Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Centrale rischi e accesso al credito


L’appostazione di un credito a sofferenza presso la Centrale dei Rischi può avvenire solamente in caso di “insolvenza”
Centrale rischi e accesso al credito
La Centrale dei Rischi (CR) è un sistema informativo sull'indebitamento della clientela verso le banche e le società finanziarie (intermediari).
Gli intermediari (banche, finanziarie, società di leasing) comunicano mensilmente alla Banca d'Italia il totale dei crediti verso i propri clienti: i crediti pari o superiori a 30.000 euro e i crediti in sofferenza (cliente irreversibilmente incapace di saldare il proprio debito) di qualunque importo, anche se quest'ultima condizione non è stata accertata in sede giudiziaria.
Il ritardo nei pagamenti non è una condizione sufficiente per la segnalazione a "sofferenza", che può scaturire solo da una valutazione della situazione finanziaria complessiva del cliente da parte dell'intermediario.
La classificazione a sofferenza è il risultato della valutazione della situazione finanziaria complessiva del cliente da parte della banca o dell'intermediario finanziario.
Le banche e gli intermediari finanziari devono informare per iscritto il cliente e gli eventuali coobbligati (ad esempio i garanti) la prima volta che lo segnalano a "sofferenza".
Quando si ha contratto un'operazione creditizia (prestito, affidamento in conto corrente, leasing, cessione del quinto. etc.) è buona regola verificare periodicamente, anche in assenza di comunicazioni dall'intermediario creditore, il proprio stato di segnalazione alla CR.
Errate o negative segnalazioni, come ritardi nei pagamenti o sconfinamenti sugli affidamenti, possono comportare un effetto pregiudizievole a catena sulle agevolazioni creditizie correnti ed rendere più difficoltoso l'accesso al credito futuro.
L’appostazione di un credito a sofferenza presso la Centrale dei Rischi può avvenire solamente in caso di "insolvenza", ossia di "cronica" incapacità del soggetto di far fronte regolarmente alle proprie obbligazioni, ovvero in situazioni equiparabili, in ogni altro caso essa è illegittima, lesiva dell'immagine del cliente e crea il presupposto alla risarcibilità del danno.
La Banca d'Italia fornisce mensilmente agli intermediari (banche, finanziarie, società di leasing) le informazioni sul debito totale verso il sistema creditizio di ciascun cliente segnalato.
I dati della CR sono riservati. Chi vuole conoscere la propria posizione presso la Centrale dei Rischi può rivolgersi alle Filiali della Banca d'Italia o inviare la propria richiesta in via telematica. Per la correzione di eventuali errori nelle segnalazioni, l'interessato deve rivolgersi direttamente all'intermediario che ha trasmesso le informazioni da contestare.
Qualora l'intermediario non intenda rettificare le informazioni inserite in CR, fatto salvo l'eventuale risarcimento del danno, è possibile chiedere al Giudice tutela in via d'urgenza ai sensi dell'art. 700 c.p.c. affinché venga ordinato all'intermediario di togliere la segnalazione pregiudizievole.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Centrali Rischi Private e diritti del consumatore

Chi si veda negare un finanziamento senza saperne la ragione ha diritto ad ottenere informazioni dalla banca e dalla società che gestisce la banca dati creditizia

Continua

Il Decreto ingiuntivo europeo

E’ aperta la strada al recupero dei crediti con una procedura uniforme di ingiunzione europea

Continua

Workers Buy Out

Cooperazione industriale, ripartire dall’impresa in crisi con lo sviluppo imprenditoriale dei lavoratori

Continua

Trasferimento di società all'estero

Libertà di stabilimento, trasformazione transfrontaliera di una società e trasferimento della sede legale senza trasferimento della sede effettiva

Continua

Inadempimento delle obbligazioni pecuniarie

Il risarcimento del danno da inadempimento delle obbligazioni pecuniarie. Interessi. Maggior danno.

Continua

Chiusura anticipata della procedura esecutiva immobiliare

L'estinzione della procedura esecutiva e la restituzione del bene messo all'asta quando non è più possibile conseguire una ragionevole soddisfazione dei creditori

Continua

Il supporto direzionale nel codice della crisi di impresa e dell’insolvenza

Il sindaco e il revisore sono le figure che supportano l’imprenditore ad evitare la crisi e il fallimento

Continua

Contratto di fideiussione, è nullo se in contrasto con la Legge Antitr

La riproduzione integrale dello schema ABI sulla fideiussione omnibus rende nullo il contratto

Continua