Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Codice rosso: legge contro la violenza domestica e di genere


Il Parlamento ha approvato il Codice rosso, la legge contro la violenza sulle donne. Tempi più rapidi per il processo, pene più dure e introduzione di nuovi reati
Codice rosso: legge contro la violenza domestica e di genere

 

Il Parlamento ha approvato il Codice rosso, la legge contro la violenza sulle donne.

Tempi più rapidi per il processo, pene più dure e soprattutto introduzione di nuovi reati: il revenge porn e le lesioni permanenti al volto.

Sulla G.U. del 25 luglio 2019 è stata pubblicata la Legge 19 luglio 2019, n. 69 denominata “Codice Rosso”, in vigore dal 9 agosto.

Il Codice stato concepito come canale preferenziale per offrire tutele in tempi brevi alle vittime di violenza, donne e minori in particolare, favorendo un celere avvio del procedimento penale per alcuni reati tra cui maltrattamenti in famiglia, stalking, violenza sessuale.

Si compone di 21 articoli che:

•    Individuano una serie di condotte attraverso cui si pone in essere la violenza domestica e di genere introducendo nuove fattispecie di reato.

•    Inaspriscono le pene già previste dal codice penale per alcuni reati, aumentano la durata delle misure cautelari, inaspriscono le aggravanti.


Principali novità del Codice Rosso

4 NUOVI REATI:

•    Diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti senza il consenso delle persone rappresentate c.d. revenge porn (art 612 ter).
Il reato è punito con la reclusione da uno a sei anni e la multa da 5mila a 15mila euro: la pena si applica anche a chi, avendo ricevuto o comunque acquisito le immagini o i video, li diffonde a sua volta per provocare un danno agli interessati. La fattispecie è aggravata se i fatti sono commessi nell’ambito di una relazione affettiva, anche cessata, ovvero mediante l’impiego di strumenti informatici.

•    Deformazione dell’aspetto della persona mediante lesioni permanenti al viso (art. 583-quinquies).
Il reato è punito con la reclusione da otto a 14 anni; la pena è l’ergastolo quando, per effetto del delitto in questione, si provoca la morte della vittima.

•    Costrizione o induzione al matrimonio (Art. 558-bis).
Il reato è punito con la reclusione da uno a cinque anni. La fattispecie è aggravata quando il reato è commesso a danno di minori e si procede anche quando il fatto è commesso all’estero da o in danno di un cittadino italiano o di uno straniero residente in Italia.

•    Violazione dei provvedimenti di allontanamento dalla casa familiare e del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa (Art. 387-bis), sanzionato con la detenzione da sei mesi a tre anni.


Avvio del procedimento veloce e tempestivo

Garantito maggior impulso e celerità nella comunicazione della notizia di reato.

La Polizia Giudiziaria dovrà portare a conoscenza del Pubblico Ministero, immediatamente, anche in forma orale, una notizia di reato relativa a delitti di violenza domestica e di genere, anche qualora la parte offesa non voglia formalizzare la denuncia, al fine di scongiurare ritardi che possano precludere l’adozione di misure e provvedimenti urgenti a tutela della vittima e l’acquisizione di eventuali elementi probatori.

Il Pubblico Ministero, nelle ipotesi ove proceda per i delitti di violenza domestica o di genere, dovrà escutere la vittima entro tre giorni dall’iscrizione della notizia di reato, termine prorogabile in presenza di imprescindibili esigenze di tutela di minori o della riservatezza delle indagini, pure nell’interesse della persona offesa.

Gli atti d’indagine delegati dal pubblico ministero alla polizia giudiziaria devono avvenire senza ritardo.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il “nuovo” assegno divorzile: addio al tenore di vita

I nuovi criteri per l'attribuzione e a determinazione alla luce della sentenza S.U. Cassazione 18287/2018

Continua

Mantenimento dei figli maggiorenni

Con una recente sentenza (n. 19696/2019) la Cassazione torna sulla questione del mantenimento dei figli maggiorenni

Continua

L’assegnazione della casa coniugale

La casa coniugale rappresenta uno dei principali motivi di conflitto nelle controversie di separazione e divorzio

Continua

Bonus famiglia nel DDL di Bilancio 2020

Ecco quali sono i bonus destinati alle famiglie inseriti nel disegno di legge di Bilancio 2020

Continua

Divieto di procreazione per le coppie omosessuali

Non è illegittimo il divieto di procreazione per le coppie omosessuali

Continua

L’affido condiviso dei figli con frequentazione paritaria dei genitori

Il Mediatore Familiare possiede gli strumenti per aiutare i genitori a convergere volontariamente sull’interesse dei figli ad una reale bigenitorialità

Continua

DDL Bullismo, assegno unico per i figli e permessi paternità

Ecco cosa prevedono i DDL Bullismo e assegno unico per i figli in approvazione. Chiarimenti sui permessi paternità

Continua

Mantenimento figli, nessun esonero per il peggioramento del tenore di vita

La riduzione del tenore di vita di un genitore non giustifica la mancata corresponsione dell’assegno di mantenimento per i figli

Continua

Affidamento esclusivo dei figli per il primario interesse del minore

Affidamento esclusivo: rileva la condotta del genitore che viola i propri doveri genitoriali

Continua