Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Che somma chiediamo? Come individuare e comunicare l'ammontare richiesto ai finanziatori


Per richiedere un finanziamento, prepariamoci un'adeguata motivazione dell'importo preciso domandato
Che somma chiediamo? Come individuare e comunicare l'ammontare richiesto ai finanziatori

I finanziamenti, spesso, vengono negati non perché non siano “in sé”, concedibili, ma perché gli imprenditori non sono abbastanza convincenti nel definire la quantità di denaro richiesta. Non c’è cosa peggiore che presentarsi in banca, o da un finanziatore, dicendo frasi del tipo “vedete voi quanto riuscite a darmi”, “datemi tutto quel che si può” e altre ingenuità similari. In tali circostanze, avviene spesso che inizialmente ci sia un diniego, poi, e solo dietro assistenza di professionisti con la “P” maiuscola, e con tanto di un convincente business plan a disposizione, si riesca ad arrivare ad un risultato. Solo una paziente operazione di “business planning” (prima) e di strutturazione finanziaria (poi) può aiutare a rispondere alla domanda “di quanto denaro abbiamo bisogno”? Ribadiamo come le necessità di finanziamento non possano che dipendere, in sede di investimento, dalla struttura patrimoniale che si è deciso di voler dare all’azienda, e in particolare dalla colonna dell’ATTIVO di questo “Stato Patrimoniale” che  rappresenta proprio  il totale degli investimenti. Poi ci sono altre esigenze, che invece discendono dalla gestione corrente aziendale, ovvero da quel che normalmente viene chiamato “ciclo monetario”: il complesso interfacciarsi delle entrate e delle uscite di cassa. Come al solito, facciamo un semplice esempio, probabilmente “estremo” ma che, proprio per questo, rende l’idea: un’azienda che sia costretta a pagare i propri fornitori per “pronta cassa”, vale a dire alla consegna della merce, e che si veda, invece, i crediti pagati a 60 giorni dalla data di fatturazione, si troverà in perenne deficit di liquidità, e avrà dunque necessità di vedersi costantemente finanziati questi “buchi”. Per contro, un buon ristorante, che magari ha contrattato coi fornitori tempi di pagamento “lunghi” e che (per definizione) incassa quasi tutto “pronta cassa” (= riceve i pagamenti prima che i clienti varchino l'uscio), molto difficilmente avrà problematiche del genere, sempre ovviamente che abbia fatto bene i conti e che venda con margini positivi. Questo, perché incassa ben prima di pagare le materie prime, dunque è molto avvantaggiato! Da tutte queste considerazioni, nascono somme PRECISE che vanno richieste e giustificate ai potenziali finanziatori. In mancanza di ragionamenti del genere, preparatevi purtroppo ad andare incontro a secchi rifiuti: per finanziare, viene sempre più pretesa una convincente spiegazione dell'operazione sottostante alla richiesta!

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La redazione di un business plan

Cosa significa redigere un business plan e come far sì che esso diventi uno strumento di strategia d'impresa

Continua

Finanza agevolata in Emilia Romagna

Il fondo starter e il fondo energia della regione Emilia Romagna. Interessanti opportunità di mutuo agevolato per le imprese

Continua

La finanza d'impresa e i rapporti con le banche

Da dove nasce e come gestire l'esigenza aziendale di procurarsi fonti di finanziamento

Continua

Conoscere le banche per ottenere un aiuto concreto

Perché sono nate le banche? Come si sono modificate nel corso del tempo? Come fare, oggi, per farsi aiutare concretamente da loro?

Continua

Chi siamo? Come presentarsi a banche e finanziatori

Qual è l'atteggiamento vincente per presentare la propria azienda a banche e finanziatori? Quali sono i principali aspetti su cui prepararsi?

Continua