Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Come quantificare il mantenimento pro (ex) coniuge e figli?


Tra gli elementi che influiscono sulla misura del mantenimento v'è l'assegnazione della casa familiare. Esempi pratici per comprendere meglio l'istituto
Come quantificare il mantenimento pro (ex) coniuge e figli?

 

Tra le condizioni da specificare in un ricorso per separazione o divorzio, la quantificazione del mantenimento pro coniuge/ex coniuge e figli è senza dubbio quella che potrebbe richiedere - sia alle parti, sia ai legali che le assistono - diverse valutazioni che vanno ad abbracciare svariati elementi, economici e non (ad esempio, le situazioni reddituali [1] e patrimoniali dei coniugi/ex coniugi).

Per favorire tale operazione di calcolo, esistono in commercio diversi software che permettono di quantificare il contributo al mantenimento, tenendo in conto tutti i criteri in gioco, personalizzando la posizione economica dei coniugi con l’inserimento di dati economico-patrimoniali ed ulteriori correttivi, come la permanenza dei figli con ciascuno dei due genitori o l’impegno nell’accudimento dei minori. I suddetti programmi calcolano i redditi disponibili di ciascun genitore e, di conseguenza, la misura del contributo dovuto, a favore dei figli, al coniuge collocatario. Per legge, infatti, entrambi i genitori contribuiranno, direttamente o indirettamente, ai bisogni della prole con almeno un terzo dei rispettivi redditi, considerate le rispettive spese.

Tali sistemi informatici utilizzano impostazioni giuridiche, basate sulla concreta esperienza giudiziaria, modulate su rigorosi criteri matematico-proporzionali, in una cornice giuridica offerta dalle norme e dai principali orientamenti giurisprudenziali, di merito e della Cassazione.

Ad esempio, per un padre con busta paga mensile di circa Euro 1.800,00, con oneri mensili complessivi di circa Euro 750,00, il contributo mensile a favore dei figli sarà di Euro 200,00 totali, laddove vi sia una madre collocataria con solo Euro 600,00 di reddito mensile (oltre Euro 200,00 per assegni familiari, che contano anch’essi come reddito), con il godimento di una casa coniugale del valore locativo mensile di Euro 1.000,00, nella quale abita con due figli e con una permanenza dei figli presso il padre per il 70% del tempo.

Ovviamente, infatti, la quota di risorse economiche che il genitore impiega direttamente nel tempo in cui il figlio è presso di sé (cd. mantenimento diretto) influisce sulla quota che ciascuno dei genitori deve assicurare per il sostentamento del figlio quando questi sia presso l’altro genitore (mantenimento indiretto).

Nell’esempio sopra riportato, non è previsto alcun contributo per il coniuge, stante il valore della quota immobiliare anzidetta e considerato il criterio della autosufficienza ed autoresponsabilità economica.

Tra gli elementi che si devono considerare per il calcolo dell’assegno di mantenimento, vi è senz’altro quello della casa familiare e della sua assegnazione: tale elemento avrà inevitabili ripercussioni sulla quantificazione dell’assegno di mantenimento solo nei rapporti tra i coniugi (se siamo nell’ambito della separazione) o tra ex coniugi (se siamo nell’ambito del divorzio).

Ricordiamo che la casa familiare è posta a tutela dei figli minori e, in ragione di tanto, viene assegnata al genitore presso il quale i figli vengono collocati prevalentemente, indipendentemente dal titolo di proprietà.

In via esemplificativa: a Tizia, madre di Sempronio e Caia, viene assegnata la casa familiare in quanto collocataria prevalente dei figli minorenni, e ciò anche se la casa è di proprietà al 50% del padre Primo (e ciò anche se la casa fosse di proprietà al 100% del padre Primo).

Andrà, innanzitutto, considerato - sia nell’ambito della separazione sia nel divorzio - a quale genitore venga assegnata la casa coniugale. Laddove, infatti, vi sia contitolarità dell’abitazione familiare (o, addirittura, titolarità esclusiva dell’immobile in capo al genitore non assegnatario della casa coniugale), l’assegnatario della casa coniugale dovrà parzialmente compensare la perdita di godimento del non assegnatario attraverso una riduzione dell’assegno di mantenimento a proprio favore. Riequilibrio che, però, andrà attuato solo nei rapporti economici tra i coniugi e non anche nei confronti dei figli. Garantire alla prole una casa costituisce, infatti, obbligo prioritario e comune ai genitori, che si affianca al mantenimento ordinario previsto a favore dei figli.

Si dovrà, pertanto, determinare il valore economico del godimento dell’immobile destinato a casa coniugale, utilizzando il suo ipotetico valore locativo di mercato (l’effetto di tale principio potrebbe essere quello che, qualora l’importo ipotetico e convenzionale attribuito alla quota di godimento risulti superiore all’importo dell’eventuale assegno dovuto, non sarà dovuto alcun assegno perequativo).

Ad esempio: astrattamente Tizia avrebbe diritto a ricevere da Primo un assegno di mantenimento mensile pari a Euro 500,00. A Tizia è stata assegnata la casa familiare di proprietà esclusiva di Primo. Il canone di locazione di un immobile analogo alla casa familiare è pari a Euro 350,00 mensili. Si ritiene equo che l’assegno di mantenimento a favore di Tizia da parte di Primo sia pari a Euro 150,00 mensili.

Andranno, inoltre, monetizzati, in termini virtuali, tutti gli elementi che costituiscono il patrimonio di ciascun coniuge, da cui verranno sottratti tutti gli oneri versati a vario titolo, per utenze, canoni di locazione, et similia.

Orbene, meticolosità, precisione, propensione all’ascolto - che connotano il nostro metodo lavorativo - Vi consentiranno di ottenere una giusta quantificazione dell’assegno di mantenimento pro coniuge/ex coniuge e figli, abbattendo così alla fonte evitabili discussioni nel nuovo regime derivante dalla separazione e divorzio. Siamo a Vostra disposizione anche solo per fornirVi un parere sulla quantificazione del mantenimento!


___________________________________________________________________
[1] Sarà opportuno venga quantificato preliminarmente il cd. reddito familiare, risultato della somma dei redditi di entrambi, al fine di determinare se e a quanto ammonti l’assegno di mantenimento per il coniuge/ex coniuge, come riequilibrio dell’eventuale sproporzione tra le rispettive posizioni economiche. Determinati i singoli redditi dei due coniugi, si potrà ricavare, altresì, la rispettiva proporzione monetaria rispetto al totale dei redditi che costituivano il reddito familiare complessivo in regime di convivenza. Tale proporzione costituisce un elemento oggettivo fondamentale per stabilire l’eventuale integrazione a favore del coniuge/ex coniuge che ha redditi minori e che risulti penalizzato dalla separazione o dal divorzio.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Separazione di fatto e separazione legale: quale differenza?

Solo la separazione legale - consensuale o giudiziale - ha efficacia giuridica e ciò la distingue dalla separazione di fatto

Continua

I vantaggi di una separazione e di un divorzio congiunto

Procedura più snella, spese contenute, mantenimento dei rapporti interfamiliari: ecco le ragioni per preferire un accordo di separazione e di divorzio

Continua

Convivenza e unione civile, differenze e tutele

Accanto alla famiglia tradizionale fondata sul matrimonio, si affermano sempre più le convivenze e le unioni civili. Il ruolo fondamentale del legale in questo ambito

Continua

Ai diritti dei bambini corrispondono i doveri dei genitori

Tutelare il superiore interesse del minore significa anche non esporlo ai conflitti tra genitori

Continua

Il fondo patrimoniale: cassaforte del patrimonio della famiglia

Il fondo patrimoniale, se usato propriamente, può assicurare risorse ai bisogni della famiglia

Continua

Tutti possono guardare al futuro con più ottimismo!

La legge sul dopo di noi, mediante la regolamentazione del trust, ha introdotto tutele a favore dei disabili

Continua

Il testamento: tutela dell’individuo e della sua volontà

Il testamento è l’atto che contiene le disposizioni di ultima volontà. Per questo va redatto come prescrive la legge

Continua

Infortuni sul lavoro e inosservanza delle misure di sicurezza

La mancata attuazione delle misure di sicurezza e il conseguente infortunio sul lavoro espongono il datore di lavoro inadempiente a una responsabilità civile e penale

Continua

Fondo di Garanzia Inps, recupero dei crediti nei rapporti di lavoro

Tra gli istituti a tutela del lavoratore, il Fondo di Garanzia Inps ha un ruolo decisivo in caso di fallimento del datore di lavoro

Continua

Licenziamento, conoscere l'istituto per una maggiore tutela

Il licenziamento per giusta causa e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Quali tutele per il datore di lavoro e per il lavoratore

Continua

Il mobbing: caratteristiche, risvolti procedurali e risarcitori

Il mobbing, nelle sue varie accezioni (verticale/orizzontale, straining), implica un comportamento, reiterato, che incide sulla salute psichica del lavoratore

Continua

Il procedimento disciplinare per lavoratore e datore di lavoro

Il procedimento disciplinare: dalla contestazione all'(eventuale) irrogazione della sanzione

Continua

Il Coronavirus e gli effetti sui contratti già stipulati

Le limitazioni imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covit-19 quali causa di risoluzione dei contratti per impossibilità sopravvenuta

Continua

Covid-19: tutela del diritto di visita di genitori separati/divorziati

Resta inalterato il diritto di visita dei figli, trattandosi di spostamento necessario rientrante tra le situazioni di necessità

Continua

Gli effetti del Coronavirus sui contratti di locazione

Sospensione/riduzione dei canoni di locazione per immobili sia ad uso abitativo sia ad uso commerciale. Cenni agli studenti universitari, lavoratori emigrati e negozi.

Continua

Coronavirus, asili e scuole private: sono dovute le rette?

Scuole e asili chiusi a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: linee guida se le scuole private chiedono il pagamento delle rette

Continua

Smart working, lavorare ai tempi del Coronavirus

Lo smart - working, oggi largamente imposto a tutela della salute pubblica, se usato in modo intelligente, può inaugurare un nuovo rapporto tra lavoratori e datori

Continua

No al licenziamento per il lavoratore assente che assiste il disabile

Con la chiusura dei centri residenziali per i provvedimenti restrittivi da Covid-19, molti lavoratori si trovano licenziati per aver assistito il familiare disabile

Continua

Apertura e gestione del conto o del libretto pupillare: serve il giudice tutelare?

Trattasi di operazioni rientranti negli atti di ordinaria amministrazione, ragion per cui è superflua l'autorizzazione del Giudice Tutelare

Continua

Minori in conflitto di interesse con i genitori. Il curatore speciale

Tra i casi in cui è opportuna la nomina del Curatore Speciale v'è la sussistenza di un conflitto di interessi tra figlio e genitori: ruolo e funzioni

Continua

Coronavirus: mantenimento dei figli nelle separazioni e nei divorzi

La crisi economica da Coronavirus ha inevitabilmente effetti nelle famiglie di genitori separati e divorziati con riguardo al quantum del mantenimento pro figli

Continua

Family Act in arrivo: ecco cosa prevede

Il Family Act prevede una serie di misure per il sostegno economico delle famiglie con figli a carico. Illustriamone il contenuto

Continua

L'amministrazione di sostegno: funzioni e ruolo

L'amministrazione di sostegno è quell'istituto flessibile che ha il nobile obiettivo di valorizzare l'autodeterminazione del singolo, affiancandolo nel quotidiano

Continua

Bigenitorialità e tutela del minore

Perché è importante per il minore mantenere il rapporto con entrambi i genitori anche in fase di separazione e divorzio. Il pernottamento presso il padre

Continua

I diritti relazionali nell'infanzia e il ruolo dei nonni

Quanto i nonni e i parenti sono importanti per la crescita dei minori. Vivere in armonia è possibile se tutti si danno da fare!

Continua

Covid-19 e locazione commerciale: riconosciuta la riduzione del canone

Riconosciuta anche dal Giudice la opportunità di rinegoziare i canoni di locazione relativi a immobili non utilizzabili in ragione delle misure limitative per Covid-19

Continua