Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Aggressione verso soccorritori e operatori sanitari, parte terza


Aggressione verso soccorritori e operatori sanitari: come gestire lo stress postumo
Aggressione verso soccorritori e operatori sanitari, parte terza

 

I soccorritori, volontari o professionisti e gli operatori sanitari si trovano a confrontarsi con la sofferenza umana, fisica e psicologica. Aggressione verso soccorritori e operatori sanitari: quali risposte emotive dopo un evento traumatico?

L’alta esposizione a eventi potenzialmente traumatici innesca intensi vissuti emotivi nell’operatore. In particolar modo è fondamentale porre l’attenzione sulle risposte emotive del soccorritore in situazioni di aggressioni o minacce subite.

Le emozioni sono parte integrante del soccorso ed è per questo fondamentale una adeguata formazione degli operatori affinché le emozioni vengano riconosciute, espresse e gestite.

Ciò promuove il benessere sia dell’operatore sia di coloro che vengono soccorsi dall’operatore stesso.

Un particolare ruolo, specialmente nelle emergenze di ordine quotidiano, è svolto dal volontariato di Pubblica Assistenza, che opera quotidianamente, attraverso il sistema 118. Al momento risultano iscritte nell’elenco nazionale del Dipartimento di Protezione Civile circa 2.500 organizzazioni volontarie, per un totale di oltre 1.300.000 volontari disponibili.

La considerazione circa il ruolo delle emozioni nel lavoro del soccorso in Italia, secondo Agostino Miozzo, responsabile del settore internazionale della Protezione Civile Italiana, è iniziata a partire dalla missione Arcobaleno in Jugoslavia.

Episodi di aggressione fisica o verbale possono avere delle forti ripercussioni emotive su operatori sanitari e soccorritori a livello di stress, burn out, fino ad arrivare a veri e propri traumi.

 

Stress

Secondo Cannon e Selye (1956), quando l’ambiente esterno fa richieste fuori dall’ordinario, l’essere umano concentra le sue energie raggiungendo uno stato di tensione finalizzato a dare una risposta e una risoluzione. Senza stress, molti problemi non troverebbero una risposta e il nostro adattamento ambientale sarebbe minore. Lo stato di stress che si protrae nel tempo e che si presenta in relazione a episodi di aggressioni e minacce subite, diventa fattore di rischio per la salute dei soccorritori e degli operatori sanitari.

 

Burn out

Galimberti (2019), quando parla di burn out parla di: “fallire, logorarsi o essere esauriti a causa di una eccessiva richiesta di energia, resistenza o risorse”, suggerendo così che lo stato di burn out sia l’esaurimento emotivo conseguente a un sovraccarico. Se lo si confronta con il concetto di stress, si può osservare che il burn out costituisce una sorta di “secondo stadio” anticipato dallo stress.

 

Trauma

Per potersi definire traumatici, gli eventi devono possedere caratteristiche particolari quali: comportare la morte, la minaccia di morte, gravi lesioni o integrità fisica a sé o ad altri prossimi; suscitare sentimenti intensi di impotenza e orrore. Le aggressioni subite decisamente possono rientrare in tali eventi traumatici e stressanti a livello emotivo, fisico e mentale (Hermann, 1992).

 

Aggressione verso soccorritori e operatori sanitari: cosa fare “dopo”

Innanzitutto, informiamo dell’accaduto il nostro responsabile (Direttore di Unità Operativa, Coordinatore infermieristico). Se siamo stati feriti rechiamoci in Pronto Soccorso per le cure del caso e la eventuale dichiarazione di infortunio sul lavoro.

Usufruiamo del programma di prevenzione fornito dalla propria organizzazione oppure chiediamone l’attuazione. Ogni programma di prevenzione dovrebbe assicurare un opportuno trattamento e sostegno agli operatori vittima di violenza o che possono essere rimasti traumatizzati per aver assistito ad un episodio di violenza.

Il personale coinvolto dovrebbe poter ricevere un primo trattamento a prescindere dalla severità del caso. Le reazioni del soccorritore e dell’operatore sanitario che hanno subito o assistito ad una aggressione di un collega possono essere svariate. Vanno dallo stordimento iniziale e dall’ansia; dalla irritabilità e dall’irrequietezza.

Altre emozioni contrastanti: euforia, sentimenti di delusione, senso di colpa, senso di inadeguatezza, tristezza, tensione, rabbia. Difficoltà nel distendersi, nel rilassarsi e addormentarsi. Il riaffiorare di episodi e vissuti particolarmente forti sul piano emotivo. Alla lunga potrebbero evidenziarsi disturbi comportamentali quali: abuso di farmaci, fumo, alcool.

 

Aggressione verso soccorritori e operatori sanitari: centralità di un trattamento appropriato

Pertanto, è necessario assicurare un trattamento appropriato per gli interventi di gestione emotiva e di gestione dello stress. Istituire un programma formativo continuativo specifico rivolto agli operatori sanitari e ai soccorritori. Creare momenti più o meno strutturati di discussione e condivisione di episodi, emozioni, paure da parte di operatori e soccorritori, successivi agli episodi di aggressione e presunti tali, con la supervisione e consultazione di esperti esterni quali ad esempio un counselor sanitario professionista. Interventi utili per ridurre il senso di isolamento, stimolare il senso di appartenenza al gruppo che ha subito il trauma. Grande importanza ha anche la spiegazione, agli operatori, delle modalità di manifestazioni più tipiche dello stress legato al contesto di emergenza al fine di non trascurarle. Inoltre, insegnamento di semplici e rapide tecniche di rilassamento o di meditazione possono fare la differenza. Istituire una postazione fissa di vero e proprio pronto intervento emotivo in caso di eventi critici. Sono passaggi davvero essenziali nella promozione, a cascata, del benessere dell’operatore e di coloro che vengono soccorsi.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Counseling con Ciabattoni Letizia: quanto conta la prima impressione?

Da sempre ci hanno raccontato che la prima impressione è quella che conta, eppure non è sempre così

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: lavorare su noi stessi per il nostro benestare

Ad un certo punto della vita, potremmo sentire come la necessità di fare una sorta di "reset"

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: senso del dovere bye bye. Oggi scelgo il piacere!

Alleggerire la nostra mente equivale a far star meglio noi e gli altri. Ce lo meritiamo!

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: amore non è riempire vuoti o dipendenza

Condividere una storia d’amore dovrebbe equivalere a una consapevole e sana offerta di noi all’altro

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: imparare a distaccarsi per perseguire i propri obiettivi

Per raggiungere il nostro obiettivo, possiamo seguire diversi percorsi e cambiare direzione...

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: i benefici del volontariato

La scienza lo conferma: il volontariato fa bene non solo a chi lo riceve ma anche a chi lo fa

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: non rimandare a domani ciò che puoi fare oggi

Chi ben inizia è a metà dell’opera. Parola di Counselor!

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: la morte di Fido e i nostri figli

Come aiutare i figli a superare la morte di Fido o Kitty

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: a proposito di somatizzazione...

Il Counselor ti accompagna al cambiamento reale che rendererà la tua esistenza soddisfacente

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: lutto, abbandono da affrontare

Come affrontare un lutto, una perdita, un abbandono tramite un percorso di Counseling

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: non voglio avere figli

Non volere figli non equivale ad esser strani o egoisti. E' una scelta personale!

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: litigare sui social non ci eleva

Ricordiamo che online equivale a "in pubblico" e che una corretta comunicazione, un modo corretto di dissentire è un modo civile e maturo di stare tra e con gli altri

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: perché attiriamo persone sbagliate?

Avere la sensazione di attrarre a sé le persone cosiddette “strane” e originali non è del tutto errata. Il focus sta nella “stranezza” che è presente dentro noi stessi

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: un counselor per gli adolescenti

Il Counselor può lavorare assieme all'adolescente sulla rivalsa dei propri punti di forza e delle proprie risorse sociali

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: il senso di colpa va ridimensionato

Mamme che si sentono in colpa se dedicano alcune ore settimanali alla cura di sé, figli chi si sentono in colpa per non aver realizzato i sogni dei genitori...

Continua

Counseling con Ciabattoni Letizia: trovare la propria strada

Uscire dalla zona di comfort può significare dover ammettere a se stessi di aver trascurato la propria Essenza

Continua

Il Couseling sanitario non è una scelta, è un diritto

Il counseling sanitario si basa sul raggiungimento di obiettivi fondamentali: sostegno emotivo, prevenzione, favorire il benessere, potenziamento delle risorse

Continua

Sfogare la rabbia fa bene ad adulti e bambini

La rabbia è un'emozione del tutto naturale, potremmo provare a considerarla una “sana aggressività” che ci infonde energia

Continua

Aggressione verso soccorritori e operatori sanitari: cosa fare?

Aggressione verso soccorritori e operatori sanitari: cosa fare per prevenire? Parte prima di un'analisi

Continua

Violenza a soccorritori e operatori sanitari, parte seconda

Violenza a soccorritori e operatori sanitari, parte seconda: cosa fare durante l’aggressione?

Continua