Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Aprire una società o puntare sulla libera professione?


Aprire una partita iva individuale o puntare sulla società? In questo articolo analizziamo alcuni aspetti da considerare per prendere la decisione giusta
Aprire una società o puntare sulla libera professione?

 

Società o libera professione?

Ogni impresa nel corso della sua carriera può ritrovarsi davanti questa scelta: continuare in modo autonomo o mettersi in società con qualche collega e professionista?

Aspetti fiscali da prendere in considerazione

Ci sono sicuramente diversi aspetti da tenere in considerazione, a partire da quelli fiscali: mentre l’impresa individuale e i professionisti sono “naturalmente” soggetti in contabilità semplificata, una società lo è solo nel rispetto della forma giuridica prevista (società di persone) e dei limiti quantitativi fissati dalla legge. 

Ma il passaggio tra mondo della professione e mondo dell’impresa è ancora privo di riferimenti precisi e andrebbe colta l’occasione per una disciplina puntuale, coerente e soprattutto non punitiva. Tuttavia in questo articolo non ci soffermeremo sugli aspetti prettamente fiscali da tenere in considerazione nella decisione di associarsi o restare autonomi, bensì su quelli emotivi.

Aprire una società o puntare sulla libera professione? L’impatto emotivo.

Il carico che deve sostenere il singolo imprenditore o professionista, spesso è molto grande e dividerlo con dei soci permetterebbe loro di dividere oneri e onori.

Aprire una società con diverse figure professionali, inoltre, potrebbe incrementare il lavoro oltre che alleggerirlo. Se un socio specializzato nell’advertisement online acquisisse un cliente, quel cliente diventerebbe cliente della società; il socio esperto in social media potrebbe lavorare per lui, il webmaster creerebbe il sito web e così via. In questo modo il cliente avrebbe un aiuto a 360° per la sua attività e tutti i soci avrebbero un cliente che magari autonomamente non sarebbero riusciti ad acquisire.

Per non parlare dei periodi di assenza dal lavoro per malattia o qualche giorno di ferie, dove i soci potrebbero sopperire la mancanza di uno di loro così da alleggerire il peso del lavoro.

Tante volte un supporto, un viso e una parola amica sono ciò che serve per tornare ad essere sereni lavorativamente parlando anche quando il lavoro è poco e il timore di non farcela sopraggiunge o, al contrario, quando il lavoro è tanto e l’ansia da prestazione ci coglie impreparati. Essere soli in questi casi, non è confortante, ma sapere di avere qualcuno su cui contare, una squadra pronta a sostenersi, tante volte è sufficiente per tornare energici e pronti a nuove sfide. Non credi?

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Detrazione fiscale: cosa detrarre e come? Deduzioni e detrazioni

Dichiarazione dei redditi, cosa sapere? Quali spese si possono detrarre? Quando è la scadenza?

Continua

Voglio aprire una società: da che parte cominciare?

Voglio aprire una società: da che parte cominciare? In questo articolo ti daremo risposte, consigli e non solo, resteremo a tua disposizione per una consulenza

Continua

Bonus Rottamazione TV 2021: come funziona

Ebbene sì, dal 23 agosto 2021 è possibile richiedere il Bonus rottamazione TV 2021. Dal 2022 entreranno in vigore nuovi standard tecnologici. Ma come funziona?

Continua

Società di capitali: ecco come aprire una SRL

Società di di capitali o società di persone? Nello specifico, in questo articolo andiamo a comprendere come aprire una SRL e che cos’è

Continua

Da regime ordinario a forfettario: requisiti da verificare a fine anno

Da regime ordinario a regime forfettario, i requisiti da verificare a fine anno. Scopriamo la manovra che sarà attiva per l’anno in arrivo in questo articolo

Continua