Richiedi una consulenza in studio gratuita!

"Bando Sprint 2020", contributi a fondo perduto per le imprese torinesi


Per le aziende situate nella provincia di Torino, è stato istituito dalla Camera di commercio il bando "Sprint 2020" che da diritto ad un contributo a fondo perduto
"Bando Sprint 2020", contributi a fondo perduto per le imprese torinesi

Per le aziende situate nella provincia di Torino, è stato istituito dalla Camera di commercio il bando "Sprint 2020".

Si tratta di un contributo a fondo perduto a copertura del 50% delle spese sostenute e ritenute ammissibili, con un importo massimo del voucher pari a 3.000,00 euro .

L’investimento minimo per partecipare al bando è fissato in 1.500,00 euro.


Spese ammissibili

Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:

1. Spese per acquisto di notebook, tablet e altri device purché finalizzati al lavoro a distanza; spese per l’acquisto di tecnologie e servizi (anche sotto forma di abbonamento) in cloud in grado di garantire forme di collaborazione a distanza; spese per acquisto e installazione VPN, VoiP, sistemi di Backup / ripristino dei dati Sicurezza di rete;

2. Spese per software per servizi all’utenza (es. siti web, app, integrazioni con provider, servizi di pagamento, piattaforme di e-commerce e sistemi di delivery, ecc.);

3. Spese per acquisto di strumentazione e servizi per la connettività (es. smartphone, modem e router Wi-Fi, switch, antenne, etc.);

4. Spese di consulenza e di formazione strettamente connesse agli investimenti precedenti;

5. Spese di consulenza e formazione per la messa in sicurezza delle strutture aziendali, necessarie per allinearsi alle norme in tema di gestione dell’emergenza sanitaria collegata al Covid-19 ivi comprese quelle per la revisione/integrazione di DVR aziendale, valutazione del rischio biologico e l’integrazione del manuale HACCP;

6. Materiale per delimitare spazi e marcare distanze di sicurezza; barriere separatorie (schermi in vetro, pannelli in plexiglass, …);

7. Strumenti per la misurazione della temperatura corporea (termometri, termoscanner, …) delle persone che entrano in contatto con la struttura (dipendenti, fornitori, clienti, …) e sistemi di controllo accessi;

8. Materiale segnaletico e informativo.


Sono ammissibili le spese sostenute a partire dal 23/02/2020 fino al 22/06/2020 (data chiusura del bando). E' possibile inserire anche spese non ancora effettuate allegando il preventivo di spesa intestato all'azienda e presentando poi entro il 30/6/2020 tutta la documentazione obbligatoria (fatture e ricevute di pagamento).

E’ prevista una graduatoria che sarà pubblicata sulla base dell’ordine cronologico di arrivo delle domande.

Le richieste di voucher devono essere trasmesse, a pena di esclusione, esclusivamente in modalità telematica, con firma digitale, attraverso lo sportello on line “Contributi alle imprese”, all’interno del sistema Webtelemaco di Infocamere – Servizi e-gov, presente sul sito http://webtelemaco.infocamere.it, dalle ore 12.00 del 20/05/2020 alle ore 17.00 del 22/06/2020.

Pertanto si consiglia ai legali rappresentanti delle aziende di dotarsi per tempo del dispositivo di firma digitale per poter procedere all'invio della domanda in quanto non è possibile avvalersi di un delegato.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Come aprire un bar o un ristorante

Come aprire un bar o un ristorante: requisiti, fiscalità ordinaria e regime forfettario

Continua

Bonus Piemonte per rilanciare l'economia del territorio

La Regione Piemonte ha stanziato 800.000 milioni di euro destinati a far ripartire l’economia nel territorio. Vediamo nel dettaglio come verranno distribuiti

Continua

Bando "Impresa sicura" per il rimborso dei DPI

Bando "Impresa sicura": rimborso spese per dispositivi medici acquistati dalla imprese per contrastare l'emergenza Covid-19

Continua

Crediti d'imposta previsti dal Decreto Rilancio

Ecco cosa prevedono i tre crediti d'imposta del decreto Riancio per sanificazione, adeguamento dei luoghi di lavoro e per gli affitti pagati

Continua