Cambi di residenza sotto la lente del fisco


L'Amministrazione Finanziaria ha iniziato a chiedere i dati ai Comuni per indagare in merito alle fittizie residenze fiscali
Cambi di residenza sotto la lente del fisco
In un precedente articolo (http://www.prontoprofessionista.it/articoli/5829/residenze-allestero-e-provvedimento-ae/) ho parlato degli elementi caratterizzanti:
1) la normativa concernente la residenza fiscale delle persone fisiche, e
2) il provvedimento n. 43999 del 3 marzo 2017 firmato dal direttore dell'Agenzia delle Entrate in relazione alla formazione delle liste selettive.
Con il presente lavoro, invece, delineerò in quale modo l’Amministrazione Finanziaria (di seguito AF) ha intenzione di per contrastare i fittizi trasferimenti all’estero delle persone fisiche.

LA PARTECIPAZIONE DEI COMUNI ITALIANI ALLA SEGNALAZIONE DI COMPORTAMENTI EVASI E/O ELUSIVI.
Nel nostro ordinamento dal 2005 è stata introdotta nel nostro sistema la partecipazione fattiva dei Comuni all’accertamento dei tributi statali. A seguito di tale "contributo investigativo" è stato previsto il rilascio di un incentivo per l’intervento degli enti locali in argomento mediante l’assegnazione di una quota delle maggiori somme relative ai tributi erariali accertati e riscossi a titolo definitivo a seguito della segnalazione di comportamenti evasivi e/o elusivi all’Agenzia delle Entrate, che sono passati dal 30% all’attuale 100% anche per gli anni 2018 e 2019.

La partecipazione dei Comuni italiani è riferita anche alle segnalazioni nell’ambito delle residenze fiscali all’estero.

IL MODUS OPERANDI DELL’AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA.
L’AF ha iniziato una massiccia attività info-investigativa che vede, appunto, i Comuni i "prima linea" con il precipuo scopo di far emergere tutti coloro che hanno creato una fittizia residenza all’estero, sia in Paesi white che black list, mediante segnalazioni cosiddette qualificate.

Nel precedente articolo (http://www.prontoprofessionista.it/articoli/5829/residenze-allestero-e-provvedimento-ae/) è stato precisato che gli elementi per la determinazione della residenza fiscale sono tre (alternativi tra loro):
1) residenza anagrafica, oppure
2) domicilio, oppure
3) dimora,
che hanno un rapporto simbiotico con quello temporale, rappresentato dalla maggior parte periodo d’imposta (più di 183 giorni oppure più di 184 giorni nel caso di anno bisestile) in cui si manifestano gli elementi sopra indicati.

I tre criteri prima menzionati rappresentano i requisiti qualitativi, mentre l’elemento numerico richiesto per far scattare la residenza fiscale in Italia (183 giorni ovvero 184 in caso di anno bisestile) descrive il requisito quantitativo, con la conseguenza che l’AF focalizzerà la procedura investigativa relativamente alle modalità secondo le quali il contribuente soggiorna nel Bel Paese, prendendo come punto di partenza le considerazioni espresse nella Circolare n. 304 del 2 dicembre 1997, che individua gli indici significativi ma non inderogabili per la presunzione della residenza fiscale in Italia.

Alcuni articoli sulla materia apparsi sul web descrivono come un evento palesemente negativo ciò che invece rappresenta una presunzione che può essere superata con la prova contraria che dimostri l’effettiva residenza all’estero:
1) avere a disposizione una abitazione permanente;
2) essere titolare di un conto corrente;
3) avere la titolarità di utenze (gas, luce, acqua);
4) avere la disponibilità di autoveicoli.

Ritengo che tali elementi possano, invece, non creare problemi al momento in cui sia possibile dimostrare, sopra ogni ragionevole dubbio, che la titolarità/proprietà è utilizzata dal contribuente esclusivamente nel caso in cui trascorra, ad esempio, una vacanza in Italia, mentre per più di 183 giorni non usufruisce di detti beni/servizi. La dimostrazione de qua deve, ovviamente, essere accompagnata da idonea documentazione probatoria che provi che gli elementi qualitativi e quantitativi sono stati utilizzati all’estero e non in Italia. Ricordiamo, inoltre, che nessuno può vietare di avere in Italia conti correnti e/o immobili e/o beni mobili (ad esempio autoveicoli), ma è necessario fare attenzione che il loro utilizzo non sia continuo, situazione che farebbe, giustamente, apparire che il centro degli interessi è all’interno del territorio dello Stato.
La preparazione della documentazione probatoria nonché la redazione delle relative motivazioni difensive dovranno essere esperite da un professionista qualificato che sia in grado di evitare errori nella presentazione delle conclusioni a favore del Cliente.
Il dott. Ernesto Cherici, titolare unico dello studio SITCHERICI, ha una formazione economica-giuridica acquisita nel corso dei ventitré anni di servizio trascorsi nella Guardia di Finanza in qualità di Ispettore, dove si è occupato di specifiche mansioni (verifiche fiscali imposte dirette, iva e altri tributi, accertamenti bancari e patrimoniali, antiriciclaggio, indagini in materia fallimentare, frodi fiscali internazionali), che permettono di avere un approccio logico-investigativo nell'affrontare l'attività di consulenza e pareristica che si spinge ben oltre il mero tenore letterale della norma, nonché un'eccellente conoscenza del modus operandi dell’Amministrazione finanziaria.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Costi indeducibili Black-list e DTA (prima parte)

Le convenzioni contro le doppie imposizioni fiscali e la struttura delle fonti nel diritto italiano

Continua

Costi indeducibili Black-list e DTA (ultima parte)

Le Convenzioni contro le doppie imposizioni e l'art. 110, comma 10, del Tuir

Continua

Reddito da meretricio (prostituzione)

Importanti considerazioni fiscali in merito al reddito da attività di prostituzione

Continua

Tassazione dei marittimi italiani all'estero

Il marittimo italiano imbarcato su navi estere per più di 183 giorni ha l`esenzione dall`obbligo di presentare la dichiarazione dei redditi

Continua

Prestito tra privati

Il prestito tra privati è lecito. Ecco come prestare soldi con una procedura perfettamente legale

Continua

Residenze all'estero e Provvedimento A.E.

Residenze all'estero e Provvedimento Agenzia delle Entrate. Iscrizione all'Aire e controllo residenze sulla base di elementi precisi

Continua

L'internazionalizzazione: introduzione

L'internazionalizzazione è una risorsa importante per tutti coloro che vogliono iniziare la propria avventura oltre confine

Continua

La nuova circolare 1/2018 della GdF

Verifiche fiscali: la Guardia di Finanza ha pubblicato le istruzioni contenute nella nuova circolare n. 1/2018

Continua

La mini voluntary disclosure (o mini scudo)

Con il decreto fiscale del 2017 è stato previsto per alcuni soggetti la possibilità di sanare, tra l'altro, le somme detenute oltre frontiera

Continua

Cassazione Sent. n. 26638/2017: Residenza fiscale

Commento alla Sentenza n. 26638 del 21 settembre 2017 della Corte di Cassazione. Nuova lettura dell'art. 4 convenzione OCSE. Residenza fiscale

Continua

Residenza fiscale: Cass. Penale - Sent 13114/2018

Breve commento alla Sentenza della Cassazione, Terza sezione penale, n. 13114/2018, in relazione al concetto di residenza fiscale

Continua