Addebito anche per un solo episodio di violenza


Anche un solo episodio di violenza perpetrata da un coniuge nei confronti dell'altro fa scattare l'addebito a carico di chi lo pone in essere
Addebito anche per un solo episodio di violenza
Il caso oggetto dell'ordinanza n. 7388/2017 prende le mosse da un giudizio di separazione terminato con un provvedimento di addebito a carico del marito, per la sussistenza di un episodio di percosse in danno della moglie.
La Corte di Cassazione si è pronunciata sulla domanda dell'uomo che chiedeva la revoca del provvedimento di addebito perché, a suo dire, tale comportamento violento si sarebbe consumato in un momento successivo alla crisi coniugale e, pertanto, non poteva essere considerato causa scatenante della instabilità matrimoniale.
Nel rigettare il ricorso, la Corte di Legittimità ha confermato che "le violenze fisiche e morali, inflitte da un coniuge all’altro, costituiscono violazioni talmente gravi dei doveri nascenti dal matrimonio da fondare, di per sé sole, non solo la pronuncia di separazione personale, in quanto cause determinanti l’intollerabilità della convivenza, ma anche la dichiarazione della sua addebitabilità all’autore di esse, e da esonerare il giudice del merito, che abbia accertato siffatti comportamenti, dal dovere di comparare con essi, ai fini dell’adozione delle relative pronunce, il comportamento del coniuge che sia vittima delle violenze, trattandosi di atti che, in ragione della loro estrema gravità, sono comparabili solo con comportamenti omogenei"(Cfr. Cass. civ. n. 7321/2005 e n. 11844/2006).
In buona sostanza, nel caso in cui in una separazione risulti provata la sussistenza anche di un solo episodio di violenza perpetrata da un coniuge nei confronti dell'altro, questo è sufficientemente grave da far scattare l'addebito a carico di chi ha posto in essere tale condotta, a prescindere dal momento in cui questo si sia consumato: nessun comportamento risulta infatti valido a giustificare un atto di tale gravità.
E dunque nel caso in cui un giudice dovesse appurare l'effettiva sussistenza anche di un solo isolato caso in cui un coniuge ha usato violenza nei confronti dell'altro, non potrebbe non addebitare la separazione all'autore della condotta violenta, essendo questa comparabile solo con comportamenti omogenei, ovvero solo con casi in cui il comportamento aggressivo sia stato generato da una condotta del medesimo tenore posta in essere dall'altro coniuge.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Mantenimento alla moglie che rifiuta un lavoro

Legittimo il rifiuto della moglie opposto ad alcune offerte di lavoro se non commisurate alla sua professionalità o comunque precarie

Continua

Mantenimento figli maggiorenni: fino a quando?

La legge sancisce un generale obbligo per i genitori di mantenere i figli: ma fino a quando persiste tale obbligo?

Continua

No all'assegno divorzile se l'ex coniuge convive

Se l’ex coniuge che percepisce un assegno di divorzio instaura una nuova convivenza stabile, perde il diritto a tale assegno

Continua

Prelievi arbitrari dal conto cointestato

Secondo il Tribunale di Roma vanno restituite le somme prelevate arbitrariamente dal conto cointestato in prossimità della separazione

Continua

Mobilità scuola: prevale il punteggio

Mobilità scuola: gli idonei al concorso del 2012 non possono superare il docente con punteggio superiore

Continua

Mobilità: precedenza al docente "referente unico"

Il docente “figlio referente unico” che assiste genitore disabile ha diritto alla precedenza nel trasferimento

Continua

Accesso al TFA e graduatoria unica nazionale

TFA Sostegno: Il Consiglio di Stato censura la mancata attivazione di una graduatoria unica nazionale

Continua

CEDU: sottrazione internazionale di minore

Condannata l’Ungheria per non aver adottato misure adeguate a garantire il ricongiungimento della minore con suo padre, cittadino italiano

Continua

Violazione del termine di ragionevole durata

Ragionevole durata: non è necessario attendere la fine del procedimento presupposto per richiedere l'indennizzo ai sensi della legge n. 89/01

Continua