Aliquota del 10% e beni significativi


L'aliquota del 10% agevolata e' applicabile anche agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria
Aliquota del 10% e beni significativi
Per quanto riguarda il recupero del patrimonio edilizio, l'aliquota del 10% agevolata e' applicabile anche agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria in virtu' della disciplina contenuta nell'art.7 L.488/1999.
Oggetto dell'agevolazione sono le prestazioni di servizi aventi ad oggetto la realizzazione degli interventi di manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria e anche nel caso l'intervento si realizzi mediante la cessione con posa in opera di un bene.

Per i beni detti di valore significativo l'aliquota ridotta si applica solo fino a concorrenza del valore della prestazione considerato al netto del valore dei predetti beni.
Per gli interventi di restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia e ristrutturazione urbanistica sono previste apposite disposizioni nella tabella A del D.P.R.633/1972 per l'applicazione dell'aliquota agevolata.
Restano esclusi dall'aliquota agevolata gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Per rendere applicabile l'aliquota Iva agevolata anche agli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria il legislatore ha emanato provvedimento normativo ah hoc. Si tratta di una particolare disciplina contenuta nell'art.7 della L.488/1999. Rispetto alla normativa contenuta nel D.P.R. 633/1972, la normativa sopraesposta prevede la concessione dell'aliquota iva del 10% solo per le manutenzioni su fabbricati a prevalente destinazione abitazione privata.
Come precedentemente detto, l'aliquota Iva agevolata viene concessa alle prestazioni di servizi rese per la realizzazione degli interventi di mnautenzione ordinaria e straordinaria. Restano escluse dall'agevolazione le cessioni di beni.
L'applicazione dell'aliquota agevolata non e' preclusa dalla circostanza che la fornitura del bene assuma un valore prevalente rispetto a quello della prestazione. Fanno eccezione i beni di valore significativo:
- ascensori e montacarichi;
- infissi interni ed esterni;
- caldaie;
- videocitofoni;
- apparecchiature di condizionamento e riciclo dell'aria;
- sanitari e rubinetteria da bagno;
- impianti di sicurezza

Viene identificato come bene con valore significativo quel bene il cui valore e' superiore al 50% del corrispettivo ricevuto.
Per quei beni che hanno un valore superiore, l'agevolazione si applica entro il seguente limite: sottraendo dall'importo complessivo della prestazione rappresentato dall'intero corrispettivo dovuto dal committente, soltanto il valore dei beni significativi.

Articolo del:


di Comm. Emanuela Carocci

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse