Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Autorizzazione paesaggistica, cos'è e quando serve?


Ecco quali sono i casi in cui occorre l'autorizzazione paesaggistica e quelli in cui è esclusa
Autorizzazione paesaggistica, cos'è e quando serve?

L'autorizzazione paesaggistica non serve per tutto. Infatti, occorre operare una netta differenziazione:

  • il muretto, la panchina, il ringrosso di asfalto e la vasca idromassaggio non sono sottoposti al rilascio di autorizzazione paesaggistica, ai sensi del dpr 31/2017, allegato A, lett. A.10) e A.12), se ed in quanto “opere di manutenzione e adeguamento degli spazi esterni, pubblici o privati, relative a manufatti esistenti, quali marciapiedi, banchine stradali, aiuole, componenti di arredo urbano, purché eseguite nel rispetto delle caratteristiche morfotipologiche, dei materiali e delle finiture preesistenti, e dei caratteri tipici del contesto locale”, ovvero “interventi da eseguirsi nelle aree di pertinenza degli edifici non comportanti significative modifiche degli assetti planimetrici e vegetazionali, quali l’adeguamento di spazi pavimentati, la realizzazione di camminamenti, sistemazioni a verde e opere consimili che non incidano sulla morfologia del terreno”;
  • l'opera sub 2, composta tra l'altro da due tettoie di oltre 30 metri quadri, è invece sottoposta ad autorizzazione paesaggistica nella forma ordinaria, atteso che, ai sensi del dpr 31/2017, allegato B, lett. B.17), la procedura semplificata riguarda soltanto la “realizzazione di tettoie, porticati, chioschi da giardino di natura permanente e manufatti consimili aperti su più lati, aventi una superficie non superiore a 30 mq”.

 

Autorizzazione paesaggistica e autorizzazione paesaggistica semplificata: breve ripasso

Per eseguire interventi edilizi in aree soggette a tutela paesaggistica, si richieda preventivamente l’autorizzazione all’ente competente. Di solito sono i Comuni, delegati dalla Regione. L’autorizzazione paesaggistica è, quindi, un atto presupposto al titolo abilitativo. Senza questo non è possibile ottenere il rilascio di un titolo autorizzativo o dare avvio ai lavori per i quali è richiesta comunicazione o segnalazione.

A livello normativo, come sottolineato sopra, il riferimento è il dpr 31/2017. Gli interventi sottoposti ad autorizzazione paesaggistica sono quelli realizzati nelle aree di interesse paesaggistico. Tali aree sono individuate dall’art. 142 del d.lgs 42/2004, comma 1:

  • i territori costieri compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i terreni elevati sul mare;
  • territori contermini ai laghi compresi in una fascia della profondità di 300 metri dalla linea di battigia, anche per i territori elevati sui laghi;
  • i fiumi, i torrenti, i corsi d’acqua iscritti negli elenchi previsti dal testo unico delle disposizioni di legge sulle acque ed impianti elettrici, e le relative sponde o piedi degli argini per una fascia di 150 metri ciascuna;
  • le montagne per la parte eccedente 1.600 metri sul livello del mare per la catena alpina e 1.200 metri sul livello del mare per la catena appenninica e per le isole;
  • i ghiacciai e i circhi glaciali;
  • i parchi e le riserve nazionali o regionali, nonché i territori di protezione esterna dei parchi;
  • i territori coperti da foreste e da boschi, ancorché percorsi o danneggiati dal fuoco, e quelli sottoposti a vincolo di rimboschimento, come definiti dall’articolo 2, commi 2 e 6, del decreto legislativo 18 maggio 2001, n. 227;
  • le aree assegnate alle università agrarie e le zone gravate da usi civici;
  • le zone umide incluse nell’elenco previsto dal d.P.R. 13 marzo 1976, n. 448;
  • i vulcani;
  • le zone di interesse archeologico.

L'autorizzazione paesaggistica ordinaria ha un iter descritto dall'art.148 del d.lgs. 42/2004:

  • entro 40 giorni dalla ricezione dell’istanza, l’amministrazione competente trasmette alla Soprintendenza di riferimento la proposta di autorizzazione paesaggistica;
  • la Soprintendenza analizza la completezza della documentazione fornita ed entro il termine perentorio di 45 giorni comunica il parere di competenza;
  • dopo 20 giorni dalla ricezione del parere, l’amministrazione rilascia l’autorizzazione paesaggistica, che ha efficacia immediata;
  • sommando i tempi previsti per questo iter, si può vedere come esso possa raggiungere i 105 giorni, quindi possa durare fino a tre mesi e mezzo.

Per questo motivo, è stato introdotto il procedimento di autorizzazione semplificata, previsto per interventi di lieve entità. Ed è l'Allegato B del dpr 31/2017 a definire i 42 interventi di lieve entità per i quali, appunto, si può andare per via semplificata. Tra questi, gli interventi di superamento barriere architettoniche soggetti a iter semplificato riguardano:

  • realizzazione di rampe per superare dislivelli superiori a 60 cm;
  • realizzazione di ascensori esterni o di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio e siano visibili dallo spazio pubblico.

Gli interventi che comportino modifiche esterne devono inoltre essere eseguiti nel rispetto:

  • delle caratteristiche architettoniche e morfo-tipologiche;
  • dei materiali esistenti;
  • delle finiture esistenti.

Tra gli interventi soggetti a procedimento semplificato sono comprese anche le istanze di rinnovo di autorizzazioni paesaggistiche, purchè:

  • siano scadute da non più di un anno;
  • siano relative a interventi in tutto o in parte non eseguiti;
  • il progetto risulti conforme a quanto in precedenza autorizzato.

L’iter per ottenere l’autorizzazione paesaggistica semplificata:

  • l’amministrazione competente, dopo aver ricevuto la richiesta, esamina la completezza della documentazione. Entro 10 giorni la invia alla rispettiva Soprintendenza. (Salgono a 40 se sono richieste integrazioni);
  • la Soprintendenza dovrà esprimere il proprio parere entro 20 giorni e inviarlo all’amministrazione telematicamente;
  • dopo 10 giorni dalla ricezione del parere, l’amministrazione rilascerà l’autorizzazione, immediatamente efficace.

L’istanza di autorizzazione paesaggistica semplificata deve essere compilata, anche in modalità telematica, seguendo il modello semplificato dell’Allegato C e deve essere inoltre corredata da una relazione paesaggistica semplificata, redatta da un tecnico abilitato come previsto dall’Allegato D.

 

Quando non serve l'autorizzazione

Nelle aree sottoposte a vincolo era già possibile, anche prima del dpr 31/2017, realizzare senza autorizzazione paesaggistica:

  • gli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, consolidamento statico e risanamento conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l’aspetto esteriore degli edifici;
  • gli interventi legati all’esercizio dell’attività agro-silvo-pastorale che non alterino lo stato dei luoghi con costruzioni edilizie e che non alterino l’assetto idrogeologico;
  • il taglio colturale, la forestazione, la riforestazione, le opere di bonifica, antincendio e di conservazione da eseguirsi nei boschi e nelle foreste, purché previsti e autorizzati dalla normativa in materia.

Il dpr 31/2017 ha, quindi, escluso l’esenzione a ulteriori interventi, portandone a 31 l’elenco complessivo, contenuto nell’Allegato A al decreto.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Immobili abusivi su aree vincolate: la sanzione pecuniaria

La sanzione pecuniaria ex art. 31 comma 4 bis T.U.E si applica anche a quelli edificati prima dell’entrata in vigore della norma (Cfr. Tar Campania Salerno 380/2018)

Continua

Immobile costruito in virtù del permesso di costruire annullato

L'immobile costruito su PDC poi annullato può essere sanato con la fiscalizzazione ex art. 38 solo se compatibile con le norme urbanistiche

Continua

I consorzi e gli appalti: principi e patti parasociali

I consorzi e la partecipazione alle procedure di evidenza pubblica (I Parte)

Continua

I consorzi e gli appalti: la disciplina nel nuovo codice degli appalti

Ecco come il Decreto legislativo 50/2016 disciplina i consorzi

Continua

I consorzi e gli appalti: requisiti, qualifiche e avvalimento

Quali sono i requisiti perchè il consorzio possa partecipare a una procedura di evidenza pubblica. Si può fare ricorso all'avvalimento

Continua

Non si può sostituire la demolizione con la sanzione pecuniaria

Con sentenza n. 223 la Corte costituzionale ha dichiarato incostituzionale l'art. 47 della legge regionale della Basilicata n.11  del 29 giugno 2018

Continua

Tettoia o pergotenda? Gli elementi per distinguerle

Il CdS e il Tar Campania spiegano quando la struttura rientra tra le opere di edilizia libera e quando è necessario il permesso di costruire

Continua

L’abrogazione del rito appalti super accelerato

L'abrogazione si applica alle procedure di gara già avviate e ancora in corso. E' quanto affermato dalla Sentenza Cons. Stato, sez. V, 5 agosto 2020, n. 4927

Continua

L’Adunanza plenaria pronuncia sulla nullità delle clausole del bando

Con Sentenza n. 22 del 16 ottobre 2020, n. 22 l'adunanza Plenaria si è anche pronunciata sulla nullità della subordinazione dell’avvalimento

Continua

Immobile abusivo: acquisizione al patrimonio comunale e utilizzo a fini sociali

Non sempre l'immobile, abusivo dopo la sua acquisizione al patrimonio comunale, deve essere demolito. Può essere utilizzabile per fini sociali

Continua

Sulla natura giuridica dell'acquisizione dell'immobile abusivo da parte del Comune

Che cos'è l'acquisizione gratuita dell'immobile abusivo al patrimonio comunale? E' una sanzione?

Continua

L'accertamento di conformità. Una sanatoria postuma dell'abuso?

L’accertamento di conformità dell’abuso dalla legge 47/1985 in poi. Un atto presupposto. La conformità agli strumenti urbanistici al fine di ottenere la sanatoria

Continua