Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Come poter sanare la propria debitoria fiscale?


L’accollo del debito d’imposta altrui è un istituto con cui poter estinguere i debiti fiscali
Come poter sanare la propria debitoria fiscale?

 

Negli ultimi anni, l’aumento della pressione fiscale e la crisi economica hanno condotto la maggior parte dei contribuenti persone fisiche e imprese ad aumentare il proprio debito fiscale nei confronti dello Stato e degli Enti locali.

Non ancora molto nota è la possibilità che i debiti con il fisco possano essere pagati da un terzo che si “aggiunge” al debitore originario.

L’istituto in questione è quello dell’accollo fiscale previsto dall’art. 8 dello Statuto del Contribuente L. 212/2000 e disciplinato dal D.L. 124/2019.

Tra il contribuente indebitato (detto accollato) e un terzo (accollante) viene redatto un accordo di accollo che viene notificato all’ente impositore o all’agenzia di riscossione.

Quest’ultime dovranno solo prendere atto della esistenza dell’accollante e non è richiesto un loro consenso in quanto trattasi di una operazione ad esse favorevole posto che il debito viene maggiormente garantito dall’esistenza di un ulteriore debitore.

L’accollante potrà estinguere il debito anche avvalendosi di rateazioni da richiedere direttamente all’ente creditore.

A partire dall’entrata in vigore del D.L. 124/2019 per il pagamento, in ogni caso, è escluso l'utilizzo in compensazione di crediti dell'accollante.

Ferma questa esclusione, sanzionata con la nullità della operazione di compensazione e l’irrogazione di pesanti sanzioni, l’istituto dell’accollo può essere valutato caso per caso al fine di alleggerire la propria posizione fiscale nei confronti di Comuni (pagamento di IMU, TARI, TASI) e dell'Agenzia delle Entrate.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Chi paga l'IMU in caso di cessazione di convivenza con figli?

Spetta all'ex convivente affidatario dei figli e con il diritto di abitazione nella casa familiare pagare l'IMU

Continua

Processo tributario, il contribuente può produrre dichiarazioni sostitutive di terzi

Cassazione: la produzione di dichiarazioni di terzi extra processuali è consentita e ha valenza indiziaria

Continua

Violazioni fiscali, non è sanzionabile chi soffre di una malattia neurologica

Non è imputabile ex art. 4 Dlgs 472/97 chi ha commesso una infedeltà o omissione dichiarativa a causa di una patologia neurologica

Continua

Rottamazione ter e "saldo e stralcio" erronee, come procedere

La comunicazione delle somma dovute ricevuta dall'Agenzia delle Entrate- Riscossione può essere impugnata o accettata parzialmente

Continua

Cartelle e rateazioni, sospesi i pagamenti fino al 31 agosto

Decreto Legge “Rilancio": ecco cosa prevede sulla sospensione dei termini di versamento dei carichi affidati all'agente della riscossione e sulle notifiche

Continua