Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Affidamento al servizio sociale “in sostituzione dei genitori”


Affidamento all'Ente, decadenza e limitazione della responsabilità genitoriale
Affidamento al servizio sociale “in sostituzione dei genitori”

Oggigiorno sempre più spesso si ricorre all’emissione di provvedimenti (anche di natura provvisoria ed urgente) che dispongono l’affidamento di minori al Servizio Sociale, a seguito di segnalazione al Tribunale per i Minorenni da parte del Pubblico Ministero minorile, dei genitori, dell’Ufficio di Servizio Sociale ovvero degli organismi di educazione (cfr. art. 25 Legge Minorile).

Il Tribunale, dunque, effettuate le dovute indagini sulla personalità del minore, potrà disporne, con decreto motivato, l’affidamento al Servizio Sociale con o senza collocamento in comunità.

Si tratta di provvedimenti che traggono origine dall’esigenza di rieducare i minori distogliendoli dalle loro “devianze” tuttavia, nel tempo, il campo d’azione si è esteso a temi più ampi: infatti, sono numerose le pronunce dell’Autorità Giudiziaria volte a proteggere i minori da trascuratezza e maltrattamenti da parte delle stesse figure genitoriali.

L’affidamento si estrinseca attraverso un'attività di sostegno e controllo della vita del minore da parte del Servizio Sociale incaricato, il quale monitora la condotta del minore riferendone periodicamente al Tribunale e proponendo un’eventuale modifica delle prescrizioni in senso più restrittivo o chiedendone la cessazione.

Conseguentemente, la responsabilità genitoriale viene compressa e condizionata, tanto che i genitori sono tenuti ad accettare il controllo del Servizio Sociale affidatario e le prescrizioni dallo stesso impartite al figlio minore, allineando la loro linea educativa in conformità e nel rispetto dell’Ente. Continua, invece, a gravare sui genitori il dovere di mantenimento della prole.

L'affidamento al Servizio Sociale, nato come provvedimento rieducativo delle devianze giovanili, ha trovato, oggi, ampio spazio in ambito civile: si fa riferimento a quei provvedimenti del Tribunale per i Minorenni o del Tribunale Ordinario Civile che, nell'ambito dei procedimenti civili (de potestate, di affidamento, separativi, divorzili, ecc.) hanno lo scopo di tutelare la prole da trascuratezza, maltrattamenti o violenze poste in essere da genitori inadeguati.

Si tratta di provvedimenti emessi con decreto motivato ex artt. 330, 333 e 336 c.c. in esguito ai quali l’Autorità Giudiziaria può disporre la decadenza ovvero la limitazione della responsabilità genitoriale o, comunque, adottare opportuni provvedimenti nell’interesse della prole.

La misura dell’affidamento dei figli minori al Servizio Sociale viene, oggi, utilizzata anche nell’ambito delle procedure di separazione e divorzio giudiziali.

La designazione dell’ente pubblico, per l’esercizio della responsabilità genitoriale, in sostituzione dei genitori, in applicazione dell’art. 333 c.c., comporta che è l’ente di riferimento ad avere la facoltà di decidere per il fanciullo, anche dirimendo contrasti insorti tra i genitori. E, invero, l’applicazione dell’art. 333 c.c. ha proprio questa funzione: si affida il minore all’ente perché la conflittualità tra i partners è talmente patologica che, in difetto di intervento permanente del Comune, vi sarebbero continuamente controversie, litigi, processi pendenti (per la salute, l’istruzione, la residenza, etc.: per ogni questione travolta dal conflitto). L’affidamento all’ente, con delega all’esercizio della responsabilità genitoriale, istituisce, dunque, un modulo extra giudiziario di risoluzione del conflitto: insorge la lite sulla decisione, i genitori non pervengono ad un accordo, il Comune decide al posto di padre e madre” (Tribunale di Milano, Sez. IX Civ., Decreto 14 aprile 2016 - Pres. Dott.ssa E. Manfredini; Giudice Est. Dott. G. Buffone).

Troppo spesso, tuttavia, nei provvedimenti di affidamento dei figli minori all’Ente non vengono chiaramente esplicitati i poteri attribuiti al Servizio Sociale incaricato: un mandato generico, infatti, non consente di comprendere quali siano gli effettivi poteri attribuiti al Servizio Sociale anche riguardo alle modalità di esercizio del ruolo genitoriale, alle decisioni da impartire ai genitori ed a cui gli stessi devono attenersi nell’interesse della prole.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La Coordinazione Genitoriale

Nuove frontiere per risolvere il conflitto genitoriale

Continua

I diritti dei nonni nei confronti dei nipoti

La presenza dei nonni nell'educazione e nella crescita dei nipoti: l'importanza e la conoscenza delle proprie origini

Continua

Nuovi partner nella vita dei figli

Nuove relazioni e nuovi legami affettivi dopo la separazione: rapporti tra genitori, figli e nuovi partner

Continua

Il collocamento del figlio minore presso il papà

Oltre il criterio della “maternal preference”

Continua

Il tradimento on-line è causa di addebito

La rivoluzione introdotta dalla Cassazione pone l’accento sul tradimento che si consuma tramite social network e mezzi digitali

Continua

Un curatore speciale per il minore se i genitori sono inadeguati

Il curatore speciale rappresenta il minore in giudizio quando i genitori sono incapaci a tutelarlo

Continua

Mantenimento al figlio non riconosciuto: a chi spetta?

Padre naturale: l’obbligo del mantenimento sorge con la nascita del figlio

Continua

Affido condiviso: cosa prevede il DDL Pillon

Separazioni e affido dei minori: "DDL Pillon" con molte ombre e poche luci

Continua

L'obbligo di fedeltà nel tempo

L’ennesimo attacco alla famiglia, verso l’abolizione dell’obbligo di fedeltà

Continua

Mediazione familiare: tutte le coppie sono mediabili?

La mediazione impossibile, quando il conflitto non è superabile

Continua

Separazione e divorzio: risvolti emotivi e psicologici

Quando il divorzio psicologico non si raggiunge: la guerra del legame disperante

Continua

L’ascolto del minore nei procedimenti che lo riguardano

E’ opportuno l’ascolto del minore nei procedimenti di separazione e divorzio dei genitori?

Continua

Riflessioni sull'alienazione genitoriale

L’Alienazione Genitoriale: di cosa si tratta, come si manifesta e come si valuta

Continua

La figura del CTU e del CTP nelle procedure di affidamento e collocamento

Una riflessione sul ruolo del CTU e del CTP nei casi di separazione, divorzio, affido e collocamento

Continua

Mantenimento dei figli maggiorenni: fino a quando è dovuto?

Non vi è alcuna cessazione automatica dell'obbligo al raggiungimento della maggiore età dei figli

Continua

Scelta fra scuola pubblica e privata in caso di separazione

Dopo la separazione, chi decide la scuola dei figli?

Continua

Collocamento alternato presso ciascun genitore: si o no ?

Collocamento alternato e benessere psicofisico dei figli di genitori separati

Continua

"Gruppi di parola": il bisogno di essere ascoltati

Introdotto un punto di ascolto per i bambini coinvolti nella separazione dei propri genitori, verso una corretta metabolizzazione della disgregazione della famiglia

Continua

Litigare davanti ai figli: i traumi causati dalle “guerre genitoriali”

La mediazione familiare come prevenzione dei litigi in famiglia, della violenza assistita e del disagio dei figli

Continua

Spazio neutro: un luogo per recuperare il rapporto genitori figli

Lo Spazio neutro è uno strumento per favorire la genitorialità e mantenere la relazione genitore-figlio fornendo un sostegno emotivo al bambino

Continua

Separazione o divorzio, il significato di “Bigenitorialità”

Bigenitorialità, non significa trascorrere uguale tempo con entrambi i genitori, ma significa partecipazione attiva da parte di entrambi i genitori

Continua

L’evoluzione normativa e giurisprudenziale dell’assegno divorzile

La natura mista dell’assegno divorzile, cosa è cambiato dopo la sentenza della Corte di Cassazione n. 18287/2018

Continua

La separazione con addebito in caso di violazione dei doveri coniugali

La violazione dei doveri coniugali, come il tradimento, deve essere la causa della separazione e non un effetto della crisi matrimoniale già in atto

Continua

Quando il giudice prescrive un percorso di supporto alla genitorialità

Sostegno alla genitorialità quando i figli sono al centro del conflitto o è impedito loro l'accesso all'altro genitore

Continua