Brexit: deve pronunciarsi il Parlamento inglese


La decisione della High Court complica i tempi e le procedure per l'uscita dell'Inghilterra dalla UE. E soprattutto spariglia i giochi della politica
Brexit: deve pronunciarsi il Parlamento inglese
Il 3 Novembre 2016 la Queen's Bench Division della High Court of Justice del Regno Unito si è pronunciata sul ricorso avente ad oggetto il quesito se fosse in linea con i principi costituzionali inglesi il fatto che il risultato di un referendum, consultivo e non vincolante, potesse automaticamente autorizzare l'Esecutivo ad attivare le procedure conseguenti senza dover sottoporre la questione ad un voto parlamentare.
Naturalmente stiamo parlando della c.d. "Brexit". Può il Governo attivare "tout court" le procedure previste dall'Art. 50 del Trattato sull'Unione Europea, ossia quello che prevede le procedure per il recesso volontario ed unilaterale di una Nazione dall'Unione?
In particolare e precisamente, è legittimo, si chiedevano i ricorrenti, che l'Esecutivo utilizzi la "Royal Prerogative", strumento riservato alla Monarchia e, oggi, per traslato all'Esecutivo, in casi discrezionali ma comunque da intendersi rigorosamente, per attivare le procedure per uscire dall'Unione?
No, è stata la risposta assai argomentata dei giudici inglesi.
Infatti, spiega la sentenza, è corretto affermare che l'Esecutivo possa avvalersi della "Royal Prerogative" anche in materia di trattati internazionali ma ciò non prescinde dalla condizione essenziale che il Parlamento debba poi ratificare o respingere quella decisione.
Nel caso di specie, l'adesione dell'Inghilterra all'UE è legge vigente ed in vigore (trattasi dello EC Act del 1972 con cui il Parlamento britannico ratificò l'ingresso della Gran Bretagna nella CE) e quindi occorre una decisione di pari rango, ossia parlamentare, che la abroghi.
Insomma, sembrerebbe trattarsi della pura applicazione dell"abc" della democrazia parlamentare e dei principi fondamentali dello stato di diritto, che proprio in Inghilterra hanno trovato consacrazione nell'evo moderno.
Chissà però cosa ne penserà la politica, soprattutto quella che ha soffiato forte sul vento della fuoriuscita e che oggi esprime l'Esecutivo della Signora May?
E il Parlamento inglese cosa deciderà? Ratificherà "sic et simpliciter" la decisione referendaria oppure, come è nella sua piena prerogativa, riterrà di decidere liberamente ed in assoluta autonomia?
Senza tener conto che l'Esecutivo ha già preannunciato appello alla UK Supreme Court.
Insomma ... si fa presto a dire "Brexit"...
Per chi, nel frattempo, fosse interessato a leggere la sentenza, ecco il link istituzionale: https://www.judiciary.gov.uk/judgments/r-miller-v-secretary-of-state-for-exiting-the-european-union/ .

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

PMI e pianificazione legale tra mondo e mercati

PMI e avvocati. Un rapporto molto difficile e controverso, frutto di pregiudizi e luoghi comuni. Mentre gli altri...

Continua

Diritto Comunitario, questo sconosciuto

Il Diritto comunitario sempre più si sovrappone e sostituisce a quello nazionale, con importanti conseguenze nella vita di cittadini e imprese

Continua

India, Paese delle opportunità

Il subcontinente indiano offre alle PMI Italiane straordinarie opportunità imprenditoriali, non sempre conosciute appieno

Continua

I danni punitivi all’attenzione delle SS.UU.

La Suprema Corte si interroga sull’attualità della nozione di ordine pubblico e danni risarcibili non meramente restitutori

Continua

Volskwagen condannata da un Tribunale tedesco

Il Tribunale di Hildesheim, nella Bassa Sassonia è il primo a condannare direttamente la casa automobilistica

Continua

C'è un Giudice a Brooklyn...

Lo Stato di Diritto ed i principi costituzionali rimangono il presidio verso una legislazione emergenziale farraginosa e corriva

Continua

Le controversie tra Stati in ambito internazionale

Una rapida panoramica sulla situazione dello Stato di Diritto nella soluzione delle controversie interstatuali

Continua

Le "Free Trade Zones" e l'internazionalizzazione

Un'occasione spesso misconosciuta od ignorata per le imprese che vogliono espandersi sui mercati internazionali con un occhio al mercato interno

Continua

Prodotti di lusso e piattaforme "popolari"

La moda ai tempi di internet all'attenzione della CGUE. La rinomanza del "brand" impedisce la vendita automatica anche su piattaforme terze.

Continua