Richiedi una consulenza in studio gratuita!

APe Volontaria: quanto conviene?


Per coloro che sono in possesso dei requisiti di accesso, si pongono una serie di considerazioni sulla convenienza della misura
APe Volontaria: quanto conviene?
I Decreti Attuativi saranno emanati i primi di settembre; da ultime indiscrezioni emerge che:
1) Non sarà prevista la retroattività al 1° maggio 2017, resa obbligatoria invece per l’APe Sociale; il Consiglio di Stato ha suggerito di inserirla come opzione facoltativa "a domanda dell’interessato"

2) Le quote richiedibili per l’APe Volontario possono partire da un Importo minimo di 150 euro (per almeno 6 mesi) fino alle quote massime sotto indicate rispetto alla data prevista per la pensione di vecchiaia:

· 90% della pensione netta ad oggi maturata per chi richiede un anticipo fino ad un anno;
· 85% se l’anticipo richiesto viene usufruito per un periodo da uno a due anni;
· 80% se l’indennità viene percepita per un periodo da due a tre anni;
· 75% della pensione netta ad oggi maturata per un periodo da tre a tre anni e 7 mesi.

3) Si ricorda che l’APe Volontaria può essere usufruita anche continuando la propria attività lavorativa, senza dover cessare il rapporto di lavoro come invece è previsto per l’APe Sociale.

Quindi, l’anticipo pensionistico potrebbe rappresentare, in alcuni casi, una temporanea integrazione al proprio stipendio, in attesa di maturare la pensione di vecchiaia. In altri casi invece, taluni soggetti potrebbero trovarsi in una condizione di disagio o necessità, per cui la possibilità di ricevere oggi un anticipo pensionistico potrebbe produrre un maggior beneficio, rispetto al costo della misura. Tale onere, calcolato come trattenuta sulla pensione mensile per i successivi 20 anni, non sarà ovviamente uguale per tutti, ma dipenderà da diversi fattori, quali:
- Importo futuro dell’assegno pensionistico.
- Storia previdenziale del soggetto e sistema di calcolo utilizzato: retributivo, misto o contributivo.
- Percentuale di anticipo richiesta e durata del beneficio.

Quanto percepirò di pensione? Quanto mi costerà l’APe? Quale percentuale di anticipo posso richiedere? Per quanto tempo mi conviene usufruire del beneficio?
Non è possibile fornire una valutazione generica a priori, poiché dipenderà, ovviamente, dalla situazione personale, lavorativa e contributiva di ciascun individuo. Tutti questi quesiti possono essere efficacemente chiariti sempre da un Professionista del settore, che potrà aiutare il soggetto ad effettuare le opportune valutazioni, verso una scelta più consapevole e coerente alle proprie esigenze e necessità.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Mutui: come scegliere il più conveniente

La selezione di un nuovo mutuo richiede competenze ed è difficile avere la certezza che il proprio intermediario proponga l’offerta più efficiente

Continua

Non sposare la tua banca!

La fedeltà non paga in ambito bancario: questa è la triste realtà dei fatti

Continua

Pignorabilità delle Polizze Unit Linked

Una nuova sentenza della Corte d’Appello di Bologna in merito alla pignorabilità delle Polizze Unit Linked

Continua

Investire con consapevolezza è possibile?

In materia di investimenti c’è un mondo da scoprire e l’informazione è estremamente importante per non incorrere in rischi troppo elevati

Continua

Aziende: gli oneri finanziari sul credito sono troppo elevati

Spesso i tassi di interesse sono superiori rispetto al merito creditizio reale (rating)

Continua

PIR: È TUTTO ORO QUEL CHE LUCCICA?

Cosa valutare per effettuare una scelta di investimento consapevole

Continua

PIR: è tutto oro quello che luccica?

Cosa valutare per effettuare una scelta di investimento consapevole

Continua

Surroga surroga surroga...

Nonostante i mutui già surrogati siano stati moltissimi, resta ancora qualcuno che non ha valutato quest’opportunità!

Continua

Ape sociale e Ape precoci: vademecum

Tempi stringenti per la presentazione delle domande: scadenza 15 luglio per i soggetti che maturano i requisiti nel 2017

Continua

Il Merito Creditizio Aziendale

Conoscere il proprio merito creditizio finanziario permette all’azienda di avere maggiore consapevolezza di sé e poter meglio negoziare con le banche

Continua

L’ETF: uno strumento finanziario poco compreso

Conosciamo veramente gli strumenti finanziari utilizzabili per i nostri risparmi oppure ci affidiamo solo a quelli proposti dalle Banche?

Continua

APe Volontaria: a settembre i Decreti Attuativi

Dopo mesi di attesa è arrivato il consenso dal Consiglio di Stato: il Decreto sull’Anticipo Pensionistico Volontario è finalmente alle battute finali.

Continua

La Direzione Finanziaria in outsourcing

Uno strumento concreto ed efficiente per ottimizzare l’area finanziaria aziendale

Continua

APe Volontaria e RITA

Con l'entrata in vigore dell’APe Volontaria si sblocca anche RITA, la Rendita Integrativa Temporanea Anticipata. Di cosa si tratta e come funziona?

Continua

Questione di...Welfare aziendale

Feeling possibile attraverso il premio di produttività per usufruire di vantaggiosi benefici fiscali e contributivi

Continua

Il Supplemento di Pensione

È possibile continuare a lavorare anche dopo la pensione principale, cumulando redditi da pensione con redditi da lavoro autonomo o dipendente?

Continua

Consulente Autonomo ovvero Indipendente

Un diverso approccio alla consulenza dove l’unico interesse da perseguire è quello del cliente

Continua

Le Spese Correnti abbattono i rendimenti

Attenzione agli oneri sostenuti indirettamente dai sottoscrittori

Continua

L’importanza di una scelta consapevole

Il mondo della finanza e degli investimenti è troppo vasto ed i rischi sono sempre dietro l’angolo

Continua