Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Check-Up aziendale: sai davvero come stanno i conti della tua azienda?


Sai davvero come stanno i conti della tua azienda? Abbiamo formulato uno strumento che ti aiuta a capirlo. Scopri come funziona la nostra prima analisi gratuita.
Check-Up aziendale: sai davvero come stanno i conti della tua azienda?

 

Tra i vari indicatori da considerare per valutare la liquidità aziendale e garantire l’operatività dell’impresa nel breve termine c’è sicuramente l’analisi del cosiddetto capitale operativo.

Se l’azienda in questione avesse un minimo sistema di analisi dei propri dati, da un costante monitoraggio del capitale operativo potrebbe cogliere molte avvisaglie di una potenziale crisi di liquidità.

Un’azienda che avrà analizzato e dato risposta, in primis, al perché della mancanza di liquidità e come ci si poteva accorgere di tale criticità ottiene due benefici non trascurabili:

1.    capire la vera causa della mancata rispondenza del Piano di cassa alla realtà;

2.    individuare una serie di campanelli d’allarme, come delle spie luminose che, inserite in un cruscotto, qualora quelle condizioni si ripresentassero sarebbero immediatamente segnalate ed individuate.


Ovviamente un’azienda, che voglia continuare ad essere in attività e “in salute” nei prossimi dieci anni, non potrà limitarsi a rispondere solo a questi due aspetti, ma dovrà cercare di risolvere il contingente problema di liquidità.

Se tutto quanto fin qui esposto è risultato chiaro, apparirà altrettanto chiaro che non c’è una ricetta unica per ogni crisi di liquidità, ma la ricetta da attuare potrà essere individuata, considerando anche l’ipotesi estrema di non cercare ulteriore liquidità, per non rischiare di riempire d’acqua una bacinella bucata.

Di seguito alcune ipotesi di taglio pratico utili a risolvere problemi di liquidità, frutto dell’esperienza di questi anni:

1.    Riduzione dei tempi di incasso;

2.   Variazione delle condizioni contrattuali;

3.   Scontistica;

4.  Efficientamento della gestione del magazzino;

5.  Ricontrattazione condizioni contrattuali con fornitori.


Riduzione dei tempi di incasso

In questo caso l’obiettivo dovrà essere quello di migliorare la componente attiva del capitale operativo, riducendo il tempo di incasso, Se non si potesse agire sui tempi contrattuali potrebbe essere utile ridurre i tempi di fatturazione, inserendo più cicli di fatturazione, magari ogni decade del mese oppure non appena il bene o il servizio viene ceduto.


Variazione delle condizioni contrattuali

In tal senso, soprattutto in caso ordini di una certa rilevanza, sarà utile prevedere acconti e stati d’avanzamento, che permettano di non dover finanziare la produzione per troppo tempo.


Scontistica

Tra le varie possibilità di anticipare gli incassi va valutata anche quella di offrire una scontistica, seppur contenuta, ai clienti che pagano in anticipo; ovviamente la percentuale applicata dovrà essere inferiore al costo medio dell’indebitamento.


Efficientamento della gestione del magazzino

Un magazzino troppo ristretto può influenzare negativamente le operazioni e creare ritardi negli ordini d’altro canto un livello delle scorte troppo elevato causa problemi di costi di stoccaggio nonché di obsolescenza.


Ricontrattazione condizioni contrattuali con fornitori

Può essere utile rivedere le condizioni di pagamento praticate dai nostri fornitori, per allinearle il più possibile ai tempi di incasso dell’azienda.


Se interessato ai nostri servizi clicca qui e mettiti in contatto con noi.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Consulenza aziendale: se il piano di cassa non funziona...

Se il Piano di cassa non funziona l’azienda può incorrere in problemi di liquidità. Ecco come dovrebbe comportarsi un’azienda in caso di crisi di liquidità

Continua

Benefit per l’uso promiscuo della vettura

Auto in uso promiscuo al dipendente: nuove misure dei benefit solo per le immatricolazioni avvenute dal 1° luglio 2020

Continua

Bonus 110% al via: pubblicati i provvedimenti attuativi

Definite le modalità attuative per l’applicazione del superbonus del 110% per interventi di efficienza energetica e antisismici

Continua

Credito di imposta per spese di pubblicità su mezzi di informazione

Credito di imposta per spese di pubblicità su mezzi di informazione incrementato per il 2020 nella misura del 50% dei costi sostenuti

Continua

La contabilizzazione dei fabbricati e lo scorporo dei terreni

La corretta gestione contabile dei fabbricati richiede attenzione per le ricadute fiscali relative all'individuazione del valore teorico del terreno su cui sono ubicati

Continua

Principali scadenze dal 16 settembre al 15 ottobre 2020

Ecco i principali adempimenti da effettuare dal 16 settembre al 15 ottobre 2020, con il commento dei termini di prossima scadenza

Continua

Rafforzamento patrimoniale delle imprese: decreto attuativo

Pubblicato il decreto attuativo relativo al rafforzamento patrimoniale delle imprese dei soggetti di medie dimensioni

Continua

Rese note le agevolazioni agli autotrasportatori per il 2020

Ecco quali sono le misure delle deduzioni forfettarie a favore degli autotrasportatori per il periodo d’imposta 2019

Continua

Trasmissione dei corrispettivi per i distributori di medie dimensioni

Salvo ulteriori proroghe, scade il 30 settembre il primo obbligo di trasmissione dei corrispettivi per i distributori di medie dimensioni

Continua

Termine per il rimborso dell’Iva assolta in altri paesi europei

Scade il prossimo 30 settembre il termine per chiedere il rimborso dell’iva assolta in altri paesi europei

Continua

La nuova detrazione del Superbonus 110% e gli interventi agevolabili

Ecco quali sono gli interventi per i quali è possibile fruire della nuova detrazione del Superbonus 110% differenziando tra interventi “trainanti” e “trainati”

Continua

Auto aziendale in uso promiscuo: novità 2020

La Legge di Bilancio 2020 ha introdotto delle modifiche in tema di fringe benefit per le auto aziendali concesse ad uso promiscuo ai dipendenti e agli amministratori

Continua

Nuovo credito d'imposta per investimenti in beni "Industria 4.0"

Il super e iper ammortamento sono stati sostituiti dal nuovo credito d’imposta dedicato a chi effettua investimenti in beni strumentali nuovi, generici o Industria 4.0

Continua

Dal 1° ottobre: nuovo tracciato di fattura elettronica facoltativo

Al via dal 1° ottobre l'utilizzo facoltativo del nuovo tracciato di fattura elettronica

Continua

Scadenze: versamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche

In scadenza il 20 ottobre il versamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche

Continua

Gli adeguamenti statutari degli Enti del Terzo settore

Ecco quali sono i dati e le regole che occorre inserire negli atti costitutivi e/o negli statuti degli ETS

Continua