Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Cause di nullità e di annullabilità delle delibere condominiali


Nuova sentenza delle Sezioni Unite sull'annullabilità o la nullità delle delibere condominiali
Cause di nullità e di annullabilità delle delibere condominiali

In merito alle cause d'invalidità delle delibere, le Sezioni Unite si erano pronunciate con la sentenza n. 4806 dell'8 marzo 2005. L’ultima sentenza in merito è la sentenza n. 9839 del 14 aprile 2021. La sentenza del 2015 lasciava due questioni ancora irrisolte.

La prima riguardava le invalidità delle delibere e la possibilità di farle valere in sede di opposizione a decreto ingiuntivo. La seconda, invece, doveva definire se sono nulle  o annullabili delle delibere che applicano criteri di riparto delle spese diversi da quelli legali e/o convenzionali vigenti.

Le Sezioni Unite sono giunte, rispettivamente, a queste soluzioni.

Per quanto riguarda  l'opposizione a decreto ingiuntivo poiché si apre una fase processuale a cognizione piena, nel rispetto delle regole specifiche riguardanti la contestazione delle delibere condominiali non vi sono limiti in relazione alla valutazione della loro legittimità.

In merito al riparto delle spese, riprendendo quanto già affermato nel 2005 (anche allora le Sezioni Unite furono chiamate a risolvere la questione) occorre fare una distinzione tra delibere che derogano ai criteri legali e quelle che applicano erroneamente criteri esistenti.

Questo il principio espresso: "nulle le deliberazioni con le quali, a maggioranza, siano stabiliti o modificati i generali criteri di ripartizione delle spese previsti dalle legge o dalla convenzione, da valere per il futuro […] sono, invece, meramente annullabili le deliberazioni aventi ad oggetto la ripartizione in concreto tra i condomini delle spese relative alla gestione delle parti e dei servizi comuni adottate senza modificare i criteri generali previsti dalla legge o dalla convenzione, ma in violazione degli stessi, trattandosi di deliberazioni assunte nell'esercizio delle dette attribuzioni assembleari" (Cass. SS.UU. 14 aprile 2021 n. 9839).

Ciò che dice la Cassazione è che le competenze dell'assemblea necessariamente trattano questioni sostanziali che possono incidere sui diritti dei singoli  e siccome applicare i criteri di riparto delle spese è compito dell'assemblea, l'errore non è modifica, ma esercizio scorretto della prerogativa.

Quindi la nullità per deroga ai criteri di riparto legali e/o convenzionali andrà limitata ai casi di espressa eccezione ovvero di applicazione di un criterio inesistente.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Super Ecobonus 110 e le assemblee condominiali in emergenza Covid-19

Come si può conciliare la possibilità per il condominio di ottenere il bonus 110% e l'impossibilità oggettiva di tenere una assemblea condominiale immune da rischi

Continua

Condominio: è davvero scaduto il termine dei 180 giorni per il rendiconto in epoca Covid-19?

I provvedimenti anti Covid-19 si configurano come impossibilità sopravvenuta in merito all'obbligo di tenere le assemblee entro 180 giorni dalla chiusura dell'esercizio

Continua

Perchè è meglio evitare l'uso del contante in condominio?

Il contante in condominio e i suoi rischi, sia negli incassi delle quote condominiali sia nel pagamento dei fornitori

Continua

D.P.C.M. 3 novembre 2020: faq e assemblee in presenza

Il Dpcm 3 novembre 2020 impone delle restrizioni, ma le Faq governative risultano essere contraddittorie con i divieti imposti

Continua

Condominio: il diritto di visione della documentazione condominiale

I condomini possono prendere visione dei documenti giustificativi di spesa in ogni tempo ed estrarne copia a proprie spese

Continua

L'avviso di convocazione dell'assemblea condominiale

Dal 2014 la giurisprudenza afferma la sussistenza della tassatività delle forme dell'avviso di convocazione. Ecco quali sono

Continua

L’assemblea indica come impiegare gli attivi di gestione per compensa

L'assemblea indica come impiegare gli attivi di gestione derivanti da rendite

Continua

E' legittimo convocare l'assemblea alle due di notte?

Si può convocare l'assemblea in orari notturni per favorire la partecipazione alla seconda assemblea?

Continua

La prorogatio imperii e le attività dell'amministratore

Focus sulle attività che l'amministratore può svolgere in prorogatio imperii

Continua

Nomina giudiziale dell'amministratore di condominio se il precedente è in prorogatio

La nomina di un amministratore giudiziale quando l'amministratore attuale è in prorogatio imperii

Continua

Avviso di convocazione e registro di contabilità

Quali documenti allegare insieme all'avviso di convocazione per l'approvazione dei bilanci?

Continua

Il condominio parziale e le sue delibere

Le delibere, i partecipanti delle delibere e la divisione delle spese nel condominio parziale

Continua

La messa in mora è indispensabile nel recupero crediti

L'utilità della messa in mora del condomino moroso ai fini del recupero del credito condominiale

Continua

Condominio, il recupero giudiziario del credito

Il codice civile impone all’amministratore di condominio il preciso obbligo di attivarsi per il recupero forzoso delle somme dovute dai condomini morosi

Continua

Nei condomini residenziali è prevista l’IVA al 10% per l’elettricità

Iva agevolata al 10% per l'energia elettrica nei condomini residenziali

Continua

Superbonus 110%: l'Agenzia Entrate ammette i compensi dei professionisti

L'Agenzia delle Entrate chiarisce la detrazione dei compensi dei professionisti

Continua