Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Cda nello Sport: aspetti fiscali


Aspetti fiscali nei CdA dello sport dilettantistico
Cda nello Sport: aspetti fiscali
I dubbi dipanati in ambito previdenziale paiono comunque morbidi, rispetto alle complicazioni riscontrabili in ambito fiscale. La guida ufficiale alla regolamentazione fiscale del rapporto non può che essere il Tuir. Granitica è la posizione relativa alla soggezione fiscale dei compensi da amministratore assimilati al reddito da lavoro dipendente ex articolo 50, comma 1, lettera c-bis), Tuir. In ambito sportivo dilettantistico però alcuna certezza può considerarsi davvero tale, stante la carenza di chiarimenti applicativi anche solo di prassi. Come abbiamo considerato nelle righe che precedono, possono infatti aggiungersi prestazioni di diverso tipo alla medesima persona nominata quale amministratore. Anche con riferimento ai profili fiscali è necessario in via preventiva chiarire se il compenso erogato al percettore sia riferibile al ruolo di amministratore oppure a un diverso, possibile, ruolo aggiuntivo. Potrebbero quindi verificarsi le seguenti diverse situazioni:
− compenso erogato come amministratore: stante il rispetto dei limiti tali da non occultare l’indiretta distribuzione degli utili, il compenso amministratore nelle ASD e società dilettantistiche non può che assimilarsi dal punto di vista fiscale a qualsivoglia compenso erogato a un amministratore di una comune società commerciale regolato dall’articolo 50, comma 1, Tuir;
− compenso erogato per attività ulteriore e aggiuntiva rispetto a quella di amministratore: stante il fatto che tale attività debba essere effettivamente svolta, questa può generare diverse prospettive fiscali:
 lavoro dipendente: applicazione della comune tassazione articoli da 49 a 52, Tuir;
 lavoro autonomo: applicazione della diversa tassazione prevista da 53 a 54, Tuir per il reddito da lavoro autonomo oppure, laddove ne ricorrano i casi, per il reddito d’impresa;
 collaborazione coordinata e continuativa (anche resa ai fini istituzionali): applicazione della tassazione dedicata ai redditi assimilati a lavoro dipendente;
 collaborazioni amministrativo gestionali: applicazione della tassazione, sicuramente meno invasiva rispetto alle casistiche precedenti, dedicata ai redditi diversi ex articolo 67, comma 1, lettera m). Resta inteso che anche per l’amministratore, anzi pare utile rafforzare "in modo particolare per gli amministratori" la possibile erogazione di compensi di questa natura richiede la sostanziale inconciliabilità con l’assenza di altre prevalenti occupazioni lavorative e l’esercizio di questa prestazione aggiuntiva senza integrare i requisiti della professionalità. Inoltre andrà prestata la massima attenzione a non superare il già citato limite del 20% rispetto alle retribuzioni previste dal CCNL, anche in caso di erogazione di questi compensi, in quanto l’Agenzia delle entrate li ritiene forieri di distribuzione indiretta degli utili (risoluzione n. 9/E/2007). Se tale posizione pare indubbiamente contestabile stante la diversa natura delle due prestazioni, quella amministrativa e quella amministrativo gestionale, il rischio vertenzialità pare più una chimera, in quanto in linea di massima i redditi diversi difficilmente raggiungono tale limite.
− erogazione di rimborsi spese: stante il fatto che dovrà trattarsi di spese effettivamente sostenute e documentabili, non essendo possibile l’erogazione di rimborsi forfetari che nel caso vengono ricondotti alle regole previste per i compensi ordinari, questi risulteranno totalmente esenti da qualsivoglia imposizione.
fonte: Euroconference Editoria

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Le Discipline Sportive, delibera CONI del 14/02/2017

Mantenute nel 2017 le iscrizioni al registro CONI per quelle ASD/SSD le cui discipline praticate non trovano più rispondenza in quelle approvate dal CONI

Continua

Anche minimi e forfettari nella CU 2017

Certificazione Unica 2017 anche per i titolari di parita Iva in regime dei minimi o forfettario. Ecco tutte le regole e i casi particolari

Continua

La delibera del C.N. CONI n. 1566

L’individuazione delle discipline sportive ai fini dell’iscrizione al Registro delle Associazioni

Continua

Tassa annuale di concessione governativa

Ecco chi è tenuto a pagare il tributo e chi no

Continua

La dichiarazione congiunta : paga la moglie

La dichiarazione congiunta : responsabilità solidale del consorte

Continua

La dichiarazione congiunta: paga la moglie

La dichiarazione congiunta: responsabilità solidale del consorte

Continua

Sponsorizzazione A.S.D./S.S.D.

Inquadramento fiscale della sponsorizzazione A.S.D./S.S.D. e benefici

Continua

Fino a € 200.000 sempre seducibili ASD/SSD

Sempre deducibili le spese di “sponsor” fino a € 200.000 <br />pagate alle ASD/SSD

Continua

Omesso versamento dell`Iva: la vedova non risponde

L’obiettiva impossibilità di far fronte all’obbligazione tributaria e la sua totale estraneità alle vicende assolvono la vedova dal reato iscritto

Continua

Iva da accertamento per le sportive

Base di calcolo dell'Iva dovuta a seguito di accertamento

Continua

Lo sport e la riforma del terzo settore

Lo sport non è stato compreso nella nuova disciplina

Continua

Bozza di Bilancio 2018: collaborazioni sportive

Modifiche in materia di collaborazioni rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive

Continua

La società sportiva dilettantistica lucrativa

Legge di Bilancio 2018: le novità in arrivo per le Sportive

Continua

Lo sport bonus

Manovra di bilancio 2018: istituito lo sport bonus

Continua

Sport: contributi per disabili

Manovra 2018 pro sport: contributo straordinario per l’acquisto di ausili per disabili e campagna di sensibilizzazione per minori extracomunitari

Continua

Contratti nel settore sportivo

CO.CO.CO. nel settore sportivo

Continua

Le società sportive dilettantistiche lucrative

Le società sportive dilettantistiche con <br />fine di lucro

Continua

Aliquote IVA: aumenti dal 2019

L'iva continua ad aumentare: aumenti dal 2019

Continua

5 per mille

5 per mille, online il nuovo elenco permanente degli iscritti

Continua

Accertamento ad una polisportiva!!

Accertamento per imposte dirette ed Iva emesso nei confronti di una Polisportiva

Continua

Serie A: perdite sotto controllo...

Perdite al 50%, divieto di tesseramento

Continua

Regolamento Privacy, il Modello GDPR

Il Modello GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati sulla Privacy per le sportive

Continua

Addio alle società sportive lucrative

Il D.l. “Dignità” abroga le lucrative

Continua

Democraticità: Cassazione n. 20123 del 30-07-18

Nelle associazioni i principi di democraticità richiesti <br /> dall’art. 148 Tuir vanno rispettati in concreto

Continua

ASD: individuazione delle attività connesse a quelle istituzionali

Estensione della 398/91 alle attività connesse alle attività costituzionali

Continua

Novità modello Eas

Il termine fissato per la presentazione del modello Eas non ha carattere perentorio

Continua

Pace fiscale per A.S.D. E S.S.D.: valutazioni di convenienza

Il Decreto Legge 2018/119 contiene disposizioni specifiche per le A.S.D. e le S.S.D.

Continua