Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Assegno di separazione


In questo articolo analizziamo ciò che concerne l'assegno di mantenimento valutando un caso specifico
Assegno di separazione

Separazione tra marito e moglie

La separazione personale tra marito e moglie non incide sul vincolo matrimoniale, tant’è che nonostante i coniugi si separino, consensualmente o giudiziariamente, restano marito e moglie (sino a che non sopraggiunge la pronuncia di divorzio), conseguentemente restano tra loro in essere alcuni doveri che discendono dal matrimonio, come ad esempio quello dell’assistenza economica.

Il diritto di chiedere il mantenimento

In ragione di ciò, il coniuge economicamente più debole ha sempre diritto a chiedere il mantenimento, che va rapportato al tenore di vita goduto durante il matrimonio. Riferimento, quello del tenore di vita, non più in essere, a seguito delle note sentenze della Cassazione, in caso di determinazione dell’assegno divorzile.

Tornando al regime di separazione, l’obbligo di collaborazione ed assistenza rimane in vigore non solo a ridosso della decisione di separarsi, ma anche durante il successivo regime di separazione, che può durare anche vita natural durante, oppure sino a che uno o entrambi i coniugi non decidano di divorziare.

Il caso

Di recente, i Giudici di legittimità hanno espresso un diverso principio. Il caso riguarda un marito che successivamente alla separazione ha perso il lavoro, la moglie, invece, ha aumentato il suo reddito, diventando, quindi, più benestante. A fronte di tale situazione di fatto, la Cassazione ha espresso il seguente principio: il decremento reddituale del richiedente l’assegno non ha compromesso le sue capacità economiche e produttive, nonché le sue competenze professionali, sempre utilizzabili sul mercato.

Pertanto, secondo i Giudici di legittimità, non si è determinata un’alterazione idonea a giustificare la previsione di un assegno di mantenimento in suo favore. Mentre, sempre secondo la Cassazione, il suindicato decremento reddituale giustifica la revoca dell’assegno di separazione che era stato disposto in favore della moglie.

Ad avviso di chi scrive, se è vero che le competenze professionali acquisite nel corso della vita costituiscono un bagaglio della persona, che può essere utilizzato nella ricerca di una nuova collocazione lavorativa, è pur vero che vanno tenute presenti altre condizioni, quali l’età del richiedente l’assegno, oppure le difficili condizioni economiche, dovute alla crisi pandemica.

Ovviamente, i principi enunciati dalla Suprema Corte e gli appena indicati ulteriori criteri vanno considerati sia se a chiedere l’assegno di separazione sia il marito, sia se a chiederlo sia la moglie.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Diritti e doveri che nascono dal matrimonio

Diritti e doveri che nascono dal matrimonio, conseguenze giuridiche del matrimonio con riferimento al ruolo dei coniugi

Continua

La separazione consensuale, un accordo tra i coniugi

La separazione consensuale è la strada più conveniente per i coniugi, i quali così evitano l’instaurazione di una vera e propria causa giudiziaria

Continua

Misure di sostegno alla genitorialità nelle coppie in crisi

A volte tra i coniugi in crisi si riconoscono comportamenti che denotano una scarsa consapevolezza dell’importanza del ruolo genitoriale. Ecco quali sono i sostegni

Continua

Può esserci addebito della separazione per il solo tentativo di adulterio online?

Il tradimento online (anche tentato) è circostanza “oggettivamente idonea” a compromettere la fiducia tra i coniugi e a provocare l’insorgere della crisi coniugale

Continua

L’affidamento dei figli minori esclusivo e condiviso

L’affidamento è l’attribuzione dell’esercizio della responsabilità genitoriale ad uno o ad entrambi i genitori

Continua

Assegnazione della casa coniugale, come funziona

In sede di separazione, l’assegnazione della casa coniugale avviene ponendo al centro l’interesse dei figli

Continua

Il cognome del minore

Quando un minore può avere il cognome di entrambi i genitori?

Continua

Sì al trasferimento del genitore

Quando esigenze di vita o cambiamenti lavorativi fanno nascere la necessità o la volontà di trasferirsi altrove cosa succede? Ci si può trasferire o no?

Continua

Codice Donna: assegno di mantenimento

Quando è previsto l'assegno di mantenimento in seguito alla separazione dei coniugi? Vediamo un caso specifico

Continua