Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Binge-eating


Che cos'è il disturbo da alimentazione incontrollata
Binge-eating
Quando si parla di disturbi del comportamento alimentare, si pensa tipicamente a disturbi quali anoressia e bulimia. In queste ultimi anni, invece, si stanno sempre più diffondendo altre tipologie di disturbi legati all’alimentazione. Tra questi c’è il binge-eating, altrimenti detto disturbo da alimentazione incontrollata.
Tale disturbo si contraddistingue per un’alternanza tra periodi di normale alimentazione o digiuno e abbuffate, senza che vi siano le cosiddette condotte compensatorie (come il vomito, l’eccessiva attività fisica o l’uso di purganti e diuretici, tipici nella bulimia nervosa); pertanto chi soffre di questo disturbo è solitamente normopeso o, più spesso, sovrappeso. Le abbuffate sono solitamente fatte in solitudine, si mangia molto rapidamente, ingerendo una quantità di cibo maggiore a quella che la maggior parte delle persone mangerebbe nello stesso tempo e, al termine, ci si sente sgradevolmente pieni. Le caratteristiche psicologiche riscontrabili sono due: un senso di profonda vergogna e imbarazzo per la propria condotta (infatti le abbuffate vengono spesso fatte di nascosto) e la percezione di perdita di controllo mentre si sta mangiando, per cui si mangia anche senza aver fame e non si riesce a smettere.
Come per la maggior parte dei disturbi del comportamento alimentare, il controllo è un aspetto centrale per le persone che soffrono di binge-eating. Nello specifico, queste persone sono convinte di non poter controllare il proprio rapporto con il cibo; la percezione di avere scarso controllo sugli eventi e su di sè accompagna spesso bassa autostima, senso di impotenza e di insoddisfazione, nonchè umore depresso. Quindi è facile capire come chi soffra di questo disturbo possa avere ulteriori difficoltà anche in altri contesti di vita. In aggiunta, le condotte di abbuffata e il sovrappeso possono causare problemi di salute e difficoltà a livello sociale, che vanno ad aggravare la bassa autostima. Tuttavia non è facile per queste persone chiedere aiuto, proprio perchè vivono con grande vergogna la loro condizione e tendono a nasconderla. È importante comprendere che, come ogni disturbo psicologico, anche questo è una malattia che va curata adeguatamente e che la sua comparsa non è colpa di chi ne soffre. Infatti tutti i disturbi che hanno a che fare con il cibo sono disturbi che affondano le loro radici nel lontano passato, nell’infanzia e nei primi legami sociali; il cibo e il nutrimento sono, infatti, il primo mezzo di comunicazione e di scambio tra il neonato e chi gli sta intorno. Pertanto i disturbi legati al cibo riguardano ferite e difficoltà molto profonde e, spesso, inconsapevoli dell’individuo, che solo mediante un percorso apposito possono venire alla luce ed essere risolte.

Affrontare il proprio senso di vergogna e chiedere aiuto è il primo passo da fare per chi soffre di questo disturbo.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Attacco di panico

Che cos`è l'attacco di panico e come riconoscerlo

Continua

EMDR e trauma

Come funziona la tecnica dell'EMDR e perchè è così efficace con i disturbi legati a ricordi traumatici?

Continua

I disturbi del comportamento alimentare

I campanelli d'allarme da non trascurare

Continua

Il disturbo d'ansia

Come riconoscere un disturbo d'ansia

Continua

Regole e bambini

Consigli su come spiegare le regole e farle rispettare ai propri figli

Continua

I sintomi del disturbo d'ansia

Come riconoscere i disturbi d'ansia dai sintomi

Continua

Perchè l'ansia?

Le cause principali dei disturbi d'ansia

Continua

Come curare un disturbo d'ansia

Le terapie più efficaci contro l'ansia

Continua

I disturbi legati all'ansia

Riconoscere i diversi disturbi della sfera ansiosa

Continua

I disturbi specifici dell'apprendimento - DSA

Che cosa sono e quali caratteristiche hanno di DSA

Continua

Quanti sono i DSA

Classificazione dei Disturbi Specifici dell'Apprendimento

Continua