Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Appalto e vizi dell'opera, gravi difetti anche su elementi secondari e accessori


Sono gravi difetti dell'opera, rilevanti ai fini dell'art. 1669 c.c., anche quelli che riguardino elementi secondari e accessori
Appalto e vizi dell'opera, gravi difetti anche su elementi secondari e accessori

La Suprema Corte di Cassazione, con Ordinanza  n. 10342 del 1° giugno 2020, ha statuito che in tema di contratto d'appalto, sono gravi difetti dell'opera, rilevanti ai fini dell'art. 1669 c.c., anche quelli che riguardino elementi secondari e accessori, purché tali da compromettere la funzionalità globale e la normale utilizzazione del bene, secondo la sua destinazione propria. La Cassazione, con l’Ordinanza  n. 10342 del 1° giugno 2020, è tornata su un tema evergreen, ossia l’appalto.

L’appalto, ai sensi dell’art. 1655 c.c., è il contratto mediante il quale un soggetto, detto appaltatore, si obbliga nei confronti di un altro soggetto, detto committente, a compiere un’opera specifica o un servizio dietro corrispettivo in denaro, con propria organizzazione di mezzi e con gestione a proprio rischio.

Le principali diatribe in materia concernono proprio i rapporti e il riparto della responsabilità tra appaltatore e committente.

Gli Ermellini sono tornati sul corrispondente tema, decidendo su di un caso ove un condominio chiedeva la condanna della ditta appaltatrice per i difetti ed i vizi attinenti ai lavori di rifacimento degli intonaci dei prospetti del fabbricato condominiale. Il Tribunale accoglieva la domanda e, avverso la sentenza, l’impresa proponeva appello, lamentando l’errata applicazione dell’art. 1669 c.c. in luogo dell’art. 1667 c.c., riproponendo eccezione di decadenza e prescrizione nei confronti del condominio. La Corte rigettava l’appello e, avverso tale decisione, il soccombente ricorreva in Cassazione.

I Giudici di Piazza Cavour, con l’Ordinanza  n. 10342 del 1° giugno 2020, dichiaravano il ricorso inammissibile confermando, così, il seguente principio di diritto: “il riconoscimento dei vizi ha l'effetto di svincolare il diritto alla garanzia del committente dai termini di decadenza e prescrizione di cui all'art. 1667 c.c., costituendo fonte di un'autonoma obbligazione di facere che si affianca a quella preesistente legale di garanzia; tale nuova obbligazione, però, poiché non estingue quella originaria, può concernere i soli difetti contestati dal committente, non potendosi estendere ad ogni problematica che sia sorta successivamente con riferimento all'oggetto dell'appalto […]; in tema di contratto d'appalto, sono gravi difetti dell'opera, rilevanti ai fini dell'art. 1669 c.c., anche quelli che riguardino elementi secondari e accessori (come impermeabilizzazioni, rivestimenti, infissi ecc.), purché tali da compromettere la funzionalità globale e la normale utilizzazione del bene, secondo la destinazione propria di quest'ultimo”.

Alla luce di tale pronunzia emerge, ergo, che in tema di contratto d'appalto, sono gravi difetti dell'opera, rilevanti ai fini dell'art. 1669 c.c., anche quelli che riguardino elementi secondari e accessori (come impermeabilizzazioni, rivestimenti, infissi ecc.), purché tali da compromettere la funzionalità globale e la normale utilizzazione del bene, secondo la destinazione propria di quest'ultimo.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Contagio da HIV: prescrizione del diritto al risarcimento dei danni

La Cassazione interviene in materia di prescrizione del risarcimento dei danni da emotrasfusioni

Continua

Responsabilità del medico: condotta colposa innanzi a sintomi aspecifici

La Cassazione interviene nuovamente in materia di responsabilità del medico

Continua

La Cassazione interviene in materia di risarcimento del danno da morte al convivente more uxorio

Il risarcimento del danno spetta anche nell’ipotesi di morte del convivente more uxorio

Continua

L'Agente della riscossione risponde in solido con l’Ente creditore

In caso di nullità della cartella, l’AdE Riscossione risponde in solido per le spese processuali

Continua

Danni provocati da un bene destinato al culto: chi risarcisce?

La Corte di Cassazione interviene in materia di danni ex art. 2051 c.c. provocati da un bene destinato al culto

Continua

Quando la condotta dell’avvocato è disciplinarmente sanzionabile?

È legittima la sanzione della sospensione per l’avvocato che fa riferimento ad una proposta transattiva non corrispondente alla realtà

Continua

Efficacia probatoria delle riproduzioni informatiche ex art. 2712 c.c.

La Cassazione ribadisce i principi in materia di efficacia probatoria delle riproduzioni informatiche e delle corrette modalità di disconoscimento delle stesse

Continua

Risarcimento danni da riduzione o perdita della capacità lavorativa

Dovrà essere risarcito per la perdita o riduzione della capacità lavorativa anche colui che non ha un lavoro

Continua

Insussistenza del concorso di colpa per rifiuto di trattamento medico

Ai sensi del comma 2 dell’art. 32 della Costituzione “Nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge"

Continua

Risarcimento danni verso Bankitalia e Consob, competenza del giudice ordinario

Le controversie relative al risarcimento danni promosse dagli investitori nei confronti di Bankitalia e Consob sono devolute alla giurisdizione del giudice ordinario

Continua