Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Basta sentirsi Vittima!


Fin da piccola ho sempre visto lontana mia madre, aveva litigato con mio padre per colpa nostra (parlo in plurale perché ho una sorella gemella)
Basta sentirsi Vittima!

Mio padre mi raccontò che, quando avevo due anni, lui da poco era andato in pensione: un giorno tornò a casa prima del solito e trovò mia madre che ci stava sgridando in maniera molto esagerata; mia madre, per giustificarsi di ciò che stava facendo, disse che io e mia sorella stavamo piangendo e lei non ce la faceva più dal rumore che facevamo.

Per tanto tempo non ho potuto capire come una madre potesse fare questo alle sue figlie, anche se io non mi ricordavo niente, però, il vederla lontana da me, confermava ciò che mio padre mi aveva detto. Ora, però, ho lasciato questo avvenimento nel passato, è un ricordo, ma senza nessuna emozione di sofferenza, come invece mi accadeva spesso anni fa, quando pensavo a questo fatto della mia vita.

Dopo questo i miei genitori si separarono, pur continuando a vivere nella stessa casa e continuando, quindi, a litigare.

Per peggiorare la mia situazione, all’età di 4 anni, mentre ero in cucina vicina ai fornelli, mi cadde addosso dell’acqua bollente. Mi rimase un segno sul petto, che quando ero adolescente mi vergognavo a mostrare, ma che ora ormai non si nota.

Perché vi racconto questo? Perché quando avevo più o meno 6 anni, sono stata vittima di molestia sessuale; questo accadde un po’ di volte, dopodiché presi coraggio e lo raccontai a mio Padre. Non lo feci prima perché quanto era successo in precedenza era come se non mi permettesse di reagire subito.

Questo fatto segnò la mia vita, la mia relazione sia con mio padre che con i miei futuri fidanzati. Da allora, lui divento più geloso nei confronti di me e di mia sorella, non potevamo dormire a casa degli altri, non potevamo andare via nei weekend con gli amici, i nostri fidanzati non potevano entrare a casa nostra, insomma, la mia casa era diventata come una prigione.

Devo aggiungere che comunque i miei genitori non erano molto affettuosi: mia madre mi diceva sempre che non dovevo piangere, ogni volta che mi facevo male, era tutta colpa mia. Smisi così di piangere, perché tanto non ottenevo niente, nessun conforto. Credo sia per questo che il mio letto diventò il mio miglior amico, perché era l’unico ad offrirmi un po’ di conforto, ed era l’unica cosa che sentivo mia, visto che mio padre mi ricordava sempre che vivevo a casa sua ed era lui che dava gli ordini.

Mi fermo qui, credo di avervi già raccontato abbastanza per oggi: questa prima parte della mia vita, con tanti traumi, in una famiglia anaffettiva, mi fece crescere una corazza in modo che io potessi andare avanti, dove le emozioni non erano accettate.

Dopo tutto ciò che vi ho raccontato, come non sentirsi vittima?  Quando avevo 35 anni mi sentivo una fallita, mi sembrava di fare una vita che non era mia, nel lavoro guadagnavo meno della segretaria, nonostante io avessi una laurea, le mie relazioni andavano malissimo, mi veniva in mente anche di farla finita tanto niente aveva senso, non ero soddisfatta: mi sentivo vittima della mia famiglia, vittima delle circostanze.

Per fortuna oggi non è più così! Quando ho compreso che fare la vittima non mi portava niente, decisi a poco a poco, di cambiare la mia vita, chiesi aiuto e iniziai a usare tecniche che mi aiutarono a liberarmi dal mio passato, iniziai a leggere tanto e a studiare. Tutto questo mi ha aiutato a comprendere che tutte le cose che mi erano successe, non erano colpa di mio padre o di mia madre o del destino, ma iniziai a vedere le cose come prove, prove di coraggio e di forza che avevo superato e oggi, grazie a quelle esperienze, posso aiutare chi, come me prima, vede tutto nero e senza speranze.

Se anche tu stai vivendo un momento brutto della tua vita, dove non vedi soluzioni, e non sai da dove iniziare, chiedi un appuntamento a info@radialcoaching.it.

Il primo incontro è gratuito.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il professionista emotivamente competente

Hai mai pensato che la conoscenza delle proprie emozioni, e il sentire quanto sente l’altro, sono abilità molto utili nel lavoro?

Continua

Obiettivi, Focus, Emozioni

Tre parole chiave che cooperano tra loro

Continua

Professionista e Sindrome del sacrificio

Sindrome del sacrificio, cosa c’entra con il professionista?

Continua

Ottimismo e schemi mentali

E' meglio essere ottimisti e avere torto piuttosto che pessimisti e avere ragione (Albert Einstein)

Continua

Conosci te stesso, riconosci le tue potenzialità

Riconoscendo le nostre potenzialità, il lavoro può diventare meno noioso e stressante. Scopri come!

Continua

Schemi ripetitivi ed emozioni?

Sì, perché quando le nostre emozioni sono forti e inaspettate si legano ai nostri ricordi

Continua

Superare l’ansia di parlare in pubblico

Quando i trucchetti per parlare in pubblico non bastano...

Continua

La stessa persona!?

Quando i nostri ruoli diventano rigidi, ci dimentichiamo di noi stessi

Continua

Vivere senza stress? È possibile con la tecnica del FastReset

FastReset, accettiamo di avere un problema di stress e serviamoci degli strumenti per affrontarlo

Continua

Una Leadership riconosciuta e condivisa

Oggi vorrei iniziare con una storia che parla di fiducia reciproca in un gruppo coeso

Continua

Avete già in mente il vostro "Obiettivo 2019"?

Se ancora non avete definito il vostro obiettivo per questo anno, questo articolo è per voi!

Continua

Come diventare life coach

Voglio raccontarvi la mia esperienza e il perchè sono diventata coach

Continua

Smetti di mangiare peperoncini e sii felice!

Vi racconto una storia sulla felicità che ho sentito in una conferenza di Alejandro Jodorowsky

Continua

Alla ricerca di riconoscimento

Vi voglio raccontare una storia che ho letto su un libro di Jorge Bucay, che parla di quando desideriamo il riconoscimento dagli altri

Continua

Ennesimo fallimento in amore? Prova e riprova, e niente!

Non capisci cosa succede! I tuoi uomini sono sempre tutti sbagliati! Ti fai domande del tipo: quale sarà stato il mio errore questa volta?

Continua

Gli errori non ti fermano, ti fortificano

L’unica cosa che può veramente fermati sei tu! O, meglio, sono le tue emozioni a fermarti

Continua

L’uomo perfetto esiste?

Fin da quando siamo piccole, a noi donne viene raccontata la storia del principe azzurro

Continua

Il primo bacio non si scorda mai...ma tu puoi cambiare!

Esistono tecniche molto semplici che ti permettono di cambiare i tuoi schemi mentali e non funzionali in amore

Continua

Don’t touch my men! Gelosa io? NO…

Esistono tecniche molto semplici che ti permettono di cambiare i tuoi schemi e di gestire la gelosia

Continua

Seguire le proprie passioni? Non è mai troppo tardi!

Seguite sempre le vostre passioni anche se sembra che non vi portino da nessuna parte!

Continua

Non saper prendere una decisione può derivare da una scarsa fiducia in se stessi

Attraverso un lavoro su se stessi è possibile rimuovere gli ostacoli che impediscono di prendere in mano la propria vita

Continua

Come cambiare se stessi: il potere è dentro di te!

Affronta il cambiamento, sblocca le tue potenzialità…. E rimani a galla!

Continua

"Chi ha spostato il mio formaggio?", una storia sull'importanza del cambiamento

Più dai importanza alle cose (lavoro, relazioni, casa, spiritualità, ecc.) più sarà forte la caduta quando queste non saranno più la stesse!

Continua