Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Aspetti inerenti la tredicesima mensilità nel comparto scuola


Effettuare un numero di giorni di servizio nel comparto scuola pari a 182 risulta corrispondente ad un anno di servizio
Aspetti inerenti la tredicesima mensilità nel comparto scuola

Effettuare un numero di giorni di servizio nel comparto scuola pari a 182 risulta corrispondente, ai fini dell’attribuzione di punteggio sulla base dell’articolo 4 l. 124/99, ad un anno di servizio dando il diritto ad una integrazione dei corrispettivi da lavoro dovuti qualora corrisposti in via parziale soprattutto dal punto di vista delle mensilità aggiuntive stipendiali. Tuttavia, riguardo alla questione inerente la quota relativa alla tredicesima mensilità va fatto fede al ragionamento che segue.

Era stato pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 200 del 29 agosto 2011, il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro relativo al personale del comparto scuola. Il contratto collettivo nazionale,  sottoscritto  ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 9, comma 17 del decreto-legge n. 70/2011, convertito, con  modificazioni,  dalla  legge  12  luglio 2011, n. 106, si applica al personale appartenente al comparto di cui all'art. 2, lettera I,  del  contratto  collettivo  nazionale  quadro sottoscritto l'11 giugno 2007. Le disposizioni del detto CCNL rimangono in vigore fino  a quando non siano sostituite dal successivo CCNL attualmente non ancora emanato.

Il capo VIII di tale CCNL, aspetti economico retributivi generali, proprio all’articolo 80 si occupa di regolamentare la tredicesima mensilità dovuta al lavoratore. Al personale con rapporto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato, è detto, spetta una tredicesima mensilità corrisposta nel mese di dicembre di ogni anno. L’importo della tredicesima mensilità è pari al trattamento fondamentale spettante al personale nel mese di dicembre, fatto salvo quanto previsto nei commi successivi.

La tredicesima mensilità è corrisposta per intero al personale in servizio continuativo dal primo gennaio dello stesso anno. Nel caso di servizio prestato per un periodo inferiore l’anno o in caso di cessazione del rapporto nel corso dell’anno, la tredicesima è dovuta in ragione di un dodicesimo per ogni mese di servizio prestato o frazione di mese superiore a 15 giorni.

I ratei della tredicesima non spettano per i periodi trascorsi in aspettativa per motivi personali o di famiglia o in altra condizione che comporti la sospensione o la privazione del trattamento economico e non sono dovuti al personale cessato dal servizio per motivi disciplinari. Per i periodi temporali che comportino la riduzione del trattamento economico, il rateo della tredicesima mensilità, relativo ai medesimi periodi, è ridotto nella stessa proporzione della riduzione del trattamento economico.

Sulla scorta di quanto sopradetto, considerando che numerose volte nel corso degli anni (non anni scolastici) variamente risultavano essersi effettuai, ad opera di operatori non di ruolo, un numero di mesi di lavoro pari a dieci, per anno di riferimento, e che la sospensione del trattamento economico bimestrale subitasi ciclicamente (Luglio – Agosto), sempre dagli stessi operatori del settore non di ruolo, è stata dovuta unicamente a scadenza del contratto a termine, con cui questi erano stati assunti presso l’istituto scolastico, l’ammontare della tredicesima mensilità per gli anni di cui detto sarebbe dovuta essere pari alla dodicesima frazione dello stipendio mensile percepito per ogni mese di servizio prestato.

Sulla base, quindi, del dettato dalle norme del CCNL, concernente il personale del comparto scuola, agli operatori, anche se assunti con contratti a termine consecutivi, sarebbe ugualmente spettata la corresponsione della tredicesima mensilità.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Infortunio sul lavoro Covid-19: nesso di responsabilità datore di lavoro

Nesso tra responsabilità penale e civile del datore di lavoro e redazione del DVR

Continua

Riflessioni sull'azione di rimborso per i medici di medicina generale

Il D.lgs. 368/99, recependo la Direttiva comunitaria n. 93/16/CE, ha riconosciuto a tutti i medici specializzandi lo status di lavoratore in formazione

Continua

I rischi della gestione del rapporto di lavoro domestico tipo h24 tramite agenzia

I rischi connessi alla gestione non controllata del rapporto di lavoro domestico mediante ausilio di agenzia di somministrazione di lavoro

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro:i controlli sul lavoratore

Il potere direttivo e disciplinare ei controlli sui lavoratori sono argomenti estremamente delicati e sempre di attualità

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: presupposti

Nella gestione del contenzioso disciplinare è essenziale conoscere ed applicare correttamente le principali norme di riferimento

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: riflessi gestionali

Nell’analisi del potere direttivo e disciplinare, una serie di considerazioni particolari vanno riservate agli aspetti gestionali ed amministrativi

Continua

Breve cronistoria della vicenda del rinnovo contrattuale CAS Sicilia

Adeguamenti contrattuali economici dei dipendenti del consorzio Autostrade siciliane su base degli aggiornamenti CCNL Autostrade e Trafori

Continua

Come ottimizzare la produttività del lavoro pubblico

Ecco qual è la logica del DDL 2031/2009 collegato alla manovra finanziaria sull’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico

Continua

IL COSTO DI GESTIONE DEL PERSONALE NELLA GARA D'APPALTO-PARTE PRIMA

Una variabile non trascurabile nella presentazione dell’offerta economica per la partecipazione ad una gara d’appalto riguarda il costo del personale

Continua

Autoferrotranvieri: differenze retributive per attività di conducente e indennità di guida

Ricorso autisti effettuato sulla base dell’art. 414 cpc contro l'Azienda Trasporti Messina ex CCNL Autoferrotranvieri 27.10.2000

Continua

Il costo di gestione del personale nella gara d'appalto (Parte seconda)

La variabile del calcolo del costo del lavoro nell’offerta economica della gara d’appalto muove sempre dai dati contrattuali e legali vigenti nel periodo considerato

Continua

Profili di responsabilità giuridica del dirigente d’azienda pre-virus

Adeguare e sviluppare in maniera programmatica l'evoluzione professionale dei dirigenti e dei quadri superiori, nonché anche la cultura imprenditoriale, risulta urgente

Continua

Riflessioni sul rapporto tra cuneo fiscale ed holding societaria

Cuneo fiscale ed Holding societaria. Riflessioni sulla protezione patrimoniale dell’imprenditore

Continua

Sicurezza nei luoghi di lavoro condominiali e DVR

Infortunio sul lavoro in ambito condominiale e nesso di resposabilità del datore di lavoro per redazione del DVR

Continua

Oltre la subordinazione, le nuove tutele per i rider

La recente sentenza della Cassazione ha riconosciuto nuove tutele per i rider, ma è solo la degna successione giurisprudenziale al decreto 81/2015 e alla legge 128/2019

Continua

Oltre lo Statuto dei lavoratori…una sentenza tortuosa non è giustizia

La sentenza della Corte di Cassazione n. 1633/2020 ha segnato il solco ma la strada delle tutele sarà ancora “lunga” nel mondo dei tempi “contratti” del profitto

Continua

I costi della sicurezza sul lavoro

I costi della sicurezza sul lavoro con la stima dei costi relativi all'emergenza Covid-19

Continua

Telelavoro, Smart working, innovation working: riflessioni di sociologia

Lo smartworking non è, come spesso si crede, il telelavoro o il lavoro da remoto. Infatti il telelavoro è il lavoro fatto da casa mentre lo smartworking è cosa diversa

Continua

L’infelice cancellazione delle cartelle fino a 5mila euro

Il recente Decreto Sostegni ha previsto la cancellazione delle cartelle esattoriali fino a 5mile euro, facciamo degli esempi pratici

Continua