Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Arriva il super bonus di 100 euro in busta paga di aprile


100 euro in busta paga a tutti coloro che hanno lavorato in sede nel mese di marzo e hanno dichiarato nel 2019 un reddito da lavoro dipendente sotto i 40 mila euro
Arriva il super bonus di 100 euro in busta paga di aprile

Il decreto "Cura Italia" ha introdotto un bonus in busta paga a favore di più di 8 milioni di lavoratori che nel mese di marzo si sono recati sul posto di lavoro per offrire la propria consueta prestazione.

Si tratta di una misura a favore di determinate categorie o “filiere” non interessate dal “lockdown” previsto dai DPCM dell'11 e 22 marzo 2020, i cui lavoratori, nonostante l'epidemia in corso, hanno continuato, nel mese di marzo, a recarsi nei propri luoghi/sedi di occupazione.

Il DL 18/2020 ha istituito, infatti, per costoro un premio o una tantum di € 100,00 da erogare nella busta paga che andrà ad essere elaborata a partire dal due di maggio e cioè in riferimento al periodo di Aprile, in funzione delle presenze maturate in tutto il mese di marzo.

Secondo il criterio individuato dall'Agenzia delle Entrate, con la circolare 8/2020, il premio verrà erogato in base al rapporto tra le ore lavorate nel mese di marzo e quelle potenzialmente lavorabili nello stesso mese, previste dal contratto di lavoro, fissando quindi un criterio di proporzionalità alla determinazione del bonus.

Nello specifico si chiarisce che, detto premio, verrà ugualmente erogato in base al numero di ore di lavoro svolti in azienda, anche ai lavoratori part-time, indipendentemente dalla percentuale di inquadramento: in caso di part-time verticale rileveranno le ore di lavoro stabilite dal contratto individuale e quelle effettivamente prestate, anche se si trattasse di una prestazione che non occupi tutto il mese, di converso in caso di part-time orizzontale cioè secondo la distribuzione dell'orario di lavoro ripartito equamente su cinque giorni settimanali, varrà il numero delle ore prestate nel mese.

Inoltre in presenza di un lavoratore che intrattenesse più rapporti di lavoro part-time con diversi datori di lavoro, riceverà, chiaramente una volta, il bonus, soltanto da uno di essi, incaricandolo mediante autocertificazione all'erogazione, indicando contestualmente nella stessa dichiarazione, le presenze effettuate nello stesso mese di marzo presso l'altro datore di lavoro; il bonus verrà erogato per intero se, per almeno un contratto in essere, l'interessato abbia lavorato tutti i giorni previsti.

Ne consegue che, per esempio, per un lavoratore con settimana corta (40 ore distribuite in cinque giorni da 8 ore ciascuno), posto che marzo abbia 22 giorni lavorativi, il risultato sarà dato dal rapporto tra il numeratore, commisurato dalle ore effettivamente lavorate e il denominatore (vale a dire 176), moltiplicato per € 100,00.

Viene altresì chiarito che i giorni di assenze motivate da ferie, malattia, permessi retribuiti o non retribuiti, congedi etc, non potranno essere conteggiati al fine della determinazione del bonus netto, il quale è bene precisare, non concorrerà alla determinazione dell'imponibile fiscale da tassare.

I datori di lavoro pubblici e privati potranno recuperare l'esborso in busta paga del bonus riconosciuto ai propri dipendenti, attraverso il meccanismo della compensazione in f24 già a partire dal mese di maggio, quando matureranno le ritenute fiscali e previdenziali da trattenere e versare, ma potranno avvalersene entro la fine dell'anno in sede cioè di effettuazione delle operazioni di conguaglio, se ancora non ne avessero usufruito o non avessero ancora erogato il bonus.

In specie, i modelli f24 dovranno essere presentati esclusivamente attraverso i servizi telematici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate, non dovranno essere preceduti da alcun adempimento dichiarativo in testa al datore di lavoro che attesti la maturazione avvenuta del credito suddetto e l'operatività della compensazione verrà sempre riconosciuta, non rilevando mai ai fini del limite dei € 5.000,00 ai sensi dell'ultimo periodo, comma 1 dell'art. 17 D.lgs. 241/97, relativamente alla fattispecie della compensazione orizzontale.

Se i lavoratori hanno usufruito di giorni lavorati in “smart working” la circolare 8/E chiarisce, recitando testualmente “...si è dell’avviso che non possano rientrare nel computo dei giorni di lavoro rilevanti ai fini della determinazione dell’importo del cd. premio, il periodo di lavoro svolto a distanza, ovvero al di fuori dell’ordinaria sede di lavoro e/o degli ordinari luoghi in cui tradizionalmente viene prestata l’attività lavorativa, anche se funzionalmente e strutturalmente collegati ad essi attraverso l’ausilio di strumenti di comunicazione informatici e telematici”.

Infine, va opportunamente ricordato che non tutti i lavoratori dipendenti che hanno lavorato in sede lo scorso mese di marzo percepiranno il bonus. È stato, infatti, fissato un requisito reddituale tale per cui ad usufruire del bonus saranno solamente i soggetti che nel periodo d’imposta precedente (anno 2019) hanno dichiarato un reddito da lavoro dipendente complessivamente non superiore a 40.000 €.

 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Corrispettivi elettronici: anno nuovo, scontrino...elettronico nuovo!

Ecco un breve vademecum sullo scontrino elettronico al quale quasi tutti gli esercenti al minuto dovranno confrontarsi da quest'anno

Continua

Sale il "bonus Renzi" in busta paga

A partire daI 1° luglio 2020 i lavoratori si troveranno un "bonus Renzi" maggiorato in busta paga

Continua

La rivalutazione dei terreni, riaperti i termini fino al 30 giugno 2020

Anche quest'anno la legge di bilancio ripropone la possibilità di rideterminare il costo di acquisto di terreni edificabili e agricoli

Continua

Nuovi limiti al contante: chiarimenti su Pos, prelevamenti e buste paga

Ecco cosa cambia nel 2020 in merito a Pos obbligatorio, prelevamenti bancomat e retribuzione dei dipendenti

Continua

Pensioni con la Legge di Bilancio 2020, cosa cambia

Ecco quali sono le poche novità rispetto al 2019 e un quadro riassuntivo sulle vie d'uscita

Continua

Assenze da Coronavirus, quale gestione da parte del datore di lavoro

Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, fattispecie legate alle assenze dal posto del lavoro per il pericolo di contagio

Continua

Slitta la scadenza per CU, 730 e precompilati

Ecco cosa prevede il Decreto Coronavirus in merito alle scadenze relative agli adempimenti dichiarativi

Continua

Come si deducono i contributi nel regime forfettario

Ecco qual è il metodo per dedurre i contributi nel regime forfettario

Continua

In tempi di “contagio” le ferie possono essere imposte

Come giustificare le assenze in queste settimane di assenza dal lavoro

Continua

Il Covid-19 entra nel Documento di Valutazione dei Rischi

I datori di lavoro hanno l'obbligo di aggiornare il documento valutazione rischi

Continua

Credito d'imposta su locazioni commerciali interessati dalla chiusura

Nel decreto anti COVID-19 un nuovo credito di imposta per aiutare gli imprenditori in crisi

Continua

A Marzo ricavi e compensi senza ritenute

Fino al 31 marzo i ricavi non scomputano le ritenute. Introdotta l’esenzione delle ritenute d'acconto a beneficio di taluni soggetti

Continua

Nuovo rinvio delle scadenze di Aprile e Maggio, ma non per tutti

Le nuove moratorie su imposte e contributi previste dal nuovo "Decreto liquidità"

Continua

Decreto liquidità: i mini prestiti e le altre disposizioni fiscali

I prestiti bancari garantiti alle piccole e medie imprese e le ulteriori proroghe sugli adempimenti

Continua

La cassa integrazione durante maternità, permessi, ferie e congedi

Le compatibilità delle misure sulla gestione degli ammortizzatori sociali adottate dal Governo in presenza di più eventi tipici del rapporto di lavoro

Continua

730/2020: novità anche per gli eredi

Da quest'anno c'è la possibilità di presentare il modello 730 anche per il contribuente deceduto

Continua

Il decreto "Rilancio" riscrive la mappa delle scadenze

Varato il DL "Rilancio" ci apprestiamo a ridisegnare il calendario delle scadenze, tra vecchi e nuovi rinvii

Continua

Lo "slalom" tra indennità e finanziamenti a fondo perduto

Sotto la lente le novità del decreto "Rilancio", in attesa degli emendamenti in Parlamento

Continua

Come compilare l'istanza per gli aiuti a fondo perduto

Vademecum alla compilazione delle istanze per gli aiuti a fondo perduto che potranno essere inviate a partire dal 15 giugno e non oltre il 13 agosto

Continua

Dal 1° luglio nuova stretta alle auto aziendali

Aumenta la tassazione alle auto aziendali in base al tasso si inquinamento del veicolo

Continua

Dal 1° Gennaio 2020 le detrazioni dipenderanno anche dal forfettario

Forte diminuzione dell'effetto detrazioni in dichiarazione, con l'incidenza del reddito da imposta sostitutiva

Continua

Il contratto a termine alla luce del decreto "Agosto"

Nei contratti a termine è stata sospesa la causalità e i vecchi limiti previsti dai decreti “Poletti” e “Jobs Act”

Continua

Ristoro 1, Ristoro 2, Sospensioni Inps: ma sarà fino al soddisfo?

A confronto i meccanismi che dovrebbero ristorare le imprese nelle zone gialle, arancioni e rosse

Continua

I Ristori nella disciplina del Lavoro

I decreti Ristori intervengono ancora con cassa Integrazione e sgravi contributivi

Continua

Via libera alla "Decontribuzione Sud"

Dopo il via libera dalla Commissione Europea l'Inps rende note le istruzioni operative

Continua

Dai "Ristori" ai "Sostegni", novità e differenze

Da oggi partono le domande al Fondo Perduto, rivolto ad una platea di contribuenti più ampia

Continua

Prorogata la prima rata Inps al 20 agosto 2021

Artigiani, commercianti e autonomi saltano il versamento dei contributi Inps di maggio, ma attenzione, perché ad agosto potrebbero essere costretti a versare due rate

Continua