Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Ansia scolastica: definizione, sintomi e criteri diagnostici


Vediamo cos'è l'ansia scolastica, quali sono i sintomi, come si manifesta, quali sono i criteri diagnostici e a cosa può associarsi questo disturbo
Ansia scolastica: definizione, sintomi e criteri diagnostici

La presenza di ansia e di paura della scuola, entro certi limiti, è una manifestazione normale nei bambini, solo alcuni arrivano a vivere un’ansia e una paura eccessive che possono arrivare a un vero e proprio rifiuto nel recarsi a scuola quotidianamente.

La fobia della scuola, anche chiamata “rifiuto della scuola”, è caratterizzata da: 

  • paura e difficoltà ad andare a scuola;

  • stati d’ansia e di depressione;

  • stress emotivo, sia per il bambino che per i suoi genitori;

  • interferenza con lo sviluppo emotivo e sociale.

Questo rappresenta un fattore di rischio a lungo termine per lo sviluppo di psicopatologia in età adulta.

Cos'è l'ansia scolastica

La definizione di ansia scolastica include bambini che:

  • sono completamente assenti da scuola:

  • al mattino entrano a scuola ma poi la lasciano nel corso della giornata; 

  • vanno a scuola dopo aver avuto la mattina molti problemi comportamentali, tra cui lamentele e disturbi psicosomatici; 

  • vivono un forte stress durante la giornata scolastica con continue richieste ai genitori di poter tornare a casa o di non andare a scuola.

Criteri diagnostici

Tra i criteri diagnostici abbiamo:

  • difficoltà e disagio persistenti nel frequentare la scuola; 

  • accentuate reazioni emotive che includono un eccessivo stato di paura e lamentele di sentirsi male alla prospettiva di andare a scuola;

  • il bambino resta a casa quando dovrebbe essere a scuola;

  • assenza di caratteristiche antisociali, come per esempio il mentire o l’essere aggressivo con i compagni;

  • in caso di insistenza da parte di un adulto, si osserva un accentuato stato di angoscia nel bambino.

I bambini che evitano la scuola perché hanno paura di valutazioni negative in situazioni sociali con i compagni e con gli insegnanti, potrebbero soddisfare i criteri diagnostici per la fobia sociale, caratterizzata da paura e evitamento delle situazioni sociali in cui il bambino può provare imbarazzo.

Se invece la paura del bambino che evita la scuola dipende da un oggetto o situazione nella scuola, che non implica una paura dell’umiliazione e dell’imbarazzo in situazioni sociali, la diagnosi probabile è di fobia specifica.

Un’altra diagnosi da considerare è il disturbo d’ansia da separazione. La presenza di rifiuto scolare potrebbe inoltre rientrare in un disturbo depressivo.

Condizioni associate all'ansia scolastica

I DSA (Disturbi Specifici dell'Apprendimento) per cui ripetuti insuccessi scolastici potrebbero causare un calo motivazionale e un disinvestimento dagli apprendimenti, di conseguenza si osserverebbero i comportamenti di evitamento della scuola, che avrebbero in quest’ottica una funzione protettiva per il bambino dall’ansia di prestazione e dalla conseguente svalutazione di sé. Poi ancora l’ADHD (Disturbi da Defici dell'Attenzione/Iperattività) e il Disturbo Oppositivo Provocatorio.

Manifestazioni del disturbo

  • Presenza di una reazione d’ansia intensa associata al momento dell’uscita di casa o dell’ingresso a scuola. Il bambino si agita, piange, supplica, scappa. Se portato vicino alla scuola, può manifestare panico, forte stato d’ansia, e insistenze per rientrare a casa.

  • Presenza di sintomi somatici tra cui dolori addominali, nausea, inappetenza, cefalea. Spesso i sintomi possono manifestarsi già la sera precedente con relativi disturbi del sonno. Al di fuori delle situazioni legate alla frequenza della scuola, il bambino è relativamente tranquillo, in grado di dedicarsi a ciò che più gli piace. Può anche mostrare una buona razionalizzazione circa la sua fobia.

Elementi cognitivi

Tra gli elementi cognitivi abbiamo i seguenti.

  • Pensieri disfunzionali relativi alla permanenza a scuola, vissuta come un evento insopportabile, temibile, inaffrontabile.

  • Pensieri disfunzionali relativi a sé, circa la propria incapacità, inadeguatezza ad affrontare una situazione scolastica vissuta come complessa.

  • Pensieri disfunzionali relativi all’impossibilità di sopportare le situazioni sociali implicanti valutazioni, giudizi e esposizioni in gruppo.

  • Pensieri disfunzionali relativi alle attività scolastiche, vissute come noiose e faticose, con richieste eccessive di rispetto delle regole in confronto con gli aspetti ludici delle attività extrascolastiche.

  • Pensieri disfunzionali relativi alla separazione dalla figura di attaccamento, evento percepito come minaccioso.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Esperienze psicofisiologiche multidimensionali

Progetto Counseling a mediazione corporea

Continua

Traumi psicologici da incidenti stradali

Quali sono i sintomi del disturbo post-traumatico da stress e le loro origini

Continua

Scuola: perfezione uguale limite

Sebbene il termine “limite” sia caratterizzato oggi da accezioni negative, all’origine prevaleva l’idea che nella finitezza umana risiedesse la perfezione

Continua

Familiari Alzheimer "AL CENTRO: IL TUO SOLLIEVO. ESSERE IN REL-AZIONE"

Recuperare capacità empatiche e gestire al meglio varie difficoltà emotive appare arduo

Continua

Quando la "passione" ti rafforza il carattere

Coltivando la propria passione, il carattere riceve una serie di sollecitazioni a livello fisico, intellettuale ed emozionale

Continua

Le "carezze interne" ai tempi del Coronavirus

La carezza interna come fonte di consapevolezza del proprio sè per affrontare la maggiore solitudine, paura o ansia dettate dal momento particolare che stiamo vivendo

Continua

Il silenzio della solitudine

E' giunto il momento di ricercare il silenzio della solitudine come momento di purificazione, nell'accettare di viverla anche quando essa è tensione drammatica

Continua

Società e scuola ai tempi del Coronavirus: relazioni senza corpo

Per riuscire a stare bene a casa è necessario decomprimere i fattori di stress psicologico e soprattutto organizzarsi col costrutto "gestione tempo"

Continua

Lascia parlare la tua rabbia

Impara ad esprimere la rabbia con dolcezza senza cadere in pericolosi eccessi. Ciò non significa negare la rabbia, ma poterla manifestare senza rimanerne schiacciati

Continua

Occorre che TU ci metta…più AMORE!

Si avvicina un Natale insolito, forse in solitudine lontano dai propri affetti. Ma è proprio in questi momenti che si deve riscoprire la forza dell'amore e dell'ascolto

Continua

“L’INVIDIA è…FEMMINA…

dall’Io bambino all’Io adulto…strategie di Counseling”

Continua

L’abbraccio attraverso gli occhi. L’autenticità dello sguardo

Il modello di attaccamento sicuro, in questo periodo pandemico, può essere la fonte di salvezza per tanti bambini

Continua

La sofferenza delle scuole pugliesi e la disperazione sui volti dei bambini/ragazzi e genitori

DDI… DAD… la Puglia diversa dal resto d’Italia, ma non per i colori bianco, giallo, arancio, rosso, bensì per la decisione presa dal presidente di regione Emiliano

Continua

Età evolutiva e ansia (psicologia scolastica)

In questo articolo affrontiamo la tematica dell'ansia collegata al particolare periodo che il bambino vive nell'età evolutiva

Continua

Il bambino plusdotato

Relativamente alla psicologia scolastica oggi affrontiamo il tema del bambino plusdotato

Continua

Tradizioni, psicologia e didattica: Dal counseling a carattere corpore

"Tradizioni, psicologia e didattica: dal Counseling a Carattere Corporeo" è il titolo del mio libro, pubblicato da 99 Edizioni e disponibile su Amazon

Continua