Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Clausole di giurisdizione nelle polizze di carico


Qual è la validità delle clausole di giurisdizione nelle polizze di carico
Clausole di giurisdizione nelle polizze di carico
La clausola di giurisdizione inserita all’interno della polizza di carico risulta valida in base alla legge 218 del 1995, al regolamento UE 44/2001 nonchè al regolamento UE n. 1215/2012 ed infine in base alla prassi internazionale consolidata e successivamente recepita dalla giurisprudenza di merito e di legittimità.

Com'è noto, ai sensi dell'art. 23 reg 44/01 non possono porsi problemi di prova scritta della clausola laddove, nel quadro degli usi del commercio marittimo internazionale tale clausola risulta essere stata conclusa "in una forma ammessa da un uso che le parti conoscevano o che avrebbero dovuto conoscere e che, in tale campo, è ampiamente conosciuto e regolarmente rispettato dalle parti di contratti dello stesso tipo nel ramo commerciale considerato".

Sulla scorta degli indirizzi dottrinali formatisi a tale riguardo anche la giurisprudenza, e in particolare la stessa Suprema Corte, ha riconosciuto nell'ambito dei trasporti marittimi internazionali la formazione di un uso normativo che vede nella polizza di carico la sottoscrizione dal solo vettore e non anche dal caricatore (Cassazione S.U. n. 731/2005 e Cassazione S.U. 3568/2011).
Tenuto conto della vigenza di tale uso internazionale appare allora errato desumere l’eventuale sussistenza di un valido accordo di proroga di giurisdizione dalla presenza di una firma che di regola non viene apposta.

La validità della clausola si desume dall'esistenza di un uso normativo nel settore e dal fatto, peraltro incontestato, che le parti in giudizio sono operatori commerciali soliti ai traffici marittimi internazionali.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Sea waybill elettronico e deroga alla Giurisdizione

La clausola derogativa della giurisdizione italiana apposta sul retro di un sea waybill elettronico è opponibile ai terzi?

Continua

Compagnie di assicurazioni: surroga

La Cassazione sull’onere della prova del diritto di surroga per le Compagnie Assicurative

Continua

L’Italia ai primi posti in Europa nel trasporto marittimo

Il segretario nazionale dei commercialisti, Achille Coppola, rende noti i dati nel corso del forum alla Camera di Commercio

Continua

Colpa grave in caso di perdita parziale di carico

Caprile e Associati ottiene ragione dal Tribunale di Milano sulla configurazione della colpa grave anche in caso di perdita parziale di carico

Continua

Il registro elettronico nazionale

Ecco cosa si deve sapere su iscrizione, sospensione e cancellazione dal registro elettronico nazionale

Continua

Legittimazione dell'assicuratore nelle rivalse

Le problematiche connesse alla prova della surroga della compagnia assicurativa nei diritti del proprio assicurato in tema di rivalse

Continua

La rapina quale esimente ex art. 1693 c.c.?

L'evento rapina nell'autotrasporto per conto terzi può integrare il caso fortuito idoneo ad esimere la responsabilità vettoriale?

Continua

Smarrimento della merce: è colpa grave del vettore

Recentemente lo studio Caprile & Associati ha ottenuto una sentenza favorevole, con la quale è stato ribadito che lo smarrimento della merce da parte

Continua