Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Come compilare l'istanza per gli aiuti a fondo perduto


Vademecum alla compilazione delle istanze per gli aiuti a fondo perduto che potranno essere inviate a partire dal 15 giugno e non oltre il 13 agosto
Come compilare l'istanza per gli aiuti a fondo perduto

Con comunicato stampa dell'Agenzia delle Entrate del 10 giugno è stato finalmente pubblicato l’atteso provvedimento relativo alla presentazione delle istanze per il riconoscimento del contributo a fondo perduto ex articolo 25 del D.L. 34/2020, che ne riconosce modalità e termini di presentazione.

Ricordiamo molto brevemente a chi spetta e a chi no.

La platea di soggetti beneficiari del contributo è costituita dai titolari di partita Iva:

- soggetti esercenti attività d'impresa

- soggetti esercenti attività di lavoro autonomo

- soggetti esercenti attività di reddito agrario

- enti non commerciali, compresi quelli del terzo settore e religiosi civilmente costituiti, in relazione allo svolgimento di attività commerciali

che non abbiano un fatturato superiori a 5 milioni di euro nel periodo d'imposta 2019.

Il contributo non spetta:

- ai soggetti la cui attività risulti cessata alla data di presentazione dell'istanza di accesso al contributo;

- agli enti pubblici di cui all'articolo 74 del TUIR;

- ad intermediari finanziari e società di partecipazione (art. 162-bis del TUIR);

- ai contribuenti che hanno diritto alla percezione all'indennità prevista per professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa prevista dall'art. 27 del D.L. 1872020, all'indennità per i lavoratori dello spettacolo (art. 38), ai lavoratori dipendenti e ai professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria.

E' bene ricordare che la condizione necessaria per poter accedere all'istruttoria impone una diminuzione ai due terzi del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020, rispetto agli stessi realizzati nello stesso mese del 2019 e poiché non viene fatta mai menzione al volume d'affari, dovranno essere comprese anche le cessioni di beni strumentali.

Poiché al precedente articolo ci siamo ampiamente soffermati sulla determinazione del contributo, passiamo ad esaminare la modulistica, unica novità di questi giorni.

La modulistica ad una prima sommaria osservazione, risulta essere molto scorrevole e facilmente compilabile attraverso anche una guida ad essa acclusa, in coerenza con quanto previsto dal Dl Rilancio e richiesto, in termini di accertamento di ricavi o compensi, sia di dichiarazioni sostitutive di atto notorio.

Una prima parte riguarda:

- la segnalazione raggruppata in fasce, dei ricavi/compensi 2019, dell'importo puntuale del fatturato aprile 2019, aprile 2020, dell'ipotesi se il soggetto richiedente abbia iniziato l'attività dopo il 2018 e, infine, l'indicazione del domicilio fiscale o sede operativa nei Comuni colpiti da eventi calamitosi il cui stato di emergenza covid-19 è stato dichiarato prima, (cosiddette Zone Rosse). Queste due ultime circostanze consentono di accedere al fondo, anche nella misura minima che ricordiamo essere € 1.000,00 per le persone fisiche ed € 2.000,00 per le società, anche se non si verifica il requisito essenziale vale a dire la diminuzione di fatturato o se per ragioni tecniche non fosse possibile il confronto con il 2019.

Un area specifica riguarda l'indicazione dell'iban riferito al conto corrente sul quale si intende ricevere il contributo, mentre una successiva è dedicata a tutti coloro che, ricontrollando i volumi, vorranno rinunciare alla richiesta precedentemente formulata ed inviata, sino ad avvenuto accoglimento della domanda, come una sorta di ravvedimento operoso.

Una seconda parte riguarda:

- le dichiarazioni antimafia, nelle quali il dichiarante dovrà indicare il codice fiscale dei soggetti (compreso il familiare convivente), da sottoporre alla verifica di cui al D.Lgs. 159/2011 o, in alternativa, l'indicazione attraverso la spunta, di essere iscritto negli elenchi dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori di lavori non soggetti a tentativo di infiltrazione mafiosa, di cui all'art. 1 co. 52 L. 190/2012.

L'istanza dovrà essere redatta tramite software presente nella piattaforma telematica “Fatture corrispettivi” all'interno dell'area personale dell'Agenzia delle Entrate direttamente o attraverso delegato intermediario, oppure in alternativa potrà essere predisposto in formato pdf , firmato digitalmente dal soggetto richiedente e inviato tramite pec all'indirizzo indicato nelle istruzioni ministeriali.

Si raccomanda la massima attenzione durante la compilazione dell'istanza, poiché le sanzioni risultano alquanto gravose: in caso, infatti, di indebita percezione del contributo si applicano sia le disposizioni dell'art. 316 ter del codice penale che prevedono la reclusione da sei mesi a tre anni in caso di indebita percezione di erogazioni statali, nonché la confisca ai sensi dell'art. 322 ter c.p., fatte salve le ulteriori sanzioni per dichiarazioni mendaci, in tema di antimafia.

E' appena il caso di ricordare, infine, che il contributo spetta solamente a tutti coloro che hanno iniziato l'attività in data antecedente il 1° Maggio 2020.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Corrispettivi elettronici: anno nuovo, scontrino...elettronico nuovo!

Ecco un breve vademecum sullo scontrino elettronico al quale quasi tutti gli esercenti al minuto dovranno confrontarsi da quest'anno

Continua

Sale il "bonus Renzi" in busta paga

A partire daI 1° luglio 2020 i lavoratori si troveranno un "bonus Renzi" maggiorato in busta paga

Continua

La rivalutazione dei terreni, riaperti i termini fino al 30 giugno 2020

Anche quest'anno la legge di bilancio ripropone la possibilità di rideterminare il costo di acquisto di terreni edificabili e agricoli

Continua

Nuovi limiti al contante: chiarimenti su Pos, prelevamenti e buste paga

Ecco cosa cambia nel 2020 in merito a Pos obbligatorio, prelevamenti bancomat e retribuzione dei dipendenti

Continua

Pensioni con la Legge di Bilancio 2020, cosa cambia

Ecco quali sono le poche novità rispetto al 2019 e un quadro riassuntivo sulle vie d'uscita

Continua

Assenze da Coronavirus, quale gestione da parte del datore di lavoro

Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, fattispecie legate alle assenze dal posto del lavoro per il pericolo di contagio

Continua

Slitta la scadenza per CU, 730 e precompilati

Ecco cosa prevede il Decreto Coronavirus in merito alle scadenze relative agli adempimenti dichiarativi

Continua

Come si deducono i contributi nel regime forfettario

Ecco qual è il metodo per dedurre i contributi nel regime forfettario

Continua

In tempi di “contagio” le ferie possono essere imposte

Come giustificare le assenze in queste settimane di assenza dal lavoro

Continua

Il Covid-19 entra nel Documento di Valutazione dei Rischi

I datori di lavoro hanno l'obbligo di aggiornare il documento valutazione rischi

Continua

Credito d'imposta su locazioni commerciali interessati dalla chiusura

Nel decreto anti COVID-19 un nuovo credito di imposta per aiutare gli imprenditori in crisi

Continua

A Marzo ricavi e compensi senza ritenute

Fino al 31 marzo i ricavi non scomputano le ritenute. Introdotta l’esenzione delle ritenute d'acconto a beneficio di taluni soggetti

Continua

Nuovo rinvio delle scadenze di Aprile e Maggio, ma non per tutti

Le nuove moratorie su imposte e contributi previste dal nuovo "Decreto liquidità"

Continua

Decreto liquidità: i mini prestiti e le altre disposizioni fiscali

I prestiti bancari garantiti alle piccole e medie imprese e le ulteriori proroghe sugli adempimenti

Continua

Arriva il super bonus di 100 euro in busta paga di aprile

100 euro in busta paga a tutti coloro che hanno lavorato in sede nel mese di marzo e hanno dichiarato nel 2019 un reddito da lavoro dipendente sotto i 40 mila euro

Continua

La cassa integrazione durante maternità, permessi, ferie e congedi

Le compatibilità delle misure sulla gestione degli ammortizzatori sociali adottate dal Governo in presenza di più eventi tipici del rapporto di lavoro

Continua

730/2020: novità anche per gli eredi

Da quest'anno c'è la possibilità di presentare il modello 730 anche per il contribuente deceduto

Continua

Il decreto "Rilancio" riscrive la mappa delle scadenze

Varato il DL "Rilancio" ci apprestiamo a ridisegnare il calendario delle scadenze, tra vecchi e nuovi rinvii

Continua

Lo "slalom" tra indennità e finanziamenti a fondo perduto

Sotto la lente le novità del decreto "Rilancio", in attesa degli emendamenti in Parlamento

Continua

Dal 1° luglio nuova stretta alle auto aziendali

Aumenta la tassazione alle auto aziendali in base al tasso si inquinamento del veicolo

Continua

Dal 1° Gennaio 2020 le detrazioni dipenderanno anche dal forfettario

Forte diminuzione dell'effetto detrazioni in dichiarazione, con l'incidenza del reddito da imposta sostitutiva

Continua

Il contratto a termine alla luce del decreto "Agosto"

Nei contratti a termine è stata sospesa la causalità e i vecchi limiti previsti dai decreti “Poletti” e “Jobs Act”

Continua