito Inail.
2.    Invio effettivo della domanda in modalità online
3.    Conferma della domanda online tramite l’invio della documentazione a completamento

 

Per sapere se è possibile partecipare al bando e per farsi assistere nella procedura è consigliabile affidarsi a un commercialista. Cerca sul nostro sito il professionista che risponde meglio alle tue esigenze. Il primo contatto in studio è gratuito!

 

 

Articolo del:

I professionisti più vicini a te in Consulenza e assistenza fiscale e tributaria