Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Bonus 110% con abusi edilizi, è possibile sfruttarlo?


In questo articolo analizziamo gli abusi edlizi in relazione al bonus 110%
Bonus 110% con abusi edilizi, è possibile sfruttarlo?

Stando agli ultimi aggiornamenti, Il Governo sarebbe già al lavoro per un nuovo restyling del bonus 110%. L’obiettivo? Semplificare la procedura in modo da renderla più efficace. Anche il delicato tasto delle sanatorie edilizie andrà per forza di cose toccato. Ad oggi, prima di poter procedere con i lavori, è necessario rimediare alla varie difformità edilizie. Ma cosa si intende per difformità? Come si fanno a sanare eventuali abusi edilizi? E contestualmente riuscire ad ottenere l’agevolazione del bonus 110%? Proviamo a fare ordine.

Bonus 110% e abusi edilizi

Per poter iniziare i lavori di ristrutturazione e chiedere il Superbonus 110 % occorre innanzitutto incaricare un tecnico abilitato. Il suo ruolo prevede la certificazione mediante asseverazione di conformità urbanistica dell’assenza di irregolarità presenti sull’immobile.

Quando possono spuntare queste irregolarità?

Quando tra le planimetrie depositate presso Comune e Catasto e lo stato reale dell’immobile ci sono delle incongruenze. Parliamo di difformità edilizie. In altre parole, si tratta di interventi non dichiarati di modifica della struttura. Finestre, scale, se non addirittura un’opera che fin dall’inizio è stata realizzata in assenza dell’autorizzazione della P.A.. O non rispettando il progetto depositato in Comune. In sostanza, stiamo parlando dei cosiddetti abusi edilizi.

Viene da sé quale deve essere il primo step da seguire prima di imbastire qualsiasi pratica relativa al bonus 110%. La prima cosa da fare infatti, consiste nell’assicurarsi con certezza della corrispondenza tra immobile e titolo edilizio. Il tecnico abilitato o il proprietario dell’immobile devono acquisire tutte le pratiche con le eventuali varianti successive alla costruzione, in virtù delle quali è stata autorizzata la realizzazione dell’edificio.

I documenti si richiedono in copia conforme all’Ufficio tecnico del Comune in cui si trova l’immobile. Stessa cosa vale per il Catasto dove si devono chiedere le planimetrie depositate che verranno così confrontate con le autorizzazioni reperite in Comune. Se l’edificio è storico potrebbero mancare le autorizzazioni. In questo caso sarà il tecnico incaricato a dover stilare una descrizione fedele dell’immobile.

Bonus 110%: la tolleranza del 2%

Nel caso di piccole difformità edilizie la procedura è piuttosto semplice. Stiamo parlando di spostamenti di pareti interne o l’apertura di una porta. Insomma, minimi cambiamenti di distanze, volumi, altezze e superfici per i quali è ammessa una tolleranza tra stato di fatto e progetto. Entro il limite del 2%. In questo caso, è sufficiente che il professionista produca una dichiarazione sostitutiva di atto notorio. Tramite tale dichiarazione, si certifica che la discordanza rispetta il limite massimo per accedere al bonus 110%. In pratica, se si resta al di sotto della soglia del 2%, non si deve procedere alla sanatoria.

Bonus 110%: come fare la sanatoria

Quando le difformità edilizie superano il tetto del 2%, si deve procedere con la richiesta di una sanatoria edilizia. Solitamente è sufficiente presentare richiesta in Comune per il pagamento di una sanzione calcolata sull’entità dell’abuso. Questa pratica permetterà così di regolarizzare l’immobile.

Ci sono però dei casi in cui l’abuso deve essere abbattuto, ripristinando la condizione originaria dell’immobile. In queste situazioni, occorre ripristinare le condizioni che avrebbero determinato il rilascio dell’autorizzazione alla realizzazione dell’opera. In presenza di tali condizioni, l’autorizzazione ha efficacia retroattiva, venendo meno gli impedimenti alla concessione dell’agevolazione fiscale. A questo punto si potrà procedere con la richiesta degli incentivi come il Superbonus 110%.

Ma se l’iter della sanatoria non è concluso? Si può richiedere il bonus 110%? Il Consiglio Superiore dei lavori pubblici ha risposto in merito alla questione. “Sono infatti ammessi alla detrazione gli immobili per i quali sia in corso la pratica di definizione, in sanatoria. Fatta salva la restituzione delle detrazioni di cui si è usufruito, in caso di conclusione con esito negativo della pratica“. In conclusione, è possibile eseguire gli interventi e usufruire delle agevolazioni anche se sull’immobile è in corso una procedura di sanatoria.

Per qualsiasi informazione in merito al bonus 110%, non esitare a contattare il nostro studio senza impegno. In alternativa ti invitiamo a dare un’occhiata alle nostre news su www.studiobrega.it

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus 2021: credito d'imposta al 50% per i beni strumentali

Tra i bonus 2021 inseriti nella neo nata Legge di Bilancio 2021, troviamo il potenziamento del credito di imposta per i beni strumentali, la cosiddetta "Industria 4.0"

Continua

Auto aziendale assegnata ai dipendenti: le ultime novità

Ecco quali sono le novità relative alla fiscalità dell'auto aziendale assegnata ai dipendenti

Continua

Assumere dipendenti 2021: risparmio fino a 6 mila euro annui

La neo nata Legge di Bilancio 2021 ha introdotto esoneri contributivi a carico dei datori di lavoro. Vediamo di cosa si tratta

Continua

Superbonus 110%: conviene cedere il credito alle banche?

E' una delle domande che ci pongono più spesso i nostri clienti: conviene cedere il credito alla banche? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Superbonus 110% e cessione del credito: 3 esempi per capire quando conviene

La cessione del credito da superbonus è sempre convenente? E a che condizioni? Abbiamo ipotizzato 3 differenti casi per comprendere al meglio

Continua

Start up innovativa: come si costituisce con pochi euro

Cos'è una start up? Come posso crearne una? La mia azienda può essere definita una start up? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

L'investimento in ricerca e sviluppo permette di ottenere un cospicuo credito di imposta. Un'opportunità molto interessante per gli imprenditori.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Uno degli ultimi strumenti utili ad ottenere finanziamenti agevolati. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

La legge di bilancio 2021 proroga fino al 31/12/22 e potenzia il bonus ricerca e sviluppo.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Nello Studio Brega abbiamo sempre dedicato ampio spazio alla finanza agevolata, tematica diventata sempre più centrale per tutti gli imprenditori

Continua

Superbonus e sconto in fattura: è possibile fare i lavori gratis?

Superbonus 110%, tre vie per il recupero. Dichiarazione dei redditi, cessione del credito o sconto in fattura

Continua

Regime forfettario, addio definitivo alla Flat Tax?

Nel 2020 oltre 215 mila persone hanno aderito al regime forfettario. Quale sarà il futuro per questo particolare regime agevolato?

Continua

Beni strumentali e industria 4.0: tax planning fondamentale

La Legge di Bilancio 2021 ha potenziato il premio fiscale per gli acquisti di beni strumentali. Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta l'agevolazione.

Continua

Comprare bitcoin: come comportarsi con il fisco?

Abbiamo appurato come il mondo di internet abbia rivoluzionato i mercati finanziari. Oggi comprare bitcoin è diventata un’operazione quasi ordinaria. Vediamo però come

Continua

Bonus 110%: è possibile cedere il credito a parenti e amici?

In merito alla cessione del bonus 110 %, l’A.E. chiarisce una questione di non poca importanza. E’ possibile cedere il credito d’imposta ad amici e parenti?

Continua

Smart working e zero tasse? Si può, ma non in Italia

Diversi Stati si stanno organizzando per attirare nel proprio territorio tutti i lavoratori in smart working a colpi di agevolazioni fiscali

Continua

Cessione credito 110: cosa fare prima di scegliere la banca

Nell'ambito della cessione credito 110 vediamo cosa fare prima di scegliere la banca

Continua

18app: come ottenere il bonus cultura di 500 euro

In questo articolo vediamo come ottenere il bonus cultura di 500 euro attraverso 18app

Continua

Contributo a fondo perduto per imprese al femminile

Arriva il contributo a fondo perduto per incentivare la creazione di imprese a partecipazione giovanile o femminile

Continua

Riscatto laurea: conviene veramente?

Un 30enne, che inizia a lavorare oggi nel settore privato, cosa deve aspettarsi in termini di trattamento pensionistico? Lo rivela uno studio di Moneyfarm

Continua

730, allarme pagamenti in contanti: quali sono le novità?

In questo articolo analizziamo le novità relative al modello 730

Continua