Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Bando aree di crisi Fermano-Maceratese | Contributo a fondo perduto


Bando di accesso per il finanziamento di progetti di investimento e diversificazione produttiva. Accordo di programma del 22/07/2020
Bando aree di crisi Fermano-Maceratese | Contributo a fondo perduto

Bando di accesso per il finanziamento di progetti di investimento e diversificazione produttiva. Accordo di programma del 22/07/2020.

 

Scadenza

La domanda di partecipazione dovrà essere presentata a partire dalle ore 10.00 del 13 agosto 2020 ed entro, e non oltre, le ore 12.00 del 30 settembre 2020.

 

Beneficiari

Possono beneficiare delle agevolazioni previste dal presente bando le MPMI (micro, piccole, medie imprese) manifatturiere e di servizi alla produzione, con priorità per le imprese del settore pelli-calzature e della relativa filiera, in conformità con quanto previsto dal Progetto di riconversione e riqualificazione industriale (PRRI) dell’Accordo di Programma.

 

Tipologia progetti

Il contributo è concesso per la realizzazione di progetti di investimento e diversificazione produttiva. In particolare:

  1. realizzazione di nuovi impianti produttivi o all’ampliamento degli impianti produttivi esistenti;
  2. ampliamento e/o alla riqualificazione degli impianti produttivi esistenti tramite diversificazione della produzione in nuovi prodotti aggiuntivi;
  3. ammodernamento degli impianti aziendali, anche tramite l’acquisizione di beni strumentali, materiali e immateriali, nell’ottica Impresa 4.0 e/o finalizzata alla tutela della sicurezza e della salute delle aziende e dei lavoratori (Covid, antisismica, ecc.).

Gli interventi dovranno essere realizzati nei Comuni dell’AREA DI CRISI COMPLESSA FERMANO MACERATESE di cui al Decreto MISE del 12/12/2018.

La localizzazione dell’intervento dovrà essere indicata in fase di presentazione della domanda.

Ciascun progetto d’impresa deve essere correlato ad un programma occupazionale teso al mantenimento e/o all’incremento delle unità lavorative. Nel caso di incremento deve trattarsi di nuove unità lavorative a tempo indeterminato, determinato e apprendisti a tempo pieno, entro la conclusione del progetto e purché il relativo incremento, sia mantenuto per i 36 mesi successivi all’assunzione. Il programma occupazionale ha rilevanza sia in fase di ammissibilità, che in fase di valutazione

 

Costi ammissibili

Di seguito l’elenco delle spese ammissibili alle agevolazioni:

  • ATTIVI MATERIALI – macchinari, impianti, hardware ed attrezzature specifiche per il progetto), strettamente necessari alla realizzazione, ampliamento e/o riqualificazione e ammodernamento degli impianti produttivi;
  • ATTIVI IMMATERIALI – brevetti, licenze, know‐how e conoscenze tecniche non brevettate, programmi informatici concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati per l’attività svolta nella creazione dei nuovi impianti produttivi interessati dal progetto;
  • CONSULENZA MARKETING - nella misura del 10% massimo del totale delle spese di cui ai punti A, B finalizzato al lancio di nuovi prodotti o all’accesso a nuovi mercati di sbocco commerciale;
  • SERVIZI DI CONSULENZA STRETTAMENTE CONNESSI AL PROGETTO DI INVESTIMENTO – nella misura massima del 5% del totale delle spese di cui ai punti A), B). Vi rientrano anche le spese per la redazione del business plan, spese per acquisizione servizi ICT.

 

Decorrenza delle spese ammissibili

I progetti dovranno essere avviati a partire dal 23 luglio 2020 ovvero dal giorno successivo alla data di sottoscrizione dell’Accordo di Programma, e comunque entro 15 giorni dalla data del decreto di concessione del contributo (ovvero all’atto di accettazione del contributo e conferma inizio attività).

I progetti dovranno concludersi entro 18 mesi dalla data di avvio. Sarà possibile presentare una sola istanza di proroga, rispetto al termine stabilito per l’ultimazione del programma di investimento, fino ad un massimo di 3 mesi.

 

Misura dell’agevolazione

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari al 40% della spesa ammissibile.

L’intervento viene attuato ai sensi del punto 3.1 della Comunicazione della Commissione europea concernente “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del COVID-19” (Comunicazione C(2020) 1863 e s.m.i.).

 

Importo del progetto

Importo minimo della spesa ammissibile: € 100.000,00.

Importo massimo della spesa ammissibile: € 800.000,00.

 

Dotazione finanziaria

Le risorse disponibili ammontano complessivamente ad € 4.950.000,00.

 

Contatti:

info@studiomanager.it | www.studiomanager.it | +39 0721 860142.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Regione Marche, contributo a fondo perduto per progetti di R&S

Regione Marche: contributi a fondo perduto fino al 60% per il sostegno delle attività di R&S sperimentale negli ambiti della specializzazione intelligente

Continua

Regione Marche, contributo a fondo perduto settore abitare e moda

Mobile, legno, moda: questi i settori che la Regione Marche intende rilanciare sui mercati esteri tramite la concessione di contributi a fondo perduto fino al 50%

Continua

Regione Marche: contributi per la nascita di nuove imprese artigiane

La Regione Marche con DGR 562 dell'11/05/2020 ha approvato il quadro attuativo della L.R. 20/2003 per l'anno 2020 per gli interventi a favore delle imprese artigiane

Continua

Decreto Rilancio: contributo a fondo perduto alle imprese per la ripartenza

D.L. 19 maggio 2020, n. 34, art. 25: contributo a fondo perduto per le imprese colpite dalle conseguenze economiche del lockdown Covid-19

Continua