Richiedi una consulenza in studio gratuita!

A cosa serve un coach in azienda e quale valore aggiunto può portare


Una ricerca condotta dall'American Management Association (AMA) ci rivela quali sono gli obiettivi dei programmi di coaching nel mondo corporate
A cosa serve un coach in azienda e quale valore aggiunto può portare

Come vengono usati i programmi di coaching nelle aziende?

Il sondaggio dall'American Management Association (AMA), pubblicato recentemente sul sito dell'International Coach Federation (ICF Italia), ci rivela il valore aggiunto che tale disciplina oggi ha assunto all'interno delle organizzazioni.

Lo scopo della ricerca era determinare il livello di popolarità del coaching nelle aziende, l’associazione con performance più elevate, la correlazione tra la performance dei manager che hanno seguito un percorso di coaching e le performance aziendali, la metodologia utilizzata per scegliere i coach e altro ancora.

Di seguito la classifica dei principali obiettivi con cui in azienda vengono avviati programmi di coaching:


1) Migliorare produttività e rendimento individuale

Lo scopo più diffuso è il miglioramento delle performance individuali dei dipendenti.

Le organizzazioni cercano di far crescere la leadership con l’intento di migliorare il rendimento dei manager e dell’azienda nella sua totalità, il miglioramento delle performance individuali ottenute con un intervento di coaching può avere ripercussioni anche su tutta l'organizzazione.

Tra i benefici riportati dai manager e dipendenti che hanno seguito un percorso di business coaching si trovano:
•    Aumento della produttività;
•    Diminuzione dei costi di lavoro, dovuti a un impiego efficiente del tempo e ad una aumentata chiarezza mentale nell’identificare obiettivi specifici e pianificare la strategia per raggiungerli;
•    Aumento dei profitti legato all’efficientamento dei processi di lavoro;
•    Diminuzione dei conflitti sul posto di lavoro.


2) Migliorare le performance dell’azienda

Il 56% circa degli intervistati riferisce di usare il coaching con l’intento di migliorare le performance dell’organizzazione.

Anche se Il coaching è uno strumento indirizzato in primo luogo all’individuo, caratteristica che lo differenzia da altri strumenti di formazione e sviluppo come i training per competenze specifiche o i corsi in aula, quando è esteso a un certo numero di dipendenti crea una cultura aziendale e i benefici dello strumento si espandono in tutto il business.


3) Aumentare il coinvolgimento dei dipendenti

Aumentare il coinvolgimento dei dipendenti ha ottenuto un 41% di menzioni.

Il coaching pone enfasi su ciò che funziona, su ciò che un individuo fa bene e su come possa farlo ancora meglio, invece di discutere di punti deboli e limiti.

I dipendenti a cui le aziende propongono percorsi di coaching sono spesso senior manager che stanno affrontando un momento impegnativo delle loro carriere per via di cambiamenti organizzativi o del mercato. Fare leva sui punti di forza di questi dirigenti, su ciò che li ha portati nella posizione di rilievo in cui si trovano, viene riconosciuto come più redditizio rispetto a concentrarsi sulle mancanze.


4) Migliorare la retention rate e il processo di recruitment

Il 38% degli intervistati riporta che le loro aziende utilizzano il coaching per migliorare la retention rate dei dipendenti (prendendo a riferimento un dato arco temporale, la retention rate è il rapporto percentuale tra il numero dei lavoratori presenti alla fine del periodo esaminato, al netto delle assunzioni durante tale periodo, e il numero dei lavoratori presenti all’inizio del periodo stesso: indica quindi la tendenza dei dipendenti a restare o ad abbandonare l’azienda).

Il 24% riferisce un uso legato all’ottimizzazione del processo di recruiting.

I dipendenti danno sempre più valore alla possibilità di crescita e sviluppo professionale offerte da un datore di lavoro. Il coaching diventa, quindi, un benefit importante da offrire ai propri lavoratori, un valore aggiunto che può essere usato sia per mantenere il livello di coinvolgimento e soddisfazione dei dipendenti, sia per attirare in azienda le risorse migliori.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Vivere il lavoro come un allenamento della felicità

Il lavoro può darci la felicità? Si, nella misura in cui possiamo agire sui segnali di "fatica" che generano un danno nelle relazioni con noi stessi e con gli altri

Continua

Il Coach è molto di più di un motivatore

La parola “coach” è sempre più abusata, è importante fare chiarezza su cosa è il coaching professionale

Continua

E' l'umore a determinare l'efficacia delle persone sul posto di lavoro

Sempre più imprese negli Stati Uniti e in Europa decidono di puntare sulla felicità e sul benessere dei propri dipendenti

Continua

Le buone relazioni umane rendono le persone felici sul lavoro

Non è unicamente il salario a rendere i dipendenti felici, il segreto è instaurare relazioni umane soddisfacenti

Continua

Hai un capo "insopportabile"? Ecco 8 consigli per gestirlo

La ragione numero uno per cui si cambia lavoro è avere sopra di sé un capo insopportabile, con cui non si riesce assolutamente a interagire

Continua

Ecco i 5 modi per avere successo

La maggior parte di noi ha delle convinzioni radicate che possono essere un serio ostacolo alla realizzazione dei progetti di cambiamento

Continua

Felicità e lavoro possono con-vivere?

Rendere felice il nostro lavoro e quello degli altri è un processo che richiede fatica: questa è la percezione comune che abbiamo

Continua

Dire grazie è da giusti, non da deboli

Grazie è il primo mattone per iniziare a costruire relazioni sane, anche sul posto di lavoro

Continua

La felicità al lavoro esiste!

Non è un'utopia: il benessere al lavoro è una realtà sempre più consolidata, anche in Italia

Continua

La gentilezza si prende la rivincita: “Aiuta a stare bene”

La presidente del World Kindness Movement: «Anche le aziende ci chiedono corsi per i dipendenti»

Continua

Per essere felici sul lavoro serve il coraggio di “ESSERE”

La felicità è una attitudine che si può allenare, iniziando dal riconoscere il modo con cui stiamo in relazione con noi stessi

Continua

La vita non è lavorare in settimana e il sabato andare a fare spesa

"Cercate il bello nella vita. C’è molta bellezza intorno a noi” è il consiglio del paleoantropologo Juan Luis Arsuaga

Continua

La felicità è per tutti, se ci diamo una seconda possibilità

Ognuno di noi ha la possibilità di reinventarsi. Se a un certo punto ci rendiamo conto di non essere felici, dobbiamo fare di tutto per darci una seconda possibilità

Continua

È giusto sacrificare la propria vita per il lavoro?

E' giusto fare del lavoro una parte importante della nostra vita, quando poi è la stessa natura umana a poter cancellare tutto in un attimo?

Continua

La necessità di cambiare la cultura del lavoro

Il sovraccarico di lavoro comporta conseguenze negative. Solo in Italia 5 milioni di lavoratori manifestano sintomi da stress

Continua

La felicità oggi richiede più saggezza e meno leadership

Siamo più intelligenti e anche più stressati. Qualcosa non sta funzionando

Continua

L'equazione della felicità creata da un ex manager Google 

Cosa fare quando tutto crolla? Mo Gawdat, ex manager Google, dopo la morte del figlio ha lasciato tutto per aiutare gli altri e se stesso a ritrovare la gioia

Continua

La chiave per avere clienti felici? Dipendenti felici

E se facessimo parte di un'azienda che mette sullo stesso piano clienti felici e dipendenti felici?

Continua

Semplicità volontaria: lavorare bene per vivere meglio?

"Lavorare per vivere e non vivere per lavorare" sembra un motto banale, ma al giorno d'oggi tanto viene sacrificato per la carriera, agire in modo differente si può

Continua

Le persone non lasciano il lavoro, ma abbandonano i loro capi

Per coinvolgere i dipendenti occorre una leadership compassionevole

Continua