Al via il rilancio dei mestieri


Al via le botteghe di Mestiere e dell'Innovazione. Uscito il bando per il rilancio dei mestieri tradizionali e per la diffusione del made in Italy
Al via il rilancio dei mestieri
PUBBLICATO L’AVVISO RIVOLTO A IMPRESE E GIOVANI PER IL RILANCIO DEI MESTIERI TRADIZIONALI E DEL MADE IN ITALY. SCADENZA DOMANDE 8 MARZO.
Al via Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione.
Pubblicato l’avviso rivolto a imprese e giovani per il rilancio dei mestieri tradizionali e del made in Italy.
Botteghe di Mestiere e dell’Innovazione è partito il 15 gennaio del 2016 con la pubblicazione dell'avviso per l’attivazione di circa un centinaio di Botteghe che ospiteranno 934 tirocini di sei mesi su tutto il territorio nazionale

Si tratta di un'iniziativa (che rientra nel programma Spa- sperimentazioni di politiche attive (Botteghe) di Italia Lavoro) che ha un duplice obiettivo:
promuovere l’occupazione giovanile (sono coinvolti giovani tra i 18 e i 35 anni non compiuti) e favorire allo stesso tempo il rilancio dei mestieri tradizionali tra le nuove generazioni.

In una prima fase l'avviso è rivolto alle imprese, che hanno tempo fino al prossimo 8 marzo 2016 per proporre progetti di Bottega attraverso i quali trasmettere ai giovani competenze specialistiche; stimolando il ricambio generazionale, la nascita di nuova imprenditoria e i processi di innovazione e di internazionalizzazione delle imprese. Tali progetti possono essere presentati da raggruppamenti formati da un soggetto promotore e da una o più aziende che ospiteranno i tirocinanti. Una volta costituite le Botteghe, si apriranno le candidature per giovani disoccupati e inoccupati under 35 aventi i requisiti previsti dall’avviso.
I tirocinanti riceveranno una borsa mensile di 500 euro lordi erogata da Italia Lavoro, ma soprattutto avranno l’opportunità di specializzarsi nei principali comparti del made in Italy.

Attraverso una reale esperienza sul campo, i giovani avranno l’opportunità di acquisire una professionalità spendibile nel mercato del lavoro, anche attraverso l’avvio di un’attività autonoma.
E’ prevista l’attivazione di Botteghe non soltanto in una logica di settore (aziende che operano allo stesso stadio di un ciclo produttivo), ma anche di filiera (aziende integrate in senso verticale ai fini della realizzazione di un prodotto o di un servizio).

Ci sarà spazio pure per l’innovazione. Possono infatti partecipare le imprese dell’artigianato digitale, che impiegano tecnologie avanzate per la fabbricazione di nuovi prodotti o per lo sviluppo di processi produttivi non convenzionali.
Data Chiusura: 8/3/2016.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il nuovo procedimento di esdebitazione

Esdebitazione. Guida pratica ed "istruzioni per l'uso"

Continua

Start up innovative, ultima novità

Start up innovativa. Il Ministero fornisce il modello standard dell'atto costitutivo

Continua

Il fallimento del piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore e dichiarazione di fallimento. Mancato deposito della situazione patrimoniale ed economica aggiornata

Continua

Breve sintesi sulla donazione remuneratoria

Le tre tipologie di donazione remuneratoria e la sua differenza con la liberalità d'uso

Continua

Non punibilità per tenuità del fatto

Novità con il DLGS 28/2015. La nuova causa di punibilità

Continua

Addio casa dopo 18 rate non pagate

Con il c.d. decreto mutui, via libera alla possibilità per le banche di vendere direttamente la casa del debitore senza l'obbligo di passare dall'asta giudiziaria

Continua

DL rottamazione, l’istanza fissa le cartelle

Pubblicato il modello per la rottamazione delle cartelle Equitalia...ma è ancora tutto in alto mare

Continua