Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Canone Rai: come avvengono i controlli sulla effettiva detenzione della tv?


Canone Rai non pagato: ecco le modalità dei controlli di Finanza e Agenzia delle Entrate
Canone Rai: come avvengono i controlli sulla effettiva detenzione della tv?

Il primo punto da affrontare è quello del soggetto: chi fa i controlli per stanare l'evasione dell'abbonamento tv è l'Agenzia delle Entrate. Il canone Rai non è che una normale imposta erariale, il cui soggetto titolare è lo Stato. Più in particolare, si tratta di una tassa sul possesso di un bene, la televisione, come nel caso dell'Imu per la casa. Ecco perché, al pari dell'imposta sul mattone, che va pagata a prescindere dal fatto che l'mmobile sia abitato o meno, il canone va versato anche se l'apparecchio resta spento o se viene utilizzato come monitor del computer o della consolle per videogiochi.


Solo l'Agenzia delle Entrate può fare accesso alle banche dati per verificare l'eventuale evasione del canone Rai e procedere poi alla successiva riscossione forzata tramite l'agente esattoriale. L'Agenzia delle Entrate può chiedere gli arretrati del canone Rai fino alla sua prescrizione, che scatta dopo 10 anni. Dunque, i controlli relativi a un determinato anno di imposta possono essere effettuati per i successivi 10 anni. L'eventuale richiesta di pagamento inviata entro tale termine interrompe i termini di prescrizione e li fa decorrere nuovamente da capo. Anche l'invio della cartella di pagamento interrompe nuovamente la prescrizione che riparte da zero per un altro decennio.


La principale tecnica utilizzata dall'Agenzia delle Entrate per verificare gli evasori della tassa sulla televisione, è quella di incrociare i dati presenti nelle varie banche dati disponibili e pertanto, attraverso una serie di verifiche, tra cui le varie utenze intestate e non, sarebbe possibile scovare chi ha dichiarato di non essere in possesso di una televisione. Tra le varie verifiche ci sono: l'intreccio dei dati inerenti alle doppie e fittizie intestazioni di fornitura elettrica e la presenza di contratti Pay Tv. La pena prevista per chi non ha volutamente pagato il Canone Rai, sarebbe il recupero delle tasse non pagate e l'eventuale multa. Situazione diversa per chi ha comunicato di non possedere l'apparato televisivo dichiarando il falso attraverso la prevista dichiarazione, per tale comportamento è prevista una denuncia per il reato di false dichiarazioni, oltre al recupero delle tasse non pagate.


I controlli fiscali sull'evasione del canone possono avvenire in due modi: o con controlli a campione o in tutti quei casi in cui sorgono fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive. In tal caso, il confronto delle banche dati pubbliche, cui può accedere l'amministrazione finanziaria, rileverà l'anomalia e farà accendere la lucina rossa del fisco.


Per scoprire la falsa autocertificazione basta incrociare le banche dati di anagrafe tributaria, Autorità per l'energia elettrica, il gas e il sistema idrico, Acquirente unico spa, ministero dell'Interno, comuni e "altri soggetti, pubblici o privati" come dice la legge. Ad esempio, le Pay tv o grandi aziende di telecomunicazioni (questi ultimi soggetti, però, in quanto privati, possono essere tenuti a rilasciare informazioni solo di fronte a un ordine dell'autorità giudiziaria).


L'incrocio dei dati, però, non potrà mai dare la certezza matematica della presenza della televisione in casa: perché una cosa è il sospetto della non veridicità dell'autocertificazione, un'altra è l'effettivo possesso della tv. Ed è solo quest'ultimo elemento che fa scattare il presupposto di imposta e, quindi, l'evasione fiscale. Come verificare, dunque, che all'interno della propria casa il contribuente, che prima ha dichiarato di non possedere apparecchi "atti o adattabili alla ricezione delle trasmissioni radiotelevisive", sia invece munito di tv?


L'unico modo è l'accesso in casa della Guardia di Finanza, che può avvenire solo a determinate condizioni di garanzia del contribuente e sempre dietro autorizzazione del procuratore della Repubblica. Il giudice, però, di norma rilascia un mandato solo in presenza di gravi indizi di evasione, come in questo caso il confronto dei dati di cui si è parlato.

 

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Le Discipline Sportive, delibera CONI del 14/02/2017

Mantenute nel 2017 le iscrizioni al registro CONI per quelle ASD/SSD le cui discipline praticate non trovano più rispondenza in quelle approvate dal CONI

Continua

Anche minimi e forfettari nella CU 2017

Certificazione Unica 2017 anche per i titolari di parita Iva in regime dei minimi o forfettario. Ecco tutte le regole e i casi particolari

Continua

La delibera del C.N. CONI n. 1566

L’individuazione delle discipline sportive ai fini dell’iscrizione al Registro delle Associazioni

Continua

Tassa annuale di concessione governativa

Ecco chi è tenuto a pagare il tributo e chi no

Continua

La dichiarazione congiunta : paga la moglie

La dichiarazione congiunta : responsabilità solidale del consorte

Continua

La dichiarazione congiunta: paga la moglie

La dichiarazione congiunta: responsabilità solidale del consorte

Continua

Sponsorizzazione A.S.D./S.S.D.

Inquadramento fiscale della sponsorizzazione A.S.D./S.S.D. e benefici

Continua

Fino a € 200.000 sempre seducibili ASD/SSD

Sempre deducibili le spese di “sponsor” fino a € 200.000 <br />pagate alle ASD/SSD

Continua

Omesso versamento dell`Iva: la vedova non risponde

L’obiettiva impossibilità di far fronte all’obbligazione tributaria e la sua totale estraneità alle vicende assolvono la vedova dal reato iscritto

Continua

Iva da accertamento per le sportive

Base di calcolo dell'Iva dovuta a seguito di accertamento

Continua

Lo sport e la riforma del terzo settore

Lo sport non è stato compreso nella nuova disciplina

Continua

Cda nello Sport: aspetti fiscali

Aspetti fiscali nei CdA dello sport dilettantistico

Continua

Bozza di Bilancio 2018: collaborazioni sportive

Modifiche in materia di collaborazioni rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive

Continua

La società sportiva dilettantistica lucrativa

Legge di Bilancio 2018: le novità in arrivo per le Sportive

Continua

Lo sport bonus

Manovra di bilancio 2018: istituito lo sport bonus

Continua

Sport: contributi per disabili

Manovra 2018 pro sport: contributo straordinario per l’acquisto di ausili per disabili e campagna di sensibilizzazione per minori extracomunitari

Continua

Contratti nel settore sportivo

CO.CO.CO. nel settore sportivo

Continua

Le società sportive dilettantistiche lucrative

Le società sportive dilettantistiche con <br />fine di lucro

Continua

Aliquote IVA: aumenti dal 2019

L'iva continua ad aumentare: aumenti dal 2019

Continua

5 per mille

5 per mille, online il nuovo elenco permanente degli iscritti

Continua

Accertamento ad una polisportiva!!

Accertamento per imposte dirette ed Iva emesso nei confronti di una Polisportiva

Continua

Serie A: perdite sotto controllo...

Perdite al 50%, divieto di tesseramento

Continua

Regolamento Privacy, il Modello GDPR

Il Modello GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati sulla Privacy per le sportive

Continua

Addio alle società sportive lucrative

Il D.l. “Dignità” abroga le lucrative

Continua

Democraticità: Cassazione n. 20123 del 30-07-18

Nelle associazioni i principi di democraticità richiesti <br /> dall’art. 148 Tuir vanno rispettati in concreto

Continua

ASD: individuazione delle attività connesse a quelle istituzionali

Estensione della 398/91 alle attività connesse alle attività costituzionali

Continua

Novità modello Eas

Il termine fissato per la presentazione del modello Eas non ha carattere perentorio

Continua

Pace fiscale per A.S.D. E S.S.D.: valutazioni di convenienza

Il Decreto Legge 2018/119 contiene disposizioni specifiche per le A.S.D. e le S.S.D.

Continua

Esenzione da bollo anche per ASD e SSD dal 1° gennaio 2019

Il comma 646 della Legge 30 dicembre 2018, n. 145 ha modificato il DPR 26/10/1972 n. 642

Continua