Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Caro o Costoso? La differenza vale anche in finanza...


La definizione di "caro o costoso" in finanza dipende dalla qualità del servizio di consulenza finanziaria offerta
Caro o Costoso? La differenza vale anche in finanza...

È uso comune definire un oggetto o un servizio “caro” quando valutiamo elevato il suo prezzo.

Ma riflettendo, dobbiamo domandarci: “caro rispetto a cosa?”

Solitamente non ci si sofferma a pensare quale sia il punto di riferimento che possa portare a definire un prodotto o un servizio caro.


Vino caro o costoso?

Possiamo considerare l’esempio del vino per comprendere meglio la differenza tra caro e costoso.

Se ci troviamo al supermercato e acquistiamo un Tavernello, senza discriminare il lavoro di chi lo produce, ci aspetteremo un vino da tavola senza pretese e senza struttura, offerto all’interno di una confezione tetrapak, il cui prezzo, al di sotto dei 2 euro, ci sembrerà appropriato.

Se volessimo salire di qualità scegliendo un vino come il Brunello, il Bolgheri o un altro vino rinomato, la nostra prospettiva potrebbe cambiare. Immaginiamo di recarci in un’enoteca, e non al supermercato, dove una persona esperta ci consiglierà e proporrà un determinato prodotto in base alle nostre preferenze, esponendo le qualità del vino, derivante da diverse uve e con un invecchiamento in particolari botti. Il prezzo ipotetico di 30 euro o maggiore non ci farà definire caro questo vino; potremmo eventualmente definirlo “costoso”.

Certamente, se prendessimo un Tavernello al prezzo di un Brunello, allora potremmo definirne il prezzo “caro”.


La differenza tra i concetti “caro” e “costoso”

L’esempio appena descritto in merito al vino lo si può tenere in considerazione per qualsiasi altro tipo di prodotto o servizio. Per esempio, ci si chiede perché una signora preferisce andare dal “costoso” parrucchiere, dove ottiene un servizio preciso e accurato, particolari attenzioni del personale e l’utilizzo di prodotti di ottima qualità, piuttosto che andare in un salone i cui prezzi sono inferiori, a fronte di un servizio di minore qualità, così come probabilmente lo sono anche i prodotti utilizzati.

Se considerassimo solo il punto di vista del costo, probabilmente tutti noi andremmo in giro con auto utilitarie, senza optional. Le quattro ruote ci porterebbero comunque in giro.

Anche la scelta di un dottore specialista piuttosto che di un medico dell’ospedale, come l’acquisto di un orologio di una determinata marca, sono esempi calzanti che devono essere presi in considerazione per capire la differenza tra caro e costoso.

Gli esempi potrebbero essere infiniti e applicabili, quindi, ai prodotti e servizi tra i più svariati.


Caro o costoso in finanza

Possiamo fare la stessa considerazione anche in finanza.

Come potremmo definire un prodotto o, ancora meglio, un servizio caro rispetto ad uno costoso?

Se, ad esempio, ci rivolgiamo ad un qualsiasi sportello bancario o postale non ci domanderanno nulla riguardo i nostri progetti, la nostra situazione familiare o la protezione di cui abbiamo bisogno; ci lasceranno decidere in autonomia. Ci faranno assumere il rischio di scegliere il prodotto solo sulla base del più redditizio, senza tenere in considerazione tutta la nostra situazione personale: in questo caso possiamo affermare senza dubbi che il prodotto che ci viene offerto è “caro”.

Rivolgendoci, invece, a una banca che ci conosce o a un consulente ben informato sulle nostre esigenze, i nostri bisogni e obiettivi, saremo accompagnati passo dopo passo nelle scelte di vita patrimoniale. Il consulente si prenderà tutto il tempo necessario per spiegarci ciò che stiamo sottoscrivendo, non limitandosi al solo rendimento del prodotto offerto. In questo caso il prodotto e il servizio possono realmente essere considerati “cari”?

Vale qui ricordare che non si perdono i propri denari perché il loro valore scende, a meno di dover liquidare in perdita, presi dal panico o per inaspettata necessità di liquidità. Si perdono quando si decide di investire in aziende che vanno in crisi o in obbligazioni che non rimborsano il capitale.

Rifletti attentamente sulla definizione di costoso e sulla reale differenza tra caro e costoso, così da poter prendere la migliore decisione anche nell’ambito finanziario.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Un regalo per tuo figlio?

Deducibile fino a 5.164,27 euro. Esente da imposta di bollo e tasse di successione. Insequestrabile e impignorabile. Intestabile direttamente al minore

Continua

Quanto contano i vostri cari?

Passaggio generazionale, meglio pensarci prima...

Continua

Crisi... da Firenze a WALL Street

Storia delle varie crisi finanziarie

Continua

Perchè non applichiamo la "corsa ai saldi" anche in finanza?

Quando un titolo scende si corre ai ripari vendendo. Sbagliato, meglio acquistare... in saldo!

Continua

La consulenza finanziaria come forma d'arte

Tutto ha un costo, ma la gestione patrimoniale risulta poco valutabile dai non addetti ai lavori perché si basa molto sulle competenze e la professionalità di chi la fa

Continua

Cosa fa un consulente finanziario? Il mio lavoro senza slogan

Molti risparmiatori non sono consapevoli dell’attività svolta da un consulente finanziario. Ecco i 5 punti per spiegarlo

Continua

Il profumo dell'investimento, come scegliere quello adatto a noi!

Scegliere il profumo perfetto significa investire il proprio denaro in qualcosa che ci rappresenta e ci fa sentire bene con noi stessi

Continua

Fumate bianche: quante ne hai viste?

La crescente longevità della popolazione influenza il welfare. Come conservare il proprio tenore di vita in età pensionabile

Continua

Come investire, il valore del tuo consulente finanziario

Molti risparmiatori sono convinti che gestire da soli i propri risparmi sia meglio che essere seguiti da un consulente finanziario. Ecco perchè non è così...

Continua

Patrimoniale e uscita dall’Euro? Consigli e rimedi

L’ipotesi di una patrimoniale o dell’uscita dall’Euro spaventa i risparmiatori. Ecco come tutelare il proprio patrimonio

Continua