Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Al via il Bando Resto al sud


Le domande di accesso ai finanziamenti potranno essere presentate a partire dal 15 Gennaio 2018 fino ad esaurimento delle risorse stanziate
Al via il Bando Resto al sud
Al via il Bando Resto al sud:
Le domande a partire dal 15 Gennaio 2018
Dal prossimo 15 gennaio 2018 sarà possibile presentare le domande a Invitalia per gli incentivi Resto al Sud.
Al fine di facilitare la nascita di nuove micro e piccole imprese nel Sud Italia per riuscire a sostenere la crescita economica per la misura Resto al Sud sono stati stanziati 1.250 milioni di euro e per rafforzare la misura ed è stato firmato anche un accordo per garantire il totale abbattimento degli interessi per chi accede alle agevolazioni (finanziamento a tasso zero).
La misura è stata introdotta con il D.L. 20.6.2017, n. 91, recante "Disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno" pubblicato in Gazzetta Ufficiale n.141.
Soggetti Beneficiari
L’intervento agevolativo è rivolto ai soggetti di età compresa tra i 18 i 35 anni età residenti in Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia che presentino i seguenti requisiti:
- siano residenti nelle regioni sopra elencate al momento della presentazione della domanda o vi trasferiscano la residenza entro sessanta giorni dalla comunicazione del positivo esito dell’istruttoria;
- non risultino già beneficiari, nell’ultimo triennio, di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell’auto-imprenditorialità.
I soggetti beneficiari della misura devono mantenere la residenza, oppure sede legale ed operativa se trattasi di società, nelle predette regioni per tutta la durata del finanziamento.
Progetti agevolabili
Potranno essere agevolati i progetti relativi alla produzione di beni nei settori dell’agricoltura, dell’artigianato o dell’industria, ovvero relativi alla fornitura di servizi a favore delle imprese appartenenti a qualsiasi settore ed infine le attività del settore turistico.
Restano escluse le attività libero professionali e del commercio.
Importo agevolabile
Le agevolazioni saranno concesse fino ad un massimo di 50.000 euro per ciascun richiedente (originariamente 40.000 euro).
L’intervento sarà finanziato:
- per il 35% sarà a fondo perduto erogato dal soggetto gestore della misura;
- per il restante 65% dovrà essere rimborsato in 8 anni a tasso zero.
Nel caso in cui l’istanza sia presentata da più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio che presenti i requisiti richiesti, fino ad un ammontare massimo complessivo di 200 mila euro.
Si evidenzia che la domanda per accedere al finanziamento "Resto al Sud" può essere presentata anche dalle imprese ancora da costituire e che dovranno costituirsi entro 60 giorni dalla data di comunicazione del positivo esito dell’istruttoria.
Presentazione domande
Le domande di accesso ai finanziamenti potranno essere presentate a partire dal 15 Gennaio 2018 fino ad esaurimento delle risorse stanziate.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bando Isi 2016, incentivi alle imprese

Finanziamento a fondo perduto pari al 65% delle spese ammissibili per progetti di miglioramento dei livelli di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Continua

Bando Professionisti Regione Campania

Al via il primo bando per progetti di investimento promossi da professionisti e aspiranti professionisti con finanziamento del 50% a fondo perduto

Continua

Modello F24: cambiano le modalità di presentazione

Per tutti i titolari di partita Iva, in presenza di compensazioni, il mod. F24 va presentato esclusivamente tramite i canali telematici dell' AdE

Continua

Rottamazione cartelle esattoriali 2017

Rottamazione bis 2017 - Possibile rottamare le cartelle di pagamento notificate fino al 30 settembre 2017

Continua