Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Cessione credito 110: cosa fare prima di scegliere la banca


Nell'ambito della cessione credito 110 vediamo cosa fare prima di scegliere la banca
Cessione credito 110: cosa fare prima di scegliere la banca

Diversi sono i contributi che abbiamo dedicato al superbonus 110 % su www.studiobrega.it. Delle tre opzioni che la norma ci propone (detrazione, cessione credito 110 o sconto in fattura), abbiamo convenuto come la detrazione permetta di sfruttare appieno questa nuova agevolazione. Infatti, per chi vuole beneficiare del superbonus al 110%, la scelta più conveniente rimane quella di scontare direttamente il credito d’imposta dall’Irpef dovuta. Ma sarà probabilmente la scelta meno frequente. E con esito più incerto. 

Cessione credito 110: la detrazione

Se il contribuente fosse in grado di pagare i lavori senza ricorrere a un finanziamento, si troverebbe nella situazione ideale. Lo sconto diretto del bonus gli consentirebbe di intascare il 10% in più della spesa detraibile sostenuta. Attenzione però. Non stiamo parlando di un guadagno del 10%. Si tratta più che altro di una somma che può essere utile per coprire eventuali spese non detraibili. Oppure spese detraibili con percentuali inferiori al 110%. Questa scelta, per fruire pienamente dello sconto fiscale, presuppone però che il proprietario abbia un reddito crescente con l’investimento. 

Facciamo un esempio. Per una spesa di 96mila euro in opere antisismiche agevolate al 110% occorre un imponibile di almeno 65mila euro. Ecco perché il grosso dei contribuenti potrebbe decidere di avvalersi dell’alternativa della cessione credito 110 da superbonus a una banca o a una compagnia assicurativa.

Oppure potrebbe sfruttare la formula dello sconto in fattura concessa dall’impresa che esegue i lavori. Impresa che, tuttavia, può avere difficoltà a scontare dalle imposte il credito acquisito, preferendo cederlo a sua volta a una banca. Pressoché tutte le grandi banche operanti in Italia sono disposte ad acquistare il credito d’imposta dal proprietario dell’immobile. Se a cederlo è una persona fisica, non si scende mai sotto 100. Ne abbiamo già parlato anche qui. Di conseguenza, qualunque banca scelga, il proprietario riceverà una somma almeno pari all’importo sul quale calcolare il credito d’imposta.

Cessione credito 110: il ruolo della finanza ponte 

Prima di scegliere una banca conviene però fare una valutazione più profonda. Che non tenga conto solo del prezzo di acquisto dei crediti. È importante accertarsi che l’istituto sia disposto anche a concedere un finanziamento ponte. A che pro? Per coprire le spese dell’intervento prima che diventi possibile cedere il credito. In altre parole:

  • con queste somme viene eseguito il pagamento delle fatture dei fornitori;

  • le spese vengono così inserite nelle varie asseverazioni;

  • ottenendo infine il visto di conformità sulla comunicazione di cessione credito 110, dopo che la cessione credito 110 sarà comunicata all’Agenzia Entrate, le banche acquisiscono il credito chiudendo il finanziamento ponte.

Per i proprietari che hanno redditi bassi e pochi risparmi, infatti, dalla chance di finanziamento potrebbe dipendere la possibilità stessa di beneficiare del bonus. Sulla percentuale di spesa finanziabile, sulla durata del prestito e sul tasso di interesse applicato, le offerte differiscono da banca a banca. Alcune addirittura non prevedono la concessione di questo finanziamento. È probabile che le condizioni alle quali la banca sia disposta ad acquistare il credito d’imposta o concedere un finanziamento dipendano da quanto “tiene” al cliente. Risulta difficile che sia disposta a perderlo per non modificare di qualche decimo di punto percentuale il prezzo d’acquisto. Oppure il tasso d’interesse.

In generale, le condizioni applicate ai condomìni sono le stesse previste per le persone fisiche, mentre nella maggioranza dei casi si rivelano più onerose se la cessione credito 110 è proposta dalle imprese esecutrici dei lavori. In questo caso, prevalgono le banche disposte a pagare non più di 100 per acquistare da un’impresa un credito d’imposta che vale 110.

 

Per qualsiasi dubbio o precisazione, il nostro studio rimane a disposizione.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus 2021: credito d'imposta al 50% per i beni strumentali

Tra i bonus 2021 inseriti nella neo nata Legge di Bilancio 2021, troviamo il potenziamento del credito di imposta per i beni strumentali, la cosiddetta "Industria 4.0"

Continua

Auto aziendale assegnata ai dipendenti: le ultime novità

Ecco quali sono le novità relative alla fiscalità dell'auto aziendale assegnata ai dipendenti

Continua

Assumere dipendenti 2021: risparmio fino a 6 mila euro annui

La neo nata Legge di Bilancio 2021 ha introdotto esoneri contributivi a carico dei datori di lavoro. Vediamo di cosa si tratta

Continua

Superbonus 110%: conviene cedere il credito alle banche?

E' una delle domande che ci pongono più spesso i nostri clienti: conviene cedere il credito alla banche? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Superbonus 110% e cessione del credito: 3 esempi per capire quando conviene

La cessione del credito da superbonus è sempre convenente? E a che condizioni? Abbiamo ipotizzato 3 differenti casi per comprendere al meglio

Continua

Start up innovativa: come si costituisce con pochi euro

Cos'è una start up? Come posso crearne una? La mia azienda può essere definita una start up? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

L'investimento in ricerca e sviluppo permette di ottenere un cospicuo credito di imposta. Un'opportunità molto interessante per gli imprenditori.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Uno degli ultimi strumenti utili ad ottenere finanziamenti agevolati. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

La legge di bilancio 2021 proroga fino al 31/12/22 e potenzia il bonus ricerca e sviluppo.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Nello Studio Brega abbiamo sempre dedicato ampio spazio alla finanza agevolata, tematica diventata sempre più centrale per tutti gli imprenditori

Continua

Superbonus e sconto in fattura: è possibile fare i lavori gratis?

Superbonus 110%, tre vie per il recupero. Dichiarazione dei redditi, cessione del credito o sconto in fattura

Continua

Regime forfettario, addio definitivo alla Flat Tax?

Nel 2020 oltre 215 mila persone hanno aderito al regime forfettario. Quale sarà il futuro per questo particolare regime agevolato?

Continua

Beni strumentali e industria 4.0: tax planning fondamentale

La Legge di Bilancio 2021 ha potenziato il premio fiscale per gli acquisti di beni strumentali. Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta l'agevolazione.

Continua

Comprare bitcoin: come comportarsi con il fisco?

Abbiamo appurato come il mondo di internet abbia rivoluzionato i mercati finanziari. Oggi comprare bitcoin è diventata un’operazione quasi ordinaria. Vediamo però come

Continua

Bonus 110%: è possibile cedere il credito a parenti e amici?

In merito alla cessione del bonus 110 %, l’A.E. chiarisce una questione di non poca importanza. E’ possibile cedere il credito d’imposta ad amici e parenti?

Continua

Smart working e zero tasse? Si può, ma non in Italia

Diversi Stati si stanno organizzando per attirare nel proprio territorio tutti i lavoratori in smart working a colpi di agevolazioni fiscali

Continua

18app: come ottenere il bonus cultura di 500 euro

In questo articolo vediamo come ottenere il bonus cultura di 500 euro attraverso 18app

Continua